ESCLUSIVA CALCIOMERCATO/ Milan Sampdoria, Maccarone futuro incerto: resta a Palermo o parte?

PAOLO FABBRI agente dell’attaccante fa il punto della situazione del suo assistito

01.01.2011 - La Redazione
maccarone_palermo_R375x255_20ago

Il calciomercato è sempre più imprevedibile. Lo sa bene Massimo Maccarone, bomber del Palermo, arrivato in estate dal Siena. Nei giorni scorsi la società rosanero comunica al giocatore e al suo agente la decisione di metterlo sul mercato, vista l’abbondanza di attaccanti nella rosa del Palermo in primis Pinilla, Hernandez e Miccoli. In queste ore invece la situazione è notevolmente cambiata. Pinilla ha subito una brutta frattura al piede e dovrà restare fermo per circa 3/4 mesi. Hernandez non ha ancora smaltito alcuni problemi fisici e secondo le ultime indiscrezioni Maccarone sarebbe stato tolto dal mercato. In esclusiva a ilsussidiario.net però l’agente del calciatore Paolo Fabbri afferma che da parte di Zamparini non è arrivata nessuna comunicazione. «Io non ho ricevuto nessun segnale dal Palermo, il giocatore è ancora sul mercato per decisione della società».

Fabbri ha poi voluto chiarire un aspetto. «Se il Palermo, visti gli ultimi infortuni, decidesse di togliere dal mercato Maccarone, il primo a essere felice sarebbe proprio il giocatore. Lui infatti non ha mai chiesto di andare via. Si trova bene in città, ha un buon rapporto con i tifosi, con la squadra, con il tecnico Rossi e con il presidente Zamparini».

 

Anche perchè Maccarone, cresciuto nelle giovanili del Milan, non ha nessuna intenzione di mollare. «Lo conosco troppo bene, se avrà la possibilità di giocare dimostrerà il suo valore. Lui non si abbatte, perchè sa perfettamente che i bilanci si fanno alla fine. Se poi il Palermo decidesse di cederlo per noi non ci sarebbero problemi». In questi giorni si è parlato di un possibile passaggio alla Sampdoria ma anche di interessamenti di Juventus, Milan, Inter, Napoli, ma Fabbri frena: «Al 31 dicembre di offerte vere e proprie non ne sono arrivate».

 

(Claudio Ruggieri)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori