SERIE A/ 22a Giornata: risultati, classifica, assist e gol. Impresa Inter, il Napoli tallona il Milan

- La Redazione

Ecco i risultati della 22a giornata di campionato

Pazzini_Inter_R400_30gen11
Giampaolo Pazzini, attaccante Inter (Foto Ansa)

Ventidueesima giornata ricca di gol. Dopo i quattro gol negli anticipi di ieri oggi pioggia di reti, ben 21 le reti messe a segno. E’ il grande giorno di Giampaolo Pazzini, il nuovo bomber dell’Inter entra nella ripresa contro il Palermo e capovolge la situazione con una fantastica doppietta. I nerazzurri vincono tre a due grazie al gol di Eto’o. Il Napoli non lascia scappare il Milan e in casa dilaga quattro a zero contro una Sampdoria tramortita sotto i colpi del solito Cavani, autore di una tripletta e sempre più capocannoniere. Ritorna alla vittoria il Genoa che in casa batte tre a uno il Parma, mentre ancora una sconfitta per il Bari che perde due a uno in casa del Cagliari a causa del risveglio di Matri. L’altra pugliese, il Lecce, pareggia uno a uno in casa contro il Cesena facendosi raggiungere all’ultimo minuto di recupero. A mezzogiorno impresa del Chievo che batte tre a zero il Brescia in trasferta. Sospesa causa neve il match del Dall’Ara tra Bologna e Roma. 

Ecco i risultati della 22a giornata:

 

Lazio-Fiorentina 2-0 (giocata ieri)

Catania-Milan 0-2 (giocata ieri)

Bologna-Roma (sospesa per neve)

Brescia-Chievo 0-3 (giocata alle ore 12.30)

Cagliari-Bari 2-1

Genoa-Parma 3-1

Inter-Palermo 3-2

Juventus-Udinese (posticipo ore 20.45)

Lecce-Cesena 1-1

Napoli-Sampdoria 4-0

 

Classifica Serie A:

 

Milan 47

Napoli 43

Lazio 40

Inter 38*

Roma 38*

Juventus 35*

Palermo 34

Udinese 33*

Cagliari 29

Sampdoria 27*

Genoa 27*

Chievo 27

Fiorentina 25*

Bologna 25*

Parma 25

Catania 22

Lecce 21

Cesena 20

Brescia 18

Bari 14

*Una partita in meno

 

BOLOGNA-ROMA SOSPESA: partita interotta al 17esimo minuto del primo tempo a causa della fitta nevicata che ha imperversato sul capoluogo emiliano.

 

CAGLIARI-BARI 2-1: ennesima sconfitta per il Bari di Ventura sempre più desolatamente ultimo con quattordici punti. Il Cagliari invece fa festa con il ritrovato feeling con il gol di Alessandro Matri, obiettivo della Juventus. Dopo otto minuti Cagliari già in vantaggio con Matri che riceve palla da Missiroli e con il sinistro fulmina Gillet. Passano quattro minuti e il bomber rossoblu raddoppia con un tap-in da pochi passi dopo la grande parate del portiere del Bari su colpo di testa di Canini. Neanche due minuti e Okaka riapre il match con la complicità di Agazzi che si fa sfuggire il pallone da sotto le mani. A fine primo tempo il portiere del Cagliari si riscatta parando un calcio di rigore a Rudolf per un fallo di Canini su Bentivoglio. Nella ripresa subito emozioni con Cossu ma Gillet è attento, nel finale ancora protagonista il portiere del Bari che para un rigore ad Acquafresca.

 

GENOA-PARMA 3-1: tra Genoa e Parma succede tutto nel primo tempo. La formazione di Ballardini ha finalmente dato prova di essere pericolosa in area di rigore anche grazie al buon match di Floro Flores. Nel Parma gravi disattenzioni difensive con un Paletta protagonista in negativo. Dopo sedici minuti il difensore argentino stende in area di rigore Floro Flores, dal dischetto va Palacio che non sbaglia. Il Parma però reagisce e trova il pareggio con Hernan Crespo che mette in rete da pochi passi dopo la parata di Eduardo. Nel finale del primo tempo l’harakiri del Parma, che prima subisce il gol del due a zero grazie alla sfortunata e incredibile autorete di Paletta che di testa manda il pallone all’incrocio dei pali e un minuto dopo è Kaladze a segnare il gol del tre a uno. Nella ripresa timidi tentativi del Parma di riaprire il match ma la difesa rossoblu chiude tutti i varchi.

 

INTER-PALERMO 3-2: partita incredibile a San Siro dove l’Inter riesce a conquistare tre punti fondamentali e insperati dopo il primo tempo. Palermo brillante all’inizio che mette nei guai la retroguardia nerazzurra e passa in vantaggio dopo cinque minuti con Miccoli che mette dentro da pochi passi un cross di Cassani bravo a saltare Santon. L’Inter prova a reagire ma si espone al contropiede del Palermo e al 36esimo minuto raddoppia con Nocerino bravo a salvare Maicon e a battere Julio Cesar. Nel finale di primo tempo prima Cassani sbaglia a porta vuota (bravo questa volta Santon a salvare sulla linea) e poi Pastore centra il palo solo davanti a Julio Cesar. A inizio ripresa Leonardo mette dentro i due nuovi acquisti Kharja e soprattutto Pazzini. Proprio l’ex bomber della Sampdoria segna dopo dodici minuti con una bella girata di destro che beffa Sirigu su assist di Kharja. Il Palermo ha la possibilità di andare sul tre a uno con un calcio di rigore per fallo di Thiago Motta su Kasami ma Pastore si fa parare il rigore da Julio Cesar. L’Inter attacca e trova il pareggio al 73esimo minuto ancora con Pazzini con un perfetto colpo di testa su calcio di punizione di Maicon. L’Inter non è sazia e dopo tre minuti fallo di Munoz su Pazzini in area di rigore, dal dischetto va Eto’o che batte Sirigu per la terza volta.

 

LECCE-CESENA 1-1: finisce al 94esimo il sogno del Lecce di portare a casa tre punti. La squadra di De Canio subisce il pareggio del Cesena all’ultimo minuto di recupero gelando gli animi dei tifosi presenti al Via del Mare. Dopo undici minuti Lecce in vantaggio con Corvia sugli sviluppi di un calcio d’angolo battuto da Olivera. Il bomber dei salentini potrebbe raddoppiare poco dopo ma manda clamorosamente a lato di testa sempre su calcio d’angolo. Il Cesena si fa vedere con Jimenez, forse il migliore dei suoi, ma Rosati non si fa sorprendere. Nella ripresa il Cesena ha la palla gol per pareggiare il match ma Budan si fa parare il calcio di rigore da Rosati che vola alla sua destra e respinge il tiro. Ma nel finale arriva la beffa per il Lecce, cross di Ceccarelli e colpo di testa vincente di Bogdani che segna l’uno a uno finale.

 

NAPOLI-SAMPDORIA 4-0: Napoli sensazionale quello che al San Paolo ha praticamente demolito la Sampdoria di Di Carlo per quattro a zero. Protagonista del match, tanto per cambiare, l’uruguagio Edinson Cavani, autore di un’altra tripletta. Napoli in vantaggio al 16esimo minuto del primo tempo con Cavani che riceve palla da Lavezzi lascia di sasso Accardi e batte Curci con un destro rasoterra. Il duello Accardi-Cavani si ripete nel finale del primo tempo, il difensore blucerchiato stende l’attaccante del Napoli in area di rigore, penalty per i partenopei segnato da Cavani per il due a zero. La partita si chiude nei primi quindici minuti della ripresa prima con Hamsik che dopo tre minuti segna con un sinistro angolato su assist di Lavezzi e poi ancora con Cavani che chiude una triangolazione con Gargano e Hamsik.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori