INTER/ Moratti e Severgnini difendono il Balotelli presunto rossonero

- La Redazione

Il patron nerazzurro commenta la presenza sugli spalti di San Siro del giovane attaccante

Balotelli_ScudettoR375

INTER MILAN BALOTELLI – Nessun caso anzi è tutto nella norma. Massimo Moratti è interventuo ieri sera sul caso Balotelli dopo che il giovane attaccante era stato visto sugli spalti dello stadio San Siro in occasione della sfida fra il Milan e il Manchester United. insieme all’ex compagno di squadra Amantino Mancini. Subito si è accostato il nome del giocatore ad un futuro rossonero, ma come spiegato in esclusiva da Ilsussidiario.net, si tratta semplicemente di una favola calcistica. L’episodio è stato commentato anche dal patron nerazzurro Massimo Moratti, padre putativo del giovane Balotelli. Il presidente nerazzurro, come accaduto spesso in passato, è intervenuto in difesa del proprio giocatore cercando di abbassare i toni e calmare le acque.

«Non ci vedo niente di scandaloso – dice il numero uno di corso Vittorio Emanuele – noi siamo prudenti a dare giudizi – ha aggiunto parlando della prossima gara col Chelsea – di sicuro le partite contro le squadre inglesi sono difficilissime. Si è visto ieri sera fra Milan e Manchester e anche noi affronteremo una squadra fortissima. E’ importante che Eto’o voglia ritrovare la condizione in modo che esploda e faccia vincere l’Inter. Osservando la professionalità dei giocatori e di Mourinho potremo fare bene».

Intanto sulla vicenda ieri sera è intervenuto Beppe Severgnini, tifoso interista ed editorialista de Il Corriere della Sera e La Gazzetta dello Sport. Il noto giornalista ha bollato il caso Balotelli come pure e semplice «dietrologia» e ha difeso l’attaccante nerazzurro, come capitato anche in altre occasioni dalle colonne dei due quotidiani per cui lavora. «Balotelli è soltanto un ragazzo siamo noi giornalisti a essere dietrologi, magari era andato lì per il Manchester e non per il Milan» ha concluso scherzando.

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori