CALCIOMERCATO/ Inter, Guardiola dirà no a Moratti: ecco perché!

- La Redazione

Difficile che il tecnico catalano traslochi in Italia per sostituire Mourinho

guardiola_R375x255_27MAG09
Guardiola tecnico del Barça (Foto Ansa)

CALCIOMERCATO INTER – Difficilmente vedremo Pep Guardiola sulla panchina dell’Inter durante la prossima stagione. Secondo le indiscrezioni raccolte da Ilsussidiario.net, infatti, il coach catalano dovrebbe rifiutare le avance di Moratti e Branca in particolare per tre motivi. Prima di tutto il giovane tecnico è un grande amico di Sandro Rosell, prossimo probabile presidente del Barcellona. A differenza del rapporto con Laporta, secondo alcuni molto strumentale e solo per fini politici, fra Guardiola e il futuro presidente scorre invece buon sangue e i due sarebbero d’accordo su tutto.

Secondariamente, l’allenatore catalano non lascerà mai Barcellona dopo aver spalleggiato e insistito perché in blaugrana arrivasse David Villa. È stato infatti Guardiola ad indicare il nome dell’attaccante spagnolo alla propria dirigenza nonché a far spendere i 40 milioni di euro versati nelle casse del Valencia. Terzo ed ultimo motivo, il fatto che Guardiola non ha intenzione di mettersi in gioco in una realtà così rischiosa come quella italiana e dell’Inter. Pep dovrebbe infatti confrontarsi con un paragone scomodissimo, il super Mourinho reduce dallo storico triplete, colui che ha riportato dopo 45 anni la Champions League a Milano.

Inoltre l’ambiente italiano non è di certo fra i più congeniali ad un tecnico giovane come appunto Guardiola che verrebbe “assediato” dalla stampa e bacchettato ad ogni minimo errore. Resta difficile capire a questo punto quale sarà il prossimo allenatore nerazzurro. La sensazione circolante è che un vero obiettivo in casa Inter non esista. La dirigenza non ha infatti fretta e anche il mercato sarà comunque una sorta di “formalità” visto che la squadra è già completa così e saranno necessari solamente un paio di innesti.

 

(Davide Giancristofaro)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori