Inter Calciomercato/ Moratti rassicura «Non vendiamo Balotelli!», ma il talento scalpita…

Non è da escludere una partenza a fine anno della giovane promessa di casa Inter

20.03.2010, agg. il 21.02.2019 alle 03:35 - La Redazione
Balotelli_R375_28gen09
Mario Balotelli, foto Ansa

CALCIOMERCATO INTER – Fa discutere la seconda esclusione consecutiva di Mario Balotelli. Il giovane talento nerazzurro è stato spedito “dietro la lavagna” in occasione della gara dello Stamford Bridge e la punizione terminerà, forse, dopo la trasferta di Palermo di questa sera. Balotelli dovrà soffrire nuovamente davanti allo schermo nel vedere i propri compagni cercare di conquistare qualcosa di importante. Una doppia esclusione voluta da Mourinho che come minimo comun denominatore recita una sola cosa: nelle gare importanti non ci serve Supermario.

Non serve Balotelli, o per lo meno, non quel ragazzotto svogliato in allenamento e a volte troppo strafottente. Serve invece quello che corre, si batte, dribbla gli avversari e segna reti da superstar. Una situazione che inizia però a destare qualche preoccupazione. C’è infatti il rischio che alla Pinetina, con le dovute proporzioni, stia per nascere una nuova patata bollente stile Adriano. Moratti, Mancini, Mourinho e tutti gli staff tecnici fecero di tutto per cercare di recuperare il brasiliano per poi cedere e spedire il giocatore nelle favelas. Potrebbe accadere lo stesso con Balotelli.

Il giovane attaccante ha tra l’altro moltissimi estimatori in Inghilterra ed una cessione all’estero, dietro un ricavo di circa 20/25 milioni di euro, potrebbe essere meno pesante del previsto. Sulla questione, comunque, c’è il monito di Massimo Moratti: «Non è la prima volta che lo dico – interviene il patron nerazzurro – ma fughiamo lo stesso il dubbio definitivamente: Mario è un giocatore nostro, molto forte, con un talento notevole e che professionalmente pensiamo possa essere assai utile per il futuro. Penso che la situazione maturata in questi ultimi giorni sia temporanea, niente di più. Non c’è nessun progetto di darlo via o che lui se ne debba andare. Pieno accordo con Mourinho? Assolutamente». Ma fino a quando questa situazione potrà perdurare, e soprattutto, Raiola starà a guardare in silenzio?

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori