INTER ROMA/ E’ alta tensione: minacce a Lotito, mille agenti, e 15mila biglietti in meno

- La Redazione

Domani sera si terrà la finale di Coppa Italia all’Olimpico in un clima incandescente

Lotito_R375_3mag10
Lotito numero uno biancoceleste (Foto Ansa)

ROMA INTER – Mancano 36 ore alla finalissima di Coppa Italia fra Roma e Inter. Una gara che si preannuncia caldissima non tanto per la posta in palio quanto per il clima di tensione che si è creato in questi giorni. La vittoria dell’Inter sul campo della Lazio, in uno stadio bandito di nerazzurro, non è di certo passata inosservata ed ha lasciato pesanti strascichi e forte polemiche. Una gara dai toni esasperati e qualcuno è arrivato addirittura a minacciare il patron biancoceleste Claudio Lotito. Al numero uno dei capitolini è stata infatti inviata una busta contenente un proiettile di grosso calibro e la frase «Se non battete l’Inter siete finiti».

«La Lazio non deve chiedere scusa a nessuno – ha esclamato ieri sera Lotito dopo aver diffuso la notizia – anzi deve piuttosto ricevere le scuse da parte di chi, ignorando le proprie responsabilità, ha lanciato sugli altri colpe inesistenti. Abbiamo più volte ribadito la necessità che l’antagonismo sportivo rimanesse nei confini della dialettica civile. Invece abbiamo assistito a manifestazioni, specie in occasione del derby, che hanno profondamente ferito la tifoseria laziale e che hanno generato un clima di istigazione alla violenza che si è protratto per tutta la settimana».

Lotito ha poi aggiunto: «Chi ha alimentato la tensione con comportamenti antisportivi e violenti non ha alcuna veste per impartire lezioni di sportività». A Roma bisognerebbe inizia ad interrogarsi sulla questione stadio e tifosi. I presidenti delle due compagini capitoline si muovono con la scorta e durante gli incontri vi sono spesso accoltellati di una parte o dall’altra. C’è il rischio che domani sera ci sia il “re-match” degli scontri avvenuti dopo la stracittadina di qualche settimana fa. La macchina organizzativa è già al lavoro: pronti 1000 agenti e 600 steward e distribuiti 15mila biglietti in meno per diminuire la capienza dell’Olimpico. Gli ultrà delle due squadre si stanno organizzando e dalla Questura arriva un messaggio da brividi: «Devono decidere se vale la pena rischiare la pelle, il quadro è questo».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori