BIGLIETTI INTER BARCELLONA/ Oggi scade la prelazione, corsa al biglietto: vendita libera da lunedì

- La Redazione

Già da ieri gli abbonati potevano acquistare il tagliando presso la BPM

Già da ieri gli abbonati potevano acquistare il tagliando presso la BPM

Ultime ore per esercitare il diritto di prelazione per Inter-Barcellona, semifinale di andata di Champions League che si terrà il 20 aprile allo stadio Meazza di San Siro. Il diritto di prelazione è riservato ai soli abbonati e scadrà oggi (i biglietti sono acquistabili presso le filiali della Banca Popolare di Milano e della Banca di Legnano) mentre da lunedì scatterà la vendita libera presso gli sportelli degli istituti di credito citati e attraverso internet. I biglietti rimasti verranno verosimilmente polverizzati in poche ore.

Tutte le info necessarie: Giovedì 8 aprile 2010, e  venerdì 9 aprile 2010, sono l date dedicate all’esercizio del diritto di prelazione per Inter-Barcellona, gara valida per l’andata delle semifinali della Uefa Champions League 2009-2010 in programma martedì 20 aprile 2010 presso tutte le agenzie della Banca Popolare di Milano e Banca di Legnano. Sarà possibile acquistare biglietti ridotti solo in fase di prelazione e i settori riservati alla UEFA sono i seguenti: – alcuni posti del settore F – N, O, R, S, T di poltroncina rossa – V del primo anello rosso – 158, 162 e alcuni posti del 160 della tribuna onore arancio – 157 di primo anello arancio tutti coloro che hanno abbonamenti in questi settori potranno esercitare la prelazione in un qualsiasi posto che risulta libero a procedura.

La vendita libera inizierà lunedì 12 aprile 2010 presso tutte le agenzie BPM, BdL e via internet. I prezzi: 1° anello: tribuna onore rossa 370 euro; poltroncina rossa 190 euro; rosso 160 euro (ridotto 112 euro); tribuna onore arancio 130 euro; arancione 95 euro (ridotti 66 euro); verde-blu 45 euro (ridotti 31 euro). 2° anello: rosso-arancione 45 euro (ridotto 31 euro); verde-blu 27 euro; 3° anello: rosso-verde 22 euro; settore blu riservato ai tifosi ospiti.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori