Napoli Calciomercato/ Marino confessa: Di Natale fu a un passo!

- La Redazione

L’ex dirigente di Udinese e Napoli racconta le due esperienze professionali con qualche retroscena di mercato.

marinoR375_01ott08
Pierpaolo Marino ex ds di Napoli e Udinese

CALCIOMERCATO NAPOLI – Domenica si giocherà Udinese-Napoli e il Corriere dello Sport ha intervistato Pierpaolo Marino, ex dirigente di entrambe le società. “Sono quelle partite da guardare non con il cuore, perchè ho ricordi stupendi nei due ambienti”. La favola di Udine, con la famiglia Pozzo. “Un rapporto bellissimo, mi hanno accolto come uno di famiglia, spesso ci sentiamo telefonicamente, quindi giorni fa il presidente ha rifiutato un’offerta di 15 milioni di euro, presentata dal sottoscritto, da parte di una società estera per Zapata”.

Non solo Udinese, nel suo cuore c’è anche il Napoli, dove ha lavorato negli anni d’oro dello Scudetto “che ricordi con De Napoli e Carnevale” e negli anni della rinasciata, dalla Serie C alla Serie A. “La squadra di oggi è frutto del mio lavoro, ringrazio Mazzarri che ha riconosciuto il mio operato. Questa squadra non è solo Hamsik e Lavezzi, ci sono i vari Grava, acquistato in C ed ora protagonista nella massima serie, Santacroce, De Sanctis, pagato 1 milione di euro, mentre Donadoni voleva Amelia, che costa cinque volte tanto”.

Con il presidente del Napoli, De Laurentiis, non è finita bene, come conferma lo stesso Marino: "Da allora non abbiamo avuto più nessun contatto telefonico". Finale con un retroscena di mercato: "Oltre a Quagliarella, volevo portare a Napoli anche D’Agostino e Di Natale, ma sul primo la famiglia Pozzo mi disse che c’era la Juventus, mentre con il secondo avevamo trovato l’accordo con la società friulana, ma fu lo stesso giocatore a rifiutare il trasferimento".



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori