CALCIOMERCATO/ Milan, Ibrahimovic, Raiola: perchè no?

- La Redazione

Il campione svedese del Barcellona pronto al ritorno in Italia

Ibrahimovic_Bar_R375_15set09

CALCIOEMRCATO MILANO – Continua incessantemente a riempire le pagine dei giornali la notizia di calciomercato relativa al ritorno in Italia di Zlatan Ibrahimovic. La meta prescelta sarebbe la Milano rossonera, sfiorata solamente 4 estati fa, durante il turbolento periodo di calciopoli. L’amore del Diavolo e di Silvio Berlusconi per Ibra, da allora, non è mai svanito. Il giocatore è scontento in quel di Barcellona, non è riuscito a cucirsi addosso i colori blaugrana, non è entrato negli schemi di gioco, e sa, che con l’arrivo al Camp Nou di quel David Villa che sta facendo faville in Sudafrica, le porte per lui sono ormai chiuse. Ibra sogna il ritorno in Italia, vuole indossare la maglia del Milan, quella del suo idolo Van Basten.

L’operazione è difficilissima, quasi impossibile, ma in via Turati, se vedranno uno spiraglio, ci proveranno. Le cronache raccontano di un Mino Raiola a Barcellona per trattare la buonuscita di Zlatan Ibrahimovic. In caso di cessione, infatti, Ibra farà risparmiare ai campioni di Spagna un bel gruzzoletto, relativo al mancato ingaggio, ed è per questo che pretende almeno una buonuscita.

A quel punto inizieranno le operazioni con il Milan che punta ad una spalmatura dell’ingaggio su più stagioni e soprattutto ad uno stipendio tendente a salire. Sarà braccio di ferro col Manchester City, l’altra società innamorata di Ibra, ispirata da Roberto Mancini ex tecnico dello svedese. I Citizens offrono 20 milioni di euro più Robinho, il Milan offre il prestigio e la possibilità di riscattarsi contro l’Inter dopo la delusione in Champions.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori