CALCIOMERCATO/ Napoli, cessione Hamsik: i pro ed i contro

- La Redazione

Analizziamo i pro ed i contro della possibile cessione del giocatore slovacco.

Hamsik_R375_9apr09_phixr
Hamsik (Ansa)

In questi giorni in casa Napoli si è parlato del prolungamento del contratto di Marek Hamsik. Il giocatore slovacco dovrebbe firmare il nuovo contratto con il Napoli nei prossimi mesi  visto che l’entourage del calciatore si è trovato in piena sintonia con l’offerta del presidente De Laurentiis. Questo, ovviamente, non spegnerà le speranze dei grandi club italiani e stranieri che seguono con attenzione il calciatore.

In caso di raggiungimento del quarto posto in campionato, ultimo posto utile per accedere ai preliminari della prossima Champions League, il futuro di “Marekiaro” sarebbe certamente con la maglia azzurra, visto che l’ex Brescia rappresenta il talento più puro dell’intera rosa di Mazzarri. E se fosse “soltanto” Europa League? Vari scenari potrebbero aprirsi. Vendere Hamsik porterebbe il malcontento tra i tifosi azzurri visto che lo slovacco è l’idolo del San Paolo, inoltre la rosa sicuramente risentirebbe della mancanza di un giocatore straordinario come Hamsik.

Cedere quest’ultimo però, potrebbe portare ad enormi vantaggi sia dal punto di vista del bilancio, realizzando una grande plusvalenza, sia dal punto di vista tecnico. La cessione del centrocampista porterebbe nelle casse del club campano dai 35 ai 45 milioni di euro, soldi che verrebbero reinvestiti per migliorare e completare la rosa a disposizione di Mazzarri. Stessa operazione realizzata qualche anno fa dalla Juventus di Moggi con la cessione di Zidane che portò a Torino Buffon, Thuram e Nedved, o come l’affare Ibrahimovic, con lo svedese venduto dall’Inter al Barcellona per 50 milioni di euro più Eto’o, che ha permesso ai nerazzurri di completare la rosa con giocatori di primo livello.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori