MILAN JUVENTUS/ Boateng sicuro: rossoneri più forti di Inter e Juve

- La Redazione

Prince Boateng, dalla pagine de Il Corriere dello Sport, in occasione di Milan – Juventus si presenta decisamente sicuro di sé

princeboatengR400
Kevin Prince Boateng (Foto: ANSA)

– «E` una gara come tutte le altre: durerà 90`, in campo andranno undici giocatori per parte e ognuno cercherà di dare il massimo per vincere»: così. Prince Boateng, dalla pagine de Il Corriere dello Sport, si presenta decisamente sicuro di sé, in occasione dello scontro con la Juventus. Sul risultato il giocatore ha pochi dubbi: «Se il Milan giocherà ai 100% del suo potenziale non vedo ostacoli: i tre punti saranno nostri», afferma. E aggiunge: «Non dobbiamo avere paura di nessuno, non dobbiamo preoccuparci dei nostri avversari, ma solo concentrarci per compiere al meglio il nostro lavoro». Sui due gol inflitti dal Real Madrid, poi, commenta: «Non abbiamo lavorato bene, soprattutto in difesa. E il nostro atteggiamento non è stato quello giusto».

CLICCA >> QUI SOTTO PER CONTINUARE A LEGGERE L’ARTICOLO

 Milan – Juve, in sostanza, rappresenterà l’occasione per riscattarsi. «Un nostro successo – continua – sarà la migliore delle risposte a quella brutta serata». Boateng sa bene quali carte giocarsi. «Sono abituato – sepiga- a fare di tutto per far vincere la mia squadra. Vedo gli avversari come nemici e il mio lavoro, la mia missione, è quello di annientarli». Solo in campo, ovviamente. Perché fuori «Sono il ragazzo più gentile e tranquillo del mondo. Mi piace ridere e scherzare». E i tifosi rossoneri apprezzano. «Sentire invocare il mio nome mi carica e io faccio di tutto per renderli felici».A chi gli chiede, infine, di dire la sua su chi sia più forte tra Juventus e Inter, Boateng ancora una volta si mostra sicuro di sé, e risponde: «Il Milan».

Leggi anche: ESCLUSIVA GENOA INTER/ Onofri: nerazzurri corazzata con la pancia piena

Leggi anche: CALCIOMERCATO/ Juventus Inter, lite Cassano-Garrone: addio a gennaio?

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori