PAGELLE/ Brescia Juventus (1-1): i voti, la cronaca, il tabellino (undicesima giornata)

- La Redazione

Un super gol di Diamanti nega ai bianconeri i tre punti

quagliarella_pepe_R400_10nov10
Quagliarella vicino il rientro (Foto Ansa)

Un punto che felice il Brescia e meno la Juventus ma a ben vedere il pareggio è il risultato più giusto. Rondinelle meglio nel primo tempo, nella ripresa cresce la squadra di Delneri che si porta in vantaggio con Quagliarella ma viene raggiunta da un eurogol di Diamanti

Più Brescia che Juventus nei primi 45 minuti con la squadra di Iachini che ha almeno 4 ghiotte palle gol tutte più o meno sprecate. Caracciolo in area piccola spara alto e dopo pochi minuti non arriva per un soffio a deviare un invitante pallone di Diamanti. Traversa di Eder ma c’èe anche la Juventus che con Quagliarella va vicinissima al vantaggio: Arcari però compie un miracolo e nega all’attaccante napoletano la gioia del gol

Brescia che soffre la pressione della Juventus che parte forte, tentando di prendere in mano le sorti della partita. Il gol però non arriva nonostante i bianconeri costruiscano. Manca qualcosa a centrocampo e l’entrata di Iaquinta porta vitalità. E’ però il solito Quagliarella a portare in vantaggio la Juventus ma la gioia dura poco. Ci pensa Diamanti con un gol da cineteca a riportare il risultato in parità.

1-1 (0-0)

 

26′ Quagliarella (J), 28′ st Diamanti (B).

 

(4-3-2-1): Arcari; Berardi, Zebina, Martinez Vidal, Daprelà; Hetemaj, Cordova, Baiocco (31′ st Vass); Diamanti (41′ st Possanzini), Eder (18′ st Kone); Caracciolo. (Leali, Zambelli, Bega, Budel). All. Iachini.

 

(4-4-2): Storari; Motta, Bonucci, Chiellini, Grosso; Pepe (34′ st Salihamidzic), Aquilani (31′ st Lanzafame), Sissoko, Marchisio; Quagliarella, Del Piero (13′ st Iaquinta). (Costantino, Sorensen, Camilleri, Giandonato). Allenatore: Delneri.

 

Damato di Barletta.

 

Serata fresca, terreno in buone condizioni. Ammoniti Pepe (J), Motta (J), già diffidato, Caracciolo (B), Berardi (B), Grosso (J). Angoli 2-0 per la Juventus. Recupero: 0′ pt, 3′ st.

 

Storari 6 Nulla può sul gol sul resto ordinaria amministrazione

 

Motta 5,5 Fa il suo compitino ma Delneri da lui vuole più dinamismo specialmente in fase offensiva

 

Chiellini 6 Rientra dall’infortunio tenta di contenere come può Diamanti

 

Bonucci 5,5 Qualche sbavatura di troppo sia su Caracciolo che Eder

 

Grosso 6 Ancora titolare non fa rimpiangere l’assenza di De Ceglie. Si proietta alcune volte con pericolosità in avanti

 

Pepe 6,5 Tanta corsa sulla destra, la fascia in cui partono le azioni bianconere più pericoloso. Dal 34st Salihamidzic s.v

 

Sissoko 5 Si vede che non è ancora al top. E il centrocampo bianconero ne risente

 

Aquilani 5,5 Qualche fiammata condita da momenti di apatia. Dal 31 st Lanzafame s.v

 

Marchisio 6 Parte come esterno sinistro poi passa alla destra. Cerca di lottare e di coprire facendo anche il lavoro dei compagni

 

Del Piero 5 Nella settimana del suo compleanno dispiace dargli un voto così. Ma forse siamo stati ancora troppo buoni… Dal 10 st Iaquinta 6,5 che porta vivacità a un reparto che per 55 minuti è rimasto in ombra

 

Quagliarella 7 E’ in splendida forma e si vede. Segna, crea, si rende pericoloso.

 

 

Arcari 7 Uno dei migliori in campo come capitato a Milano contro l’Inter. Compie un miracolo nel primo tempo su Quagliarella

 

Berardi 5,5 Tenta come può di non cedere la fascia destra agli esterni bianconeri. Ci riesce in parte

 

Zebina 6,5 Altra prova maiuscola del francese che tutti davano per finito. A cominciare da alcuni dirigenti bianconeri Martinez 6 Tenta di arginare come può l’attacco bianconero

 

Daprelà 5,5 Il ragazzo deve maturare anche se non è facile essere buttati nella mischia in una gara difficile come quella contro la Juventus

 

Hetemaj 6 Il giovane kossovaro di passaporto finlandese anche stasera è una spina nel fianco del centrocampo avversario

 

Cordova 5,5 Qualche buon pallone poi momenti in cui trotterella in campo

 

Baiocco 6 Lotta come un leone anche se alcune volte esagera con il possesso di palla. Al 31st Vass s.v

 

Diamanti 7,5 Un gol da vedere e rivedere per gli amanti del football. Dispensa assist e cross dolci come il miele. Se continua così il Brescia ha un’arma potentissima tra le mani. All’85 Possanzini s.v

 

Eder 6,5 Vivace,tonico, prende una traversa che merita miglior sorte. Dal 18st Kone 5,5 che tenta di tamponare più che costruire

 

Caracciolo 5,5 Si divora un gol incredibile nel primo tempo. Lotta come sempre ma è meno incisivo del solito

 

(Eugenio Monti)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori