CALCIOMERCATO/ Milan, il futuro di Leonardo è incerto, Galliani: «Gli manca il Brasile…»

- La Redazione

Potrebbe essere agli sgoccioli l’esperienza rossonera di Leonardo

Leonardo_R375_1ott09
Pubblicità

CALCIOMERCATO MILAN – Sembra essere vicina al capolinea l’avventura di Leonardo sulla panchina rossonera. Ieri il Milan ha detto definitivamente addio ai sogni Scudetto e nel post-partita non sono mancate le solite parole sul futuro del brasiliano, a questo punto, sempre più incerto. Leonardo non vuole però parlare: «Io penso a questo, abbiamo il dovere di finire bene – confessa il tecnico del Milan – e vogliamo farlo, la squadra è concentrata come me su questo. Abbiamo ancora quattro partite, il nostro obiettivo è come sempre giocare bene. Questa ricerca c’è stata per tutta la stagione e il fiume di parole sul mio futuro evidentemente non disturba i miei giocatori».

Anche Galliani ha commentato la questione ammettendo che se mai Leo dovesse tornare in Brasile lo farebbe per una questione famigliare: «Ho letto cose inverosimili e fantasiose – ha confessato il plenipotenziario rossonero – ma non ci sono problemi con la società, non c’è niente di tecnico, c’è una sua nostalgia. Leonardo ha parlato con il presidente Berlusconi anche ieri sera. Non c’è un problema di rafforzamento della squadra. Se Leonardo dovesse partire, ma credo proprio di no, sarà esclusivamente per problemi familiari, per il rapporto con i suoi figli».

Si mormora che Leonardo possa tornare in patria non per prendere il posto di ct Dunga ma per ottenere un ruolo importante nel comitato organizzatore della manifestazione e magari anche delle Olimpiadi del 2016, anche se a tutt’oggi, si tratta solamente di semplici supposizioni. Leo poi aggiunge: «Abbiamo fatto una grande partita, meritavamo un pareggio. E io sono felice perché questa squadra ha sempre cercato il gioco. E non credo che questa stagione sia paragonabile a quella passata, quando abbiamo fatto la coppa Uefa. Credo che non sia un paragone tanto logico».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità

I commenti dei lettori