CALCIOMERCATO/ Vieri in Brasile pensa al ritorno in campo?

- La Redazione

da verificare la voce di mercato che vede Vieri pronto al rientro con una squadra brasiliana. L’anno scorso una voce simile venne smentita.

vieri_R400

Rimettersi in gioco alla bellezza di 37 anni. Christian Vieri, ex bomber giramondo (ha militato nel corso della propria carriera in ben 12 squadre: Torino, Pisa, Ravenna, Venezia, Atalanta, Juventus, Atletico Madrid, Lazio, Inter, Milan, Monaco e Fiorentina) tornerà a calcare i campi da gioco.

E come palcosecnico della propria rinascita sportiva ha scelto il Brasile: più precisamente il Boavista di Rio de Janeiro, una squadra brasiliana semiprofessionistica che disputa il campionato regionale, paragonabile alla nostra Lega Pro (la C1 di un tempo) a livello nazionale. A rivelarlo alla stampa è stato niente meno che il direttore generale del club, Joao Paulo Magalaes Lins che, in un’intervista pubblicata dal magazine sportivo Lance, ha svelato interessanti particolari sulla presunta nuova avventura del bomber bolognese: Vieri si starebbe allenando da almeno un mese nelle strutture del Boavista in vista del torneo, che prenderà il via il 19 gennaio.

CLICCA SUL SIMBOLO >> PER CONTINUARE A LEGGERE LA NEWS SU BOBO VIERI

Joao Paulo Magalaes Lins, oltre che direttore generale anche amico personale dell’attaccante, ha aggiunto: "Il tema salariale lo abbiamo già risolto. Christian fisicamente sta molto bene e si presenterà alla stampa indossando la nostra maglietta una settimana prima dell’inizio del campionato".

 

Restano comunque molti dubbi sulla veridicità della notizia: l’anno scorso, precisamente ad ottobre, fece il giro dei media sportivi la notizia di un imminente ritorno al calcio giocato di Bobo Vieri, notizia suffragata dai titoloni dei quotidiani brasiliani con tanto di dichiarazioni del presidente della società paulista (Il Botafogo di Ribeirão Preto) e una fantomatica intervista telefonica a Bobo. Tutto smentito in serata dall’entourage del calciatore. Oggi ci risiamo. Sarà la volta buona o assisteremo ad un’altra secca smentita?

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori