LAZIO-MILAN/ Allegri è fiducioso: «Segnali positivi, lo svantaggio sull’Inter è basso»

- La Redazione

Il tecnico rossonero è convinto delle potenzialità della propria squadra

allegri_milan_R375x255_21set10
Massimiliano Allegri (Foto: ANSA)

LAZIO-MILAN – Finisce 1 a 1 la sfida fra la Lazio e il Milan. I rossoneri continuano a non vincere dopo la sconfitta contro il Cesena e il pareggio interno contro il Catania. In contemporanea l’Inter ottiene il terzo successo di fila ed allunga il distacco a +5. Allegri, comunque, non sembra preoccupato: «E’ stata una partita molto intensa e nel primo tempo abbiamo avuto tre occasioni per fare gol – spiega l’ex allenatore del Cagliari al termine dell’incontro – nel secondo è stata una partita più equilibrata. Cosa è successo quando ci siamo trovati in vantaggio? La Lazio ha messo più attaccanti e, soprattutto, quando abbiamo subito il pareggio eravamo in dieci, con Abate a terra per crampi. Poi c’è stata la traversa di Zambrotta e abbiamo avuto un’altra clamorosa occasione nel finale con Boateng. Se il Milan fosse uscito dall’Olimpico con una vittoria, saremmo qui a dire che il Milan si è ritrovato».

Allegri prosegue: «Abbiamo dato segni di solidità, concedendo poco alla Lazio. A me il Milan è piaciuto, non abbiamo subito nessun contropiede. Ci sono stati molti lati positivi. E’ normale: siamo il Milan e bisognerebbe sempre vincere, ma siamo sulla strada buona. Non dobbiamo fare la corsa sull’Inter – prosegue Allegri – ma su noi stessi cercando di fare più punti possibile e cercando di portare a casa delle vittorie importanti. In questo momento non lo stiamo facendo anche perchè gli episodi sono spesso a nostro favore. Questo non deve però essere un alibi ma dobbiamo cercare di migliorare».

Il Milan ha sbagliato dopo essere andato in vantaggio: «Contro la Lazio la squadra ha sbagliato a mollare una volta passata in vantaggio – conclude Allegri – dovevamo gestire meglio la palla perchè dovevamo difendere l’1-0. Ci sono però anche gli avversari e quindi non possiamo dominare le partite per 90 minuti. Certo, considerato il calendario iniziale, è normale che dovevamo avere dei punti in più. Però insisto nel dire che la mia squadra ha disputato una buona prestazione. Che cosa ci manca? Dobbiamo trovare una striscia positiva al più presto. Ma cinque punti di svantaggio non sono tanti perchè mancano ancora troppe partite per poter dare verdetti definitivi».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori