ESCLUSIVA TENNIS/ Tommasi: dalla Schiavone a Nadal alla decadente Coppa Davis

- int. Rino Tommasi

RINO TOMMASI commenta il 2010 del tennis che ha visto un’azzurra vincere il Roland Garros e potrebbe determinare il ritorno dell’Italia maschile in serie A

schiavone_R375x255_29giu09
Schiavone (Foto: Ansa)
Pubblicità

L’Italia di Coppa Davis sogna di tornare in serie A, nell’elite del tennis mondiale. Per farlo deve battere la Svezia di Soderling. Intanto Nadal sta esplodendo definitvamente e anche per il tennis italiano è un anno speciale, che ha visto Francesca Schiavone trionfare al Roland Garros. Abbimo parlato di tutto questo con Rino Tommasi, in esclusiva per il sussidiario.net

Tommasi, Pensa che l’Italia possa battere la Svezia?

Abbiamo più possibilità noi di vincere che la Svezia, tutto dipenderà dal doppio. E poi Starace può comunque fare un grande incontro con Soderling. Tutto è possibile.

La Coppa Davis sembra però aver perso molto appeal…

Questa manifestazione si è svuotata del suo significato e del suo fascino negli ultimi anni. Lo testimonia il fatto che Federer e Roddick abbiano dato forfait, rispettivamente per la Svizzera e gli Stati Uniti. E precedentemente l’aveva fatto Nadal per la Spagna nell’incontro che opponeva la squadra iberica alla Francia.

Per il tennis italiano è stata finalmente una buona stagione, con il successo di Francesca Schiavone al Roland Garros…

Francesca ha giocato benissimo a Parigi, regalandoci una vittoria stupenda. Un successo che ricorderemo a lungo.

Come sta il tennis italiano?

A livello femminile facciamo buone cose. Ne è testimone appunto Francesca Schiavone. Prima la Pennetta era stata osannata a lungo solo per essere entrata nelle prime dieci giocatrici del mondo. Ora è scesa al ventunesimo posto…

E quello maschile?

Il tennis maschile sta attraversando un periodo di profonda crisi ormai da anni. Forse perché in Italia si gioca tanto ma male.

 

Pubblicità

La Spagna di Nadal ci batte alla grande. Quali sono i motivi di tutto questo?

La Spagna ha diciotto giocatori nei primi 100. Ma bisogna ammettere che ha avuto sempre una grande tradizione anche in tempi non recenti. Non solo Nadal quindi… in passato ci sono stati campioni come Santana, come Orantes o lo stesso Bruguera.

 

A proposito è più forte Nadal o Federer?

Non mi piacciono questi paragoni. Vanno bene per chi è tifoso di Nadal o di Federer. C’è a chi piace un tennis con giocatori combattivi come Nadal. C’è chi preferisce giocatori più tranquilli come Federer, ma non condivido questi sondaggi.

 

Pubblicità

Quindi cosa ne pensa del sondaggio che ha fatto La Gazzetta dello sport sul campione del tennis più forte di tutti i tempi?

Al primo posto è stato votato Federer, poi Sampras, poi Mc Enroe. Solo quarto Nadal.. Sono classifiche fatte dagli appassionati di questo sport. Io preferisco non accostare giocatori di diversa epoca del tennis. Spesso chi vota non ha visto, naturalmente per ragioni di età, giocare i grandi campioni.

 

Qual è stato il giocatore che ha ammirato di più?

Un giocatore che mi ha incantato è stato sicuramente Jack Kramer.

E Laver?

E’ stato un grande anche lui. Non ha caso ha vinto due Grandi Slam.

 

Sembra strano che manchi Borg…

Io non l’avrei escluso di certo…

 

(Franco Vittadini)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità

I commenti dei lettori