CRONOSCALATA VIDEO/ Catania-Etna, spettatore muore travolto da un’auto

- La Redazione

Nel video della cronoscalata Catania-Etna, il tragico incidente costato la vita allo spettatore 26enne Francesco Zappalà. Il dramma si è consumato ieri mattina a Nicolosi (Catania), nel corso della 45esima edizione della Corsa dell’Etna

cronoscalata-incidente-r375

Nel video della cronoscalata Catania-Etna, il tragico incidente costato la vita allo spettatore 26enne Francesco Zappalà. Il dramma si è consumato ieri mattina a Nicolosi (Catania), nel corso della 45esima edizione della Corsa dell’Etna. Il video mostra la sequenza della cronoscalata che parte dalla centrale piazza dei Pini del Comune etneo per arrivare fino a Piano Bottara, dopo circa nove chilometri di percorso. In una curva, una vettura piomba su Francesco e sul fratello 21enne, Emanuele, di Gravina di Catania. Subito dopo l’incidente della cronoscalata, mostrato dal video, Francesco era stato trasportato con l’elisoccorso all’ospedale Cannizzaro di Catania e ricoverato d’urgenza con un’arteria femorale recisa e numerosi traumi agli arti e all’addome. Il fratello Emanuele, invece, è stato medicato all’ospedale Garibaldi di Catania per un trauma al bacino: per i medici se la dovrebbe cavare con 40 giorni di prognosi.

 

Secondo alcuni testimoni, l’incidente della cronoscalata mostrato nel video sarebbe avvenuto un paio di chilometri dopo la partenza. Rocco Russo, in gara nella categoria Sport con il numero 176, non e’ riuscito a controllare la sua Renault Clio E3 che, all’altezza del decimo tornante, ha proseguito dritta la sua corsa ad alta velocità, schiantandosi contro un muretto di contenimento sul quale erano seduti i due giovani spettatori. Come si vede nel video l’impatto è violento, l’auto oltrepassa la recinzione finendo in una scarpata dopo aver colpito violentemente i ragazzi. Sul tracciato della cronoscalata sono intervenuti i volontari di Sicilia Emergenza che hanno coordinato i soccorsi, la polizia stradale e i carabinieri delle compagnie di Paterno’ e di Nicolosi. Le indagini dovranno accertare se la causa dell’incidente è da attribuire all’imperizia del pilota o a un problema tecnico della vettura.

 

 

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori