INTER/ Josè Mourinho vola in Champions ma non in campionato, ecco perché

- La Redazione

Il club nerazzurro non è più la corazzata imbattibile di inizio stagione

Mourinho3_R375_10nov08

INTER – L’Inter perde la testa della classifica e dopo tre anni di dominio inossidabile rischia di perdere il quinto scudetto consecutivo, conteggiando anche quello del 2005-2006. La compagine nerazzurra è partita col solito sprint riuscendo a guadagnare un vantaggio sugli avversari che a gennaio sembrava incolmabile. Ma con l’inizio della primavera i “giganti” di corso Vittorio Emanuele hanno perso la loro forza, la freddezza sotto porta, la capacità di ribaltare le gare anche quando sembravano essersi incanalate sui binari sbagliati.

Artefice in negativo di questa involuzione, secondo quanto riporta La Gazzetta dello Sport, sarebbe Josè Mourinho, un mago finora in Champions un Normal One, viste le ultime uscite, in campionato. Il tecnico di Setubal colpevole in particolare di 4 mali. Prima di tutto non ha utilizzato al meglio l’arma del turnover. Nonostante gli ultimi numerosi impegni e nonostante una rosa ampissima e molto competitiva, lo Special One ha preferito affidarsi ai soliti pupilli. L’ultimo esempio, sabato sera, nella sfida con la Fiorentina, in cui Mourinho ha mandato in campo gli 11 da copione nonostante una semifinale di Coppa Italia alle porte.

Uno Special One che ha inoltre esagerato con i moduli offensivi. Pur di ribaltare le gare o di portare a casa una vittoria ha mandato in campo troppi giocatori votati all’attacco favorendo però gli avversari, leggasi Catania e Roma. Attenzione anche al caso Balotelli. Supermario è stato spesso lasciato in disparte anche in occasioni in cui avrebbe potuto sbloccare la gara. La sensazione è che se il tutto si fosse risolto in maniera più sbrigativa a quest’ora l’Inter non avrebbe perso la testa della classifica. Infine, non si può dimenticare l’eccessiva tensione con cui ha caricato la squadra in alcuni momenti della stagione. Il tecnico di Setubal utilizza questo stratagemma per caricare al massimo i giocatori ma così facendo ha creato una dipendenza che si è rivelata un autentico boomerang.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori