CALCIO/ Gianni Di Marzio: “Hazard? Forte, non un fenomeno”

- La Redazione

In un’intervista esclusiva al sito TuttoMercatoWeb è intervenuto Gianni Di Marzio, consulente tecnico del Queens Park Rangers (che il prossimo anno giocherà in Premier League).

Hazard_r375_20mag09
Hazard (foto Ansa)

In un’intervista esclusiva al sito TuttoMercatoWeb è intervenuto Gianni Di Marzio, consulente tecnico del Queens Park Rangers (che il prossimo anno giocherà in Premier League) pr fare il punto della situazione su alcuni affari di mercato che coinvolgono i nostri club. La prima domanda riguarda il talento belga del Lille, Hazard, che tanto sembra piacere all’Inter di Massimo Moratti. “È un ottimo giocatore – dice – ma, giusto per fare una piccola rima, è un azzardo definirlo un fenomeno. Sicuramente è un calciatore valido, di qualità. Però ho letto che ha le qualità di Messi, Cassano, Ronaldinho e Cristiano Ronaldo. E sicuramente mi sembrano eccessive queste considerazioni lette nei giorni scorsi. Mica è Pelè e Maradona messi insieme. Non so in base a che cosa si possa giudicare un calciatore giovane in questa maniera”. Un fenomeno destinato all’Inter da quanto dicono i rumors di mercato. Ma Di Marzio è cauto a riguardo: “Non lo so. Mi risulta che all’Inter piaccia, però non seguo il mercato dei nerazzurri”. Si fa poi un tuffo in Inghilterra e si chiede delucidazioni sulla voce secondo cui il Queens Park Ranger vorrebbe affidare la guida tecnica della squadra a Claudio Ranieri: “Dalle mie informazioni non credo che i vertici abbiano pensato a Ranieri. Secondo me l’allenatore rimarrà l’attuale, ovvero quello che ha vinto il campionato. Però, le decisioni, vengono prese dai vertici della società. Ma a Ranieri bisogna fare una squadra che stia in cima alla classifica. Noi invece lotteremo per salvarci”.

CLICCA SUL SIMBOLO >> PER CONTINUARE A LEGGERE LE PAROLE DI DI MARZIO

Questione Mazzarri: “Un allenatore che vuole andare alla Juventus e alla Roma e poi gli sfuggono le opportunità e adesso porta il presidente a fare marcia indietro, non assume un bel comportamento. A Napoli ha fatto delle cose straordinarie, ma certamente ha destabilizzato l’ambiente perché gli azzurri avrebbero potuto lottare anche per lo scudetto. Se la squadra fa bene contro l’Udinese priva di Sanchez e Di Natale, lotta per il titolo. Dopo la partita contro i friulani, il Napoli è crollato. Alla fine resterà sicuramente. Poi ognuno, a tal proposito, la pensa nella propria maniera. Per me Mazzarri ha assunto un comportamento evitabile. Ma queste sono considerazioni che faccio dall’esterno”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori