CALCIOMERCATO/ Roma su Adriano, il problema è l’ingaggio (e la birra)

- La Redazione

Il club giallorosso prova a riportare in Italia l’ex attaccante nerazzurro

Il club giallorosso prova a riportare in Italia l’ex attaccante nerazzurro

L’obiettivo numero uno del calciomercato della Roma sembra essere Adriano. Il bomber brasiliano del Flamengo vorrebbe tornare in Italia e avrebbe già dato il suo ok. I contatti fra le parti ci sono stati ma ovviamente l’operazione è molto rischiosa e a Trigoria vogliono pensarci bene. Il problema più grosso è legato alle condizioni psico fisiche dell’Imperatore. Adri sembra non aver risolto i problemi che aveva all’Inter sia comportamentale che fisici, visto che la conseguenza dei bagordi e di un’applicaizone non certo costante in allenamento aveva come conseguenza una certa tendenza a prendere peso.

A Trigoria si vogliono assicurare che il giocatore si impegni al 100% in questa sua nuova avventura e Montali sta già lavorando alla questione. Problemi anche di natura economica. Adriano vorrebbe infatti percepire uno stipendio da 4 milioni di euro netti a stagione ma i giallorossi sono pronti a spingersi fino a 3. Intanto si lavora sul fronte Nicolas Burdisso. L’operazione riscatto appare più complicata del previsto perché i nerazzurri chiedono almeno 6/7 milioni di euro. L’argentino potrebbe quindi fare ritorno a Milano bloccando di conseguenza nella capitale Philippe Mexes, considerato uno dei sicuri partenti.

 

Si raffredda anche la pista che porta a Fabio Coentrao, esterno 22enne promessa del Benfica e del calcio portoghese. Dalla terra lusitana fanno infatti sapere che il talento costa 10 milioni di euro, troppo per le casse vuote della Roma. Ranieri ha fatto il punto sul mercato settimana scorsa, incontrandosi con il direttore sportivo Daniele Pradè, il coordinatore Montali e la responsabile economica Mazzoleni. Serviranno, oltre ad un attaccante, anche un terzino destro e sinistro. La Roma è convinta di poter competere ancora con l’Inter soprattutto se Mourinho dovesse lasciare, ma per farlo, bisognerà investire.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori