36ESIMA GIORNATA: le combinazioni di risultati per la Champions, lo scudetto e la zona retrocessione

A tre giornate dalla fine (9 punti ancora in palio) la serie A ha sinora emesso un solo verdetto definitivo: il Bari è matematicamente retrocesso in serie B.

06.05.2011 - La Redazione
Allegri_r400
Massimiliano Allegri

A tre giornate dalla fine (9 punti ancora in palio) la serie A ha sinora emesso un solo verdetto definitivo: il Bari è matematicamente retrocesso in serie B.

Tutto aperto, invece, in testa alla classifica (restano ancora da assegnare titolo, due posti in Uefa Champions League ed uno ai preliminari) e in coda alla graduatoria (ancora non si sa quali saranno le altre due compagini che giocheranno la prossima stagione nel campionato cadetto).

Questione scudetto: il Milan, a quota 77 punti, vanta un vantaggio rispettivamente di 8 punti sull’Inter e 9 sul Napoli. I rossoneri sono anche in vantaggio nei confronti diretti con entrambe le avversarie (2 vittorie contro l’Inter e 2 vittorie contro il Napoli), il che, in caso di arrivo a pari punti, favorirebbe i rossoneri. Per questo motivo al Milan basta un solo punto in tre partite per diventare campione, punto che porterebbe la squadra di Allegri a quota 78, permettendo all’Inter (69 attuali + 9 teorici) al massimo l’aggancio, che premierebbe comunque i rossoneri. Il Napoli (a -9) è già matematicamente fuori dalla lotta al titolo.

Per “lasciarsi sfuggire” questo scudetto il Milan dovrebbe perdere le restanti tre gare e l’Inter vincere le prossime tre. Statisticamente difficilissimo.

Questione Champions League: il discorso qui si fa più complesso. Inter e Napoli sono già certe di disputare la prossima Champions League, ma entrambe potrebbero ancora passare dal secondo al quarto posto, e quindi dover fare i preliminari. Bagarre assoluta tra Lazio, Roma, Udinese e Juventus per il posto rimasto.

CLICCA SUL SIMBOLO >> PER CONTINUARE A LEGGERE LE POSSIBILI COMBINAZIONI DI RISULTATI DELLA PROSSIMA GIORNATA DI SERIE A

Inter: ai nerazzurri basta ottenere un solo punto nelle prossime tre giornate (per andare così a quota 70) e allontanarsi definitivamente dalla quarta piazza (La Lazio, quarta a 60 punti, non avrebbe così più modo di agganciarla) aggiudicandosi il diritto di disputare direttamente la prossima Champions.

Napoli: ai partenopei, terzi a quota 68, bastano due punti in tre giornate per assicurarsi almeno la terza piazza. Con un punto solo, infatti, il Napoli volerebbe a quota 69 punti, ancora non fuori dalla portata dell’aggancio laziale (anche la Lazio, con tre vittorie, andrebbe a quota 69): in questo caso gli esiti dei due scontri diretti premierebbero la Lazio di Reja e obbligherebbero il Napoli ai preliminari.

Lazio: quarta a quota 60 punti, è artefice del proprio destino. In caso di tre vittorie su tre sarà la squadra di Lotito a giocarsi la prossima Champions League. Potenzialmente la Lazio potrebbe ancora arrivare seconda: se Inter e Napoli si suicidassero calcisticamente (0 punti su 9) e la Lazio vincesse tutte e tre le proprie sfide, la squadra biancoceleste scavalcherebbe il Napoli (fermo a 68) e agguanterebbe l’Inter (a quota 69), ma in virtù degli scontri diretti favorevoli, risulterebbe seconda classificata. Più probabile invece che vedremo una lotta accesissima con le squadre alle spalle.

Ad oggi è impossibile prevedere come andrà a finire: con quattro squadre ancora in corsa, le possibili combinazioni di risultati e gli esiti degli scontri diretti non consentono di sbilanciarsi a favore di una o dell’altra. Sicuramente la Juventus è la squadra che, statisticamente, ha meno chances di ottenere un posto in Europa.
In zona Champions la classifica recita: Lazio (60), Roma (59), Udinese (59) e Juventus (56).

 

 

CLICCA SUL SIMBOLO >> PER CONTINUARE A LEGGERE LE POSSIBILI COMBINAZIONI DI RISULTATI DELLA PROSSIMA GIORNATA DI SERIE A

Zona retrocessione: Bari già in serie B. Rischia moltissimo il Brescia (a -5 dalla quota salvezza): le rondinelle potrebbero essere in B già domenica sera solo in un caso: sconfitta contro il Catania e contemporanea vittoria sia del Lecce che della Sampdoria.
Teoricamente non sono ancora salve neanche Lecce, Sampdoria, Cesena, Catania, Bologna, Parma e Chievo Verona. Sono ancora troppe le combinazioni possibili. Dal prossimo weekend sarà possibile cominciare ad avere un idea più chiara del futuro di molte squadre.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori