BALOTELLI/ L’attaccante dà fuoco alla casa sparando fuochi d’artificio

- La Redazione

Balottelli ne ha combinata un’altra delle sue, alla vigilia del derby con il Manchester, il match più atteso della Premier League. L’attaccante ha dato fuoco alla propria abitazione

balotelli_city_azione_R400_8nov10
Balotelli (Ansa)

Balottelli ne ha combinata un’altra delle sue. E proprio alla vigilia del derby con il Manchester United, il match più atteso della Premier League. L’attaccante, infatti, ha dato fuoco alla propria abitazione. Va subito detto che non è fatto, per fortuna, nulla. Sta di fatto che ha corso un brutto rischio. Le fiamme sono divampate a causa di una sua bravata. La notte, mentre era a casa con quattro amici, ha lanciato dei fuochi d’artificio dalla finestra del bagno. Non ci voleva molto a capire che si trattava di un divertimento pericolosissimo. E’ stato lui stesso a raccontare che l’incidente è avvenuto attorno all’una di notte. Mentre stavano lanciando i fuochi dalla finestra, ad un certo punto, gli asciugami del bagno hanno preso improvvisamente, fuoco. Da lì, le fiamme si sono spostate in tutta la casa. A quanto hanno riferito i pompieri, l’incendio ha interessato l’intero primo piano dell’abitazione del giocatore, situata a Mottram St. Andrew, alla periferia di Manchester. L’abitazione avrebbe subito danni da fumo. Sul posto è intervenuta la polizia, e si è assicurata che l’ex attaccante dell’Inter non rientrasse in casa. Pare infatti, come ha riportato il Guardian, che non voleva lasciare la sua abitazione e che avrebbe tentato di farvi ritorno per recuperare dei soldi e una valigia. Alle dieci di mattina, si è recato come da copione agli allenamenti. Ha dovuto, tuttavia spiegare l’incidente della sera prima a Roberto Mancini che, in ogni caso, era già stato messo al corrente dai vigili del fuoco. Manco a farlo apposta, il giorno precedente, in conferenza stampa, aveva dichiarato di esser finalmente maturato, cresciuto, che si era deciso a comportarsi da adulto. Addirittura, aveva deciso di andare ad abitare poco fuori città per non lasciarsi tentare dagli eccessi della città. Lo stesso mister si era detto convinto e soddisfatto dei miglioramenti, dal punto di vista comportamentale, del calciatore. «Sono stati usati quattro respiratori e due idranti per domare le fiamme e una grossa ventola per disperdere il fumo dalla proprietà», hanno riportato i pompieri in un comunicato.

«L’incendio – hanno aggiunto – è stato domato mezz’ora dopo l’arrivo sul posto, ma la squadra è rimasta sul posto fino alle 2.45. Nella casa c’erano 5 persone, tutte uscite illese. L’incendio è stato causato da un fuoco d’artificio». 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori