SERIE A/ 23a Giornata: risultati, classifica, assist e gol

- La Redazione

I risultati della 23esima giornata di campionato

goljuve_R375_10nov08
Foto: ANSA

Il turno infrasettimanale sorride tutto sommato al Milan in attesa del posticipo di domani sera tra Bari e Inter. I rossoneri ieri sono stati fermati in casa dalla Lazio, ma i loro avversari hanno fatto di peggio. Il Napoli infatti ha perso due a zero a Verona contro il Chievo ed è scivolato a meno cinque punti. La Roma non va oltre l’uno a uno in casa contro il Brescia, con Eder che ha risposto al gol di Borriello. E’ crisi Juventus, la formazione di Delneri perde in casa del Palermo per due a uno, inutile il gol della bandiera di Marchisio. Clamoroso al Tardini dove il Lecce vince uno a zero contro il Parma grazie al gol del figliol prodigo Chevanton. Sorride la Fiorentina che deve dire grazie a Santana e al portiere del Genoa Eduardo. A Genova la Sampdoria perde incredibilmente in casa contro il Cagliari. Pareggio per uno a uno tra Cesena-Catania e Udinese-Bologna.

Risultati 23esima giornata:

 

Milan-Lazio 0-0 (giocata ieri)

Cesena-Catania 1-1

Chievo-Napoli 2-0

Fiorentina-Genoa 1-0

Palermo-Juventus 2-1

Parma-Lecce 0-1

Roma-Brescia 1-1

Sampdoria-Cagliari 0-1

Udinese-Bologna 1-1

Bari-Inter (posticipo domani sera ore 20.45)

 

Classifica Serie A dopo la 23esima giornata:

 

Milan 48

Napoli 43

Lazio 41

Roma 39*

Inter 38**

Palermo 37

Udinese 37

Juventus 35

Cagliari 32

Chievo 30

Fiorentina 28*

Sampdoria 27*

Genoa 27*

Bologna 26*

Parma 25

Lecce 24

Catania 23

Cesena 21

Brescia 19

Bari 14*

*Una partita in meno

**Due partite in meno

 

CESENA-CATANIA 1-1: primo punto per Diego Simeone sulla panchina del Catania. Gli etnei infatti pareggiano uno a uno sul campo del Cesena di Ficcadenti. I siciliani passano in vantaggio all’ottavo minuto di gioco con l’argentino Maxi Lopez, bravo a mettere dentro su assist di Ricchiuti. Incerto il portiere del Cesena Antonioli. Il Cesena va vicino al pareggio con Giaccherini ma il suo tiro finisce a fin di palo. Il pareggio arriva al 31esimo minuto con il cileno Jimenez bravo a duettare con Bogdani e a battere Andujar. Nella ripresa un solo brivido, il gol annullato giustamente a Bogdani per fuorigioco millimetrico.

 

CHIEVO-NAPOLI 2-0: il Napoli di Mazzarri non supera l’esame scudetto e perde nettamente a Verona contro un super Chievo per due a zero. Con i tre punti la formazione partenopea avrebbe rosicchiato due punti al Milan arrivando a meno due, invece la sconfitta ha allontanato il Napoli a meno cinque dai rossoneri. Il vantaggio del Chievo arriva al 20′ minuto con un sinistro a giro di Moscardelli che batte De Sanctis. I clivensi vanno vicino al raddoppio sempre con Moscardelli che però cicca clamorosamente dal limite dell’area. Cinque minuti nella ripresa e Sardo porta a due i gol del Chievo sbucando alla sinistra della difesa partenopea. Nel finale prima Pellissier poi Moscardelli sprecano la palla del tre a zero.

 

FIORENTINA-GENOA 1-0: match strano a Firenze dove la Fiorentina di Mihajlovic porta a casa il punteggio grazie al gol di Santana con la complicità del solito Eduardo, portiere del Genoa. Primo tempo che vede il Genoa di Ballardini vicino al gol con Palacio ma il suo diagonale viene parato da Boruc. Al 40′ miuto cross di Pasqual, Eduardo devia male e Santana ne approfitta per mettere dentro. Nel finale di primo tempo ancora Boruc strepitoso su Criscito. Nella ripresa occasionissima per Cerci che spreca malamente dopo l’invito di Marchionni. Nel finale è Paloschi a mettere i brividi ai tifosi viola ma il suo colpo di testa va fuori di poco.

 

 

PALERMO-JUVENTUS 2-1: la Juventus perde ancora e adesso il tecnico bianconero Delneri rischia. A Palermo i bianconeri non ritrovano la vittoria e subiscono la terza sconfitta consecutiva dopo quella in Coppa Italia contro la Roma e la sconfitta casalinga contro l’Udinese di domenica scorsa. Palermo in vantaggio già dopo sette minuti con l’ex Miccoli che si beve Grygera e trafigge Buffon in uscita. Passano tredici minuti e il Palermo raddoppia con Migliaccio che sugli sviluppi di un calcio d’angolo anticipa Chiellini e mette dentro il gol del due a zero. La Juventus va vicina al gol del due a uno con Matri ma il nuovo bomber bianconero si fa ipnotizzare da Sirigu. Il gol del due a uno lo segna Marchisio con un sinistro in mischia. Nella ripresa Juventus vicina al pareggio con Matri ma il suo colpo di testa finisce sul tacco di Bovo. Il Palermo però ha una palla gol incredibile con Miccoli che spara alto a Buffon battuto.

 

PARMA-LECCE 0-1: clamoroso al Tardini. Il Lecce di De Canio vince uno a zero contro il Parma di Marino segnando il gol vittoria nei minuti di recupero prendendosi la rivincita contro il destino dopo il gol subito domenica scorsa da Bogdani proprio nel finale. Nel primo tempo partita equilibrata con inizio a favore del Parma mentre la seconda parte è di marchio leccese. Nella ripresa ci prova Giovinco con la sua vivacità mentre il nuovo acquisto del Parma Amauri dopo un buon primo tempo cala vistosamente. L’unica emozione del match arriva al 92esimo con Chevanton che di testa mette dentro e batte Mirante per l’uno a zero finale.

 

ROMA-BRESCIA 1-1: altro risultato incredibile quello dell’Olimpico tra Roma e Brescia. I giallorossi infatti sprecano l’opportunità di avvicinarsi alla vetta e si fanno fermare sul pari dai lombardi di Iachini, tornato dopo l’esonero di un mese e mezzo fa. Il primo tempo però scorre via senza particolare emozioni, le uniche le regala una rovesciata di Vucinic e un tiro potente di Cassetti parato da Arcari. Nella ripresa Vucinic coglie una traversa su assist di Menez, ma il gol è nell’aria e arriva al 58esimo minuto con Borriello che approfitta di un rimpallo durante l’azione di Vucinic e mette dentro. Il Brescia però pareggia dopo dieci minuti con Eder che di testa mette dentro su assist di Hetemaj. Nel finale il Brescia va vicino al colpaccio in due occasioni sempre con Lanzafame che prima impegna seriamente Julio Sergio e poi coglie la traversa nel finale.

 

SAMPDORIA-CAGLIARI 0-1: anche al Marassi di Genova arrivano sorprese. La Sampdoria di Di Carlo non riesce più a vincere e segnare, il Cagliari di Donadoni, privo di Matri passato alla Juventus, vince uno a zero. Nel primo tempo Sampdoria molto timida mentre il Cagliari è più intraprendente. Il vantaggio degli ospiti arriva al 37esimo minuto con il gol di Nainggolan che dalla sinistra scarta quattro giocatori doriani e poi fa partire una grande sassata che batte Curci. Nella ripresa la Sampdoria prova invana a pareggiare grazie alle accellerazioni di Biabiany ma il risultato non cambia, anzi è il Cagliari ad andare vicino al raddoppio con Nenè che viene anticipato da Curci.

 

UDINESE-BOLOGNA 1-1: uno a uno al Friuli di Udine tra Udinese e Bologna. I friulani, privi di Sanchez, non riescono a ripetere la grande vittoria di domenica sera contro la Juventus. Primo tempo che vede subito il Bologna pericolso prima con Meggiorini, bella parata di Belardi e poi Di Vaio che sbaglia clamorosamente solo davanti al portiere dei friulani. Anche Di Natale, a caccia del 100esimo gol in Serie A sbaglia a tu per tu con Viviano. Ci prova Armero ma il suo tiro al volo si spegne sul fondo. Nella ripresa la partita regala le emozioni sperate, al 65′ minuto Di Vaio fa tutto solo e realizza un grande gol fulminando il portiere Belardi. I felsinei vanno vicino al raddoppio con Meggiorini che si divora il gol del due a zero. Il pareggio dell’Udinese arriva poco dopo con Domizzi bravo a deviare un calcio di punizione di Di Natale.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori