SERIE A/ Presentazione 17a giornata: a pranzo Lazio Udinese, stasera Sampdoria Genoa

Stasera il derby della Lanterna

19.12.2010 - La Redazione
goljuve_R375_10nov08
Foto: ANSA

Vittoria ieri della Roma a Milano che riapre di fatto la corsa scudetto. Nel primo incontro della giornata festiva alle 12,30 c’è Lazio – Udinese. I giocatori biancoazzurri devono ritrovare il gioco e anche la vittoria dopo la sconfitta di Torino. Non è un impegno facile, quello dell’Olimpico contro l’Udinese. C’è anche da fermare Totò Di Natale. La Juventus va a Verona contro il Chievo. Non è certo una trasferta abbordabile, contro una squadra che gioca un buon calcio e che sa offrire prove di grande carattere con le cosidette big del campionato. Ma una Juventus che vuole puntare allo scudetto deve saper portare a casa i tre punti. Ci vuole una prova di maturità della squadra bianconera, che finora è mancata di continuità in certe partite.

Parma – Bologna è il derby della via Emilia, una sfida salvezza, vista la classifica precaria delle due squadre. Ducali a diciotto, Bologna a diciannove. Favoriti i primi. Il Napoli, dopo aver eliminato lo Steaua Bucarest in Europa League, cercherà di ripetersi con il Lecce. Per puntare in alto questa partita la squadra di Mazzarri deve assolutamente vincerla.

Bari – Palermo è un po’ una partita da ultima spiaggia per i pugliesi. Dieci punti in classifica, ultimo posto, quattro dalla zona salvezza. Situazione molto difficile. Il Palermo dal canto suo deve cercare di mostrare il suo rendimento esterno se vuole puntare alla Champions League. A Catania arriva il Brescia del neoallenatore Beretta, caricato dalla vittoria con la Sampdoria. Anche questo è spareggio salvezza. I siciliani comunque in casa sanno offrire sempre prove confortanti.

 

E poi domenica sera alle 20,45 si gioca il Derby della Lanterna. Sampdoria e Genoa sono quasi appaiate in classifica. Blucerchiati a ventitre punti, rossoblù a ventuno. Tutte e due le squadre vengono da una sconfitta in campionato. Trattandosi di derby è d’obbligo comunque la tripla.

 

(Franco Vittadini)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori