CALCIO/ Cesena, Giaccherini: con l’Inter sarà dura, ma dobbiamo fare punti

- La Redazione

Grande protagonista degli ultimi risultati positivi del Cesena, Emanuele Giaccherini ha parlato oggi in conferenza stampa in vista della gara di sabato contro l’Inter al Manuzzi.

Giaccherini_r400
Giaccherini (foto Ansa)
Pubblicità

Grande protagonista degli ultimi risultati positivi del Cesena, Emanuele Giaccherini ha parlato oggi in conferenza stampa in vista della gara di sabato contro l’Inter al Manuzzi.

La prima riflessione è sulla vittoriosa gara di sabato scorso nel derby col Bologna: “Sabato è stata una vittoria importantissima, primo perché era un derby ma soprattutto perché per la classifica era fondamentale vincere”.

La gara è stata decisa anche da un suo gol, rispetto al quale il centrocmapista bianconero dice “i gol sono tutti importanti, quello di sabato lo è stato moltissimo; se però devo dire quello che mi ricordo di più forse è stato il mio primo  in Serie A, contro il Milan”.

Il Cesena, in piena lotta salvezza, se la vedrà sabato con l’Inter, in un match che può assegnare lo scudetto al Milan e che significa tanto per entrambe le squadre, a caccia dei punti decisivi per i propri obiettivi: “Sabato arriva l’Inter – prosegue il calciatore – si tratta di una partita difficile. Ora sto bene, in questa parte della stagione riesco a trovare la rete con più continuità”.

CLICCA SUL SIMBOLO >> PER CONTINUARE A LEGGERE LE PAROLE DI GIACCHERINI SU CESENA-INTER

Pubblicità

L’occasione di Cesena-Inter sarà anche quella buona per ri-incrociare il proprio destino con quello di Yuto Nagatomo: “Mi troverò di nuovo di fronte Nagatomo e sarà qualcosa di particolare – dice il cesenate – Io e Nagatomo eravamo in camera insieme: è davvero un giocatore forte, con grandi qualità, che sta meritando tutto quello che ha raccolto fino ad ora. So che è difficile ma dobbiamo partire per fare punti. Il mio obiettivo resta raggiungere la salvezza con il Cesena, ora al mercato non penso”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità

I commenti dei lettori