SCIOPERO CALCIATORI/ Precaria scrive a Oddo: “Mi sento ferita, fallita, indignata…”

- La Redazione

“Vorremmo una svolta nella nostra Italia e voi avete deciso di scioperare per motivi a me futili, visto i vostri lauti guadagni che offendono tutti, lavoratori e non”.

oddo_R375x255_18ago09
Massimo Oddo, terzino Milan (Foto Ansa)

Lo sciopero dei calciatori provoca dissenso e molte polemiche. “Ieri ascoltando il pensiero di Massimo Oddo mi sono sentita ferita, fallita, indignata, toccata nell’anima, e perciò scrivo per far conoscere il mio pensiero”. Questo l’incipit della lettera che Aurora Luongo, maestra di asilo nido precaria, ha scritto a Massimo Oddo, portavoce dell’Associazione Calciatori. Titolo della missiva: “Indignazione di una precaria disoccupata tifosa, anzi ex tifosa”.

Aurora Luongo se la prende con uno sciopero che considera ingiusto e poco consono con la crisi economica che coinvolge tante fascie di lavoratori italiani, partendo dalla frase pronunciata da Oddo. “Noi siamo persone non siamo oggetti”. E aggiunge. “Purtroppo noi non ci sentiamo nemmeno persone, ma solo schiavi, che pur di arrivare a fine mese, anzi a fine giornata, siamo costretti ad accettare di lavorare in qualsiasi condizione. Oltre a curare i tuoi interessi e leggere i giornali sportivi, ti è giunto all’orecchio delle gravi problematiche sul mondo del lavoro? Noi disoccupati, precari, poveri dobbiamo, anzi ci costringono a farlo, arrovellarci su come arrivare a fine mese, combattiamo perché vorremmo una svolta nella nostra Italia e voi avete deciso di scioperare per motivi a me futili, visto i vostri lauti guadagni che offendono tutti, lavoratori e non”.

.

"Come faccio a spiegare ad un bambino tifoso, anzi amante del calcio, del vostro sciopero, bambino a cui spesso si deve dire no anche per una semplice bustina di figurine? Spero di avere una risposta a questo mio scritto che dia un senso alla vostra iniziativa e al mio sentirmi "nulla", per poter ritornare ad essere una fiera tifosa delle squadre italiane di calcio"

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori