CRISI ROMA/ Ranieri cambia: basta intoccabili

- La Redazione

Discorso a Trigoria dopo la sconfitta del San Paolo

totti_sconsolato_r375x255_05mag10
Francesco Totti (Ansa)

CRISI ROMA – Da oggi si cambia in casa giallorossa. Dopo la sconfitta del San Paolo contro il Napoli, la quarta capitolazione dallo scorso agosto, a Trigoria è pronto il pugno di ferro. Il nuovo diktat imposto da Claudio Ranieri e appoggiato dalla dirigenza è “basta intoccabili!”. Il tecnico testaccino lo aveva capito già dalla ripresa degli allenamenti dello scorso luglio che quest’anno sarebbe stata dura. Il gruppo di romani, tanto elogiato nella passata stagione, ha perso le motivazione che nel 2009-2010 gli hanno fatto sfiorare il miracolo. Ritrovarle sarà dura ma Ranieri vuole crederci fino alla fine.

Dopo essere tornato da Napoli, una volta arrivati a Trigoria, il tecnico ha riunito tutti i giocatori, ad eccezione dei nazionali Borriello, Vucinic, Menez e Castellini, parlando per quasi mezz’ora. «Forse sono stato io a trasmettervi troppa pressione, per la voglia di risalire la china – una delle frasi del mister riportate da Il Corriere dello Sport – Si riparte tutti alla pari, faccio giocare chi sta meglio, così non si può andare avanti. Ma sicuramente ci solleveremo».

Un chiaro avvertimento quello di Ranieri, nessuno dei giocatori giallorossi deve sentirsi sicuro ed adagiarsi sugli allori. Un discorso condiviso in toto dalla dirigenza come le parole della presidentessa Rosella Sensi testimoniano: «La Roma supererà questo momento – ha detto – se avessimo vinto a Brescia… Ranieri saldo al comando? Ci mancherebbe. Lui e Totti si devono parlare tra di loro, nello spogliatoio».



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori