PAGELLE/ Albinoleffe-Livorno (0-4): i voti, la cronaca il tabellino (nona giornata)

Poker sul velluto per il Livorno, che si concede un tranquillo pic-nic lombardo in quel di Bergamo. Albinoleffe-Livorno finisce infatti 4-0 per gli ospiti

09.10.2011 - La Redazione
walter_novellino_primopiano_R400
Walter Novellino, tecnico del Livorno (foto ANSA)

Poker sul velluto per il Livorno, che si concede un tranquillo pic-nic lombardo in quel di Bergamo. Assenti ingiustificati, i ragazzi di Fortunato, rinunciatari nel primo tempo ed inconcludenti nella ripresa. Tutto facile per i ragazzi di Novellino, forti del doppio vantaggio già al quarto d’ora, bravi comunque a soffocare l’abbozzo di reazione azzurro ad inizio ripresa.
 c’era più gente alla vostra prima comunione che oggi all’Atleti Azzurri d’Italia. Osservando il deserto dei Gobi sulle tribune, torna in mente l’esperimento triestino dei tifosi finti: deprimente ma forse meglio di nulla. Forse demoralizzati dalla penuria di pubblico, i padroni di casa russano nei primi trenta minuti, affidandosi unicamente a lunghe parabole occasionali per gli eremiti d’attacco. Va da sé che al Livorno basti sfruttare le prime occasioni per assicurarsi un vantaggio rassicurante. Dopo un palo colto da Bernardini al 4’ (girata in seguito ad angolo), gli amaranto passano con Piccolo, bravo nel piazzare in rete col mancino finalizzando una trama barcelloniana al 13’. Neanche il tempo d’esultare: sul traversone seguente Tomasig si scontra in uscita con Paulinho, sul rimpallo il più lesto è Schiattarella che schiaffa in rete. La banda Novellino, approfittando di tanta grazia, può dedicarsi alla tranquilla gestione del vantaggio, mentre l’Albino, incalzato dalle urla di Fortunato (a momenti si metteva lui a fare i cori), comincia pur timidamente ad affacciarsi dalle parti di Mazzoni. Il quale però non ne vuol sapere: respinti un paio di tentativi di Cissè in chiusura di frazione.   
 in dieci minuti il Livorno chiude la pratica con la doppietta di Belingheri. Al 47’, cometa volante nel presepe azzurro (assist Lines seta ultra di Luci); dieci minuti dopo, graffio in mischia dopo traversa di Paulinho (corner di Genevier). Il resto è noia e silenzio. L’Albinoleffe non riesce ad organizzare uno straccio di manovra e sull’unico corner sfruttato a dovere Cissè coglie la traversa. Novellino osserva così i suoi amministrare il successo in scioltezza, mantenendo vivo il pressing e gestendo la sfera con sagacia. I tre punti messi in saccoccia rilanciano i toscani in zona playoff (superata la Samp), e sbloccano un attacco che sinora aveva colpito solo 8 volte: soltanto oggi hanno segnato la metà delle volte complice un Albino davvero troppo rinunciatario, cui non basta l’alibi dell’assenza del bomber principe Cocco. Unica nota stridula, il digiuno prolungato di Paulinho (comunque buona la sua prova), ancora a secco in questo campionato.

Il tabellino

Albinoleffe-Livorno 0-4 (primo tempo 0-2)

Reti: 13’Piccolo, 15’Schiattarella, 47’, 56’Belingheri.

 Tomasig; Daffara, D’Aiello, Bergamelli, Piccinni; Cristiano, Laner, Hetemaj (78’Previtali), Foglio (64’Girasole); Torri (64’Germinale), K.Cissè (Offredi, Luoni, Malomo, Pacilli). All.Fortunato.

 Mazzoni; Perticone, Bernardini, Miglionico, Lambrughi (53’Salviato); Genevier; Piccolo (66’Bigazzi), Luci, Belingheri, Schiattarella (70’Barone); Paulinho (De Lucia, Remedi, Rampi, Dell’Agnello). All.Novellino.

Arbitro: M.Mariani di Aprilia.

Ammoniti: K.Cissè (A) 25’, D’Aiello (A) 55’, Belingheri (L) 55’.

Pagelle
 

Albinoleffe

TOMASIG 5,5 Timoniere di una retroguardia allo sbando, pasticcia sul secondo gol ma sugli altri sembra incolpevole.
DAFFARA 4,5 Chi l’ha visto?
D’AIELLO 5,5 (il migliore) Anestetizza in qualche modo Paulinho forzandolo a girare largo.
BERGAMELLI 5 In difficoltà costante.
PICCINNI 5 Per spingere spinge, ma ogni cross è un lamento.
CRISTIANO 5,5 Volontà ed imprecisione in egual misura.
LANER 5 Nascondino quando si tratta d’impostare.
HATEMAJ 4,5 Uno spettro. 78’ PREVITALI s.v.
FOGLIO 5,5 Coriandoli al vento, volano via in fretta. 64’GIRASOLE 5 Nascosto nella serra panchinara, entra dopo il tramonto.
TORRI 4,5 Aridatece Cocco! 64’ GERMINALE 5,5 Scaglie di volontà.
CISSE’ 5,5 Il gigante d’ebano fa valere il fisico. Due squilli nel primo tempo, presi da Mazzoni. Poi mette giù.
ALL.FORTUNATO 5 Abbandonato da tifosi e giocatori, che non riesce a scuotere.

Ps Tifosi Albinoleffe voto 0, come il loro numero sugli spalti

Livorno

MAZZONI 6,5 Mette piedi e mani su Cissè, poi dà una sfogliata all’Eco.
PERTICONE 6 Pochi grattacapi dietro, qualche sovrapposizione davanti.
BERNARDINI 7 Museruola per Torri.
MIGLIONICO 6,5 Rozzo ma efficace, sportella con Cissè che è un piacere.
LAMBRUGHI 6 Tende a farsi i fatti suoi. 53’ SALVIATO 6 Briciole di merenda.
GENEVIER 7 Il professor Gael gioca col compasso. Riferimento costante.
PICCOLO 7 Furetto vivace, spina costante 66’ BIGAZZI 6,5 Esordio con bollicine.
LUCI 6,5 Braccio destro del prof.Genevier, che assiste con sudore intelligente.
BELINGHIERI 7 (il migliore) Raccordo tra mediana ed attacco, si regala una doppietta qualità oro.
SCHIATTARELLA 6,5 Tacos con chili puntualmente servito a sinistra. Condisce col 2-0. 70’BARONE 6 Un lustro fa sostituiva Camoranesi in una bolgia crucca. Fa un po’ effetto vederlo comparire qua.
PAULINHO 6,5 L’astinenza prosegue ma non dispiace per come si sacrifica. L’ultimo gol è figlio suo.

ALL.NOVELLINO 7 Con questo Albinoleffe ci vuol poco, ma il Livorno gioca da grande per tutti i 90’.

(Carlo Necchi)




© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori