ESCLUSIVA OLIMPIADI VANCOUVER 2010/ Fratelli Moelgg, Manuela e Manfred: regalateci una medaglia!

Lo Olimpiadi entrano nel vivo e nella prossima settimana si correranno le gare tecniche dello sci alpino. I fratelli MOELGG, tra i migliori interpreti azzurri in slalom e gigante, ci raccontano sensazioni e aspettative

21.02.2010 - La Redazione
Moelgg_fratelli_R375_19feb10
Moelgg oggi può puntare a una medaglia (Foto Ansa)

ESCLUSIVA VANCOUVER – Manfred e Manuela Moelgg sono due delle maggiori speranze azzurre di medaglia nello sci alle Olimpiadi di Vancouver. Manfred, specialista delle discipline tecniche, ha già conquistato un argento ai Mondiali di Are in Svezia nel 2007 nello slalom speciale e ha vinto la Coppa del mondo di specialità nel 2008. Anche Manuela pratica le discipline tecniche e vanta 8 podi in Coppa del Mondo. Manfred e Manuela raccontano le loro aspettative in esclusiva per ilsussidiario.net.

Manfred, Come arrivi a questo appuntamento così importante delle Olimpiadi di Vancouver?

Con la giusta tranquillità. Abbiamo lavorato con serietà e intensità. Le cose sono molto migliorate nell’ultimo mese e anche i risultati sono arrivati. Adesso si tratta di raccogliere i frutti dei nostri sacrifici.

Punti a una medaglia?

E’ chiaro che il sogno massimo di uno sciatore sia una medaglia a prescindere dal colore. Abbiamo buone possibilità di farcela, speriamo che anche la fortuna ci assista.

Quali sono gli avversari da temere in speciale e gigante?

Gli austriaci sono sempre avversari pericolosi in qualsiasi disciplina. In slalom i vari Raich, Herbst, Pranger giocano per il podio. Cii aggiungerei anche il francese Lizeroux. In gigante Cuche e Janka sono pericolosi, però anche la nostra squadra è forte.

Hai già visto la pista di Vancouver? Come la giudichi?

Da quello che abbiamo visto non è un tracciato particolarmente difficile, ma come sempre conterà arrivarci nella giusta condizione. Quando si ha il feeling giusto con i propri sci e c’è la necessaria fiducia in sé stessi, si può andare lontano.

Un pronostico su Manuela alle Olimpiadi?

Non faccio pronostici su di lei, so che è forte e lo dimostrerà sia in gigante che in slalom.

Manuela, Cosa ti aspetti da queste Olimpiadi?

Innanzitutto sono orgogliosa di parteciparvi e difendere i colori dell’Italia. Poi posso dire che darò tutto quello ho e anche di più. Vedremo cosa sarò capace di fare. Sarà una sfida con me stessa prima che con le avversarie.

 

Conosci Vancouver e il Canada?

Ci sono stata in passato in varie località come Panorama, Lake Louise ma mai a Whistler. Sarà una bella esperienza. Il Canada è un bellissimo Paese, con paesaggi e scenari meravigliosi.

 

Quali sono gli avversari più forti in speciale e gigante?

In slalom Schild, Zettel, le sorelle Riesch, Aubert. Fra le porte larghe Zettel, Maze, Poutiainen, Hoelzl e anche la giovane Rebensburg.

 

Quali delle ragazze italiane possono vincere a Vancouver?

In gigante la nostra squadra ha dimostrato di essere probabilmente la più forte del lotto, quindi possiamo andare in medaglia con tutto il quartetto che correrà.

 

Un pronostico su Manfred alle Olimpiadi?

Mi piacerebbe che tornasse con una medaglia, non mi interessa in quale disciplina. E magari se lo facciamo in due è ancora meglio…

 

(Franco Vittadini)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori