CALCIOMERCATO/ Inter, Guardiola o Hiddink per il dopo Mourinho

- La Redazione

Il club nerazzurro sulle tracce del catalano o del ct della Turchia

Guardiola_R375_22dic08
Guardiola (ansa)
Pubblicità

E’ partita, forse ufficialmente, la ricerca in casa Inter del post-Mourinho, di sicuro uno dei tromentoni del prossimo calciomercato. Mourinho ha dato chiari segnali di addio confermati in parte anche dal presidente Moratti. Il tutto si deciderà definitivamente nel post-Madrid: il numero uno di corso Vittorio Emanuele si siederà ad un tavolo con il portoghese ed indipendente da come finirà la finale sceglierà il da farsi. Intanto iniziano a circolare le prime idee in casa Inter. In cima alla lista dei desideri c’è il duo Guardiola-Hiddink. Il tecnico dei catalani ha vinto tutto quello che poteva vincere alla sua prima esperienza da allenatore di un club di prima fascia.

Il suo contratto non è ancora stato rinnovato e a giugno scadrà il mandato di Laporta. Rossell, uno dei principali candidati per la prossima presidenza del Barcellona, vuole trattenere con se l’ex centrocampista ma resta da capire se quest’ultimo la pensa allo stesso modo. Moratti non vuole per ora disturbare un club amico ma è chiaro che sta seriamente pensando all’ipotesi catalana.

Pubblicità

Attenzione anche al futuro di Hiddink. Il tecnico olandese, accostato per molto tempo anche alla Juventus durante lo scorso inverno, ha da poco firmato un contratto con la federazione turca. Il suo ingaggio sembra quindi impossibile ma nel calcio mai dire mai. Non è infatti da escludere che nell’accordo che lega Guus alla federazione turca non vi sia qualche cavillo burocratico che permetta allo stesso di liberarsi in fretta e furia. Vi sono poi le ipotesi italiane, con i vari Prandelli, Spalletti e Allegri, tutti reduci da grande esperienze e pronti a fare il salto di qualità, senza dimenticarsi di Sinisa Mihajlovic, che più volte si è offerto per un suo ritorno alla Pinetina. Infine c’è il nome di Rafa Benitez che da Palazzo Saras fanno però sapere che è stata più che altro una boutade giornalistica.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità

I commenti dei lettori