Roma Calciomercato/ Rinnovi, conferme e acquisti: cosa si muove per il mercato giallorosso?

- La Redazione

A Roma non tira ancora aria di calciomercato, ma tanti piccoli fatti autorizzano alcune ipotesi…

rosella_sensi_R375x255_12nov08
La dottoressa Rosella Sensi (Foto Ansa)

A Roma non tira ancora aria di calciomercato. Eppure siamo già ad Aprile e di questi tempi dirigenti ma soprattutto tifosi incominciano di solito a snocciolare nomi su nomi alla ricerca dell’acquisto giusto e più conveniente. Ma oggi l’attenzione di tutti è sul campionato, sul quel punticino che divide la squadra dal sogno scudetto sfiorato e sfumato due anni fa all’ultima giornata.

Senza clamore, lontano dai riflettori gli uomini mercato della Roma si stanno muovendo, in primis Daniele Pradè e Giampaolo Montali. La rosa del prossimo anno manterrà la stessa ossatura, forte dei recenti e imminenti rinnovi di Pizarro, Cassetti, Taddei, Julio Sergio. Chi invece non vedrà rinnovato il proprio contratto è Max Tonetto che chiuderà la propria parentesi nella Roma. Ci sarà molto probabilmente un innesto per settore.

Come già detto la Roma sta blindando per le prossime tre stagioni Julio Sergio che sarà il titolare. Artur in scadenza verrà lasciato libero di trovarsi una nuova destinazione (piace ad alcune formazioni di serie B). Lobont, invece, nonostante si sia inserito molto bene nello spogliatoio, non accetterà di sedere ancora a lungo in tribuna e quindi molto probabilmente la Roma non si muoverà per riscattarlo. Capitolo a parte merita Doni. Il numero due della nazionale brasiliana si è trovato catapultato dal campo alla panchina che sembra perà non gradire. il suo ingaggio, aumentato solo l’estate scorsa, è di quelli pesanti (2mln all’anno) che pesano sul monte stipendi, a maggior ragione se si tratta di una riserva. Si era parlato di un suo possibile trasferimento al Bayern nella trattativa per Luca Toni, ma i tedeschi sembrano più orientati su Sebastian Frey. Gianluca Curci, ora in prestito al Siena, ha già fatto sapere di non gradire un ritorno a Roma, se non come titolare. La Roma a questo punto potrebbe puntare sul giovane Valerio Frasca della Primavera o sul “solito” Sorrentino che accetterebbe di fare il secondoe di giocarsi le sue possibilità.

 

Dovrebbe essere questo il reparto da cui la Roma pescherà il giocatore con cui far cassa. E gli indizi portano a Juan, inseguito con insistenza dal Real e Mexes nel mirino dei più importanti club europei, ma che potrebbe cedere alle lusinghe di Roberto Mancini, qualora il tecnico di Jesi rimanesse alla guida del City. Si fa sempre più difficile invece la conferma di Burdisso (la Roma potrebbe sostituirlo col fratello minore) che ha ancora un contratto con l’Inter. Secondo il procuratore dell’argentino l’offerta di contratto della Roma è troppo bassa e ultimamente i rapporti con il club di Moratti non sono più fluidi come un tempo. Sulle fasce si cercano due uomini in grado di far rifiatare Riise e Cassetti. Motta, bocciato da Ranieri dopo la gara di Livorno, non verrà più riscattato dall’Udinese così come Tonetto che sarà svincolato. A Ranieri piace Molinaro, ma la pista più calda sembra quella dell’algerino tuttofare Nadir Belhadj, per il quale la Roma ha fatto un’offerta di 6 mln di sterline al Portsmouth. Infine Daniele Pradè sta lavorando nell’ambito della comproprietà del difensore Davide Astori, 23 anni, a metà tra Cagliari e Milan. I rossoneri vorrebbero riscattarlo per la cifra di 3 milioni. Il Cagliari, forte dell’interesse giallorosso per il difensore, ne chiede 5.

 

E’ il reparto che subirà meno rivoluzioni. Ci sarà l’innesto importante di Fabio Simplicio preso a paramentro zero. Se ne andrà Alessio Cerci, corteggiatissimo da Bari, Genoa, Palermo e che si è rifiutato di rinnovare il contratto in scadenza nel 2011. Con le valigie pronte anche il giovane Faty. Farà rientro alla base Guberti ora in prestitto alla Samp.

 

Tutti gli sforzi della dirigenza della Roma saranno concentrati proprio in questo reparto. Confermati Menez, il capitano Totti e Vucinic, si cercherà di acquistare a titolo definitivo Luca Toni dal Bayern Monaco. Impresa non semplice. Il costo del cartellino non dovrebbe superare i 6 mln vista anche l’età del calciatore. Dalla Germania, il Bayern ha fatto sapere di essere interessato a inserire nella trattativa Mirko Vucinic il cui valore si aggira sui 26 mln e che potrebbe sostituire Ribery destinato al Real Madrid. Ma la Roma ha risposto picche. Tuttavia, Rosella Sensi può vantare un ottimo rapporto con Rummenigge, direttore sportivo del club tedesco. Proprio l’amicizia tra i due dirigenti, potrebbe cambiare gli equilibri della trattativa, dando così un leggero vantaggio alla Roma. Il vero problema per l’acquisto di Toni è costituito dall’altissimo ingaggio che il calciatore percepisce in Germania: 12 milioni di euro lordi all’anno. La soluzione potrebbe essere quella di offrire la stessa cifra, ma spalmandola su 2-3 anni, con un allungamento del contratto, quando il giocatore avrà 35-36 anni. Un’operazione "stile" Montella, che però dovrebbe poter contare sulle migliori condizioni fisiche di Toni. Okaka rimarrà ancora un anno in Inghilterra nel Fulham. Altre operazioni verranno fatte, ma riguarderanno soprattutto i giovani.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori