LE PAGELLE/ Sampdoria – Juventus (1-0): le pagelle dei bianconeri

Ancora una sconfitta per i bianconeri che cadono grazie a una perla di Cassano dai 30 metri

21.03.2010 - La Redazione
cassano_azione_R375x255_21mar10

Ancora una sconfitta. Sembra non terminare il periodo nero della Juventus che dopo l’eliminazione dall’Europa League e il passo falso contro il Siena cade anche a Genova contro la Doria. I bianconeri vengono sconfitti da una perla di Antonio Cassano da 30 metri che ritorna al gol dopo il lungo stop.

6 – Dopo la pioggia di conclusioni e goal del ‘Craven Cottage’, oggi per quasi tutta la gara il buon ‘Zucchina’ si limita ad una prestazione da spettatore non pagante. Al 73′, chiamato in causa per la prima volta da un colpo di testa di Gastaldello fa un figurone, ma poi rovina tutto sul gol di Cassano. Nel finale si riscatta volando a respingere una botta di Mannini e uno spiovente del giovane Testardi, ma l’errore in occasione del gol-partita pesa come un macigno.

5.5 – In zona difensiva gli si può imputare poco o nulla, ma per tutta la durata della gara manca la spinta sulla fascia.

7 – Per settimane è stato il più criticato e dopo la dèbacle contro il Fulham è stato oggetto di contestazione ‘ad personam’. Quest’oggi il Capitano della Nazionale ha dato prova d’orgoglio disputando una prova senza sbavature.

6 – Tenere a bada due come Cassano e Pazzini non è certo roba da poco, ma in collaborazione con Cannavaro, anche il ‘pio’ Nicola svolge in maniera sufficiente il proprio compito. Ammonito, salterà per squalifica Napoli-Juventus di giovedì.

5 – Spinge poco e male, difende sempre con affanno e spesso neccessità della cooperazione dei compagni, pronti a raddoppiare. Fuori fase.

6.5 – Non sembra ancora quello di inizio stagione, ma è l’unico dai piedi ‘educati’ in grado di creare una manovra che sia possibile definire tale. Si becca anche un meritato giallo per eccesso di veemenza, ma il suo salvataggio sulla linea nel corso del primo tempo vale quanto un goal.

S.V. – Entra in campo sul punteggio di 0-0 e dopo meno di un minuto assiste dall’interno del rettangolo di gioco alla meraviglia di Cassano. Può fare poco o nulla…

 

6 – La ‘Piovra nera’ è tra i pochi a salvarsi nella Juventus del ‘Ferraris’. Regge l’urto di Poli e riesce anche a rimitare il raggio d’azione di Palombo. Se non ci fosse lui…

 

5.5 – In fase di impostazione è nullo, ma questa non è una novità. Al posto dei piedi, però, il danese sfrutta molto i polmoni, garantendo ai compagni, specialmente a Fabio Grosso, la propria collaborazione in raddoppio. In occasione del goal, però, è lui a farsi saltare in dribbling da Cassano.

 

5 – Siamo alle solite: parte bene, sembra tra i più vivi, svaria da una parte all’altra, prova ad inventare. Col passare dei minuti, viene servito sempre meno e si spegne inesorabilmente.

 

S.V. – Appena 6 minuti più recupero.

 

5.5 – Quando gli si chiede di muoversi sulla trequarti, il capitano bianconero fa il suo dovere. Ad un attaccante però è richiesta anche un minimo di incisività in area di rigore e ‘Pinturicchio’, oggi, non ne ha offerta nemmeno un po’.

 

5 – Era al rientro e certo non gli si potevano chiedere mari e monti, ma certo non si può essere soddisfatti del suo gironzolare svagato nella metà campo doriana. Crescerà al migliorare della propria condizione.

 

5 – Zaccheroni lo manda in campo al quarto d’ora della ripresa, ma al ‘Ferraris’ se ne accorgono davvero in pochi.

 

5 – Se questa Juve non ha nè capo nè coda, non si può certo pensare che il tecnico non abbia alcuna responsabilità.

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori