CALCIOMERCATO/ Milan e Inter tagliate fuori, per Bale sarà derby di Manchester

- La Redazione

L’esterno gallese piace a molti top club europei ma è probabile che rimarrà in Inghilterra. Citizens e Red Devils si sfideranno a suon di milioni per strapparlo al Tottenham

bale_R400_9mar11_Milan
Gareth Bale

CALCIOMERCATO – Tutti pazzi per Gareth Bale. Il terzino gallese, classe 1989 è stato una delle rivelazioni più interessanti in questa annata e molto probabilmente sarà uno dei protagonisti del prossimo calciomeracato.  Nonostante la seconda parte di stagione parzialmente rovinata da un infortunio l’esterno ha fatto vedere prestazioni impressionanti per potenza e classe, i tifosi dell’Inter si riconrderanno di certo i tre gol segnati di prepotenza nella sfida, comunque vinta dai nerazzurri, nel girone eliminatorio di Champions League.

Il giocatore è stato accostato alla stessa Inter e al Milan, oltre che a vari top club europei, incluse le big di Spagna, Real e Barcellona, ma è più facile che il ragazzo rimanga in patria visto l’attaccamento alla sua nazione. Per la prossima estate si sta prefigurando un vero e proprio derby tra Manchester United e Manchester City che si contenderanno il talento a suon di milioni.

Ufficilmente gli Spurs hanno fissato il prezzo a 80 milioni di sterline, una cifra irrealistica “sparata” più che altro per allontanare i rumors dalla squadra nel finale di stagione. 

CALCIOMERCATO BALE DERBY UNITED CITY CONTINUA CLICCA QUI SOTTO

Lo United cerca un erede di Evra che ha ormai superato i 30 anni e lo avrebbe trovato nel gallese anche il suo ruolo non è più quello di terzino, visto che nell’ultima  stagione lo ha schierato quasi sempre sulla linea dei centrocampisti. Sull’altra sponda Mancini vuole proseguire il progetto di rafforzamento della squadra e la dirigenza del City punta ogni anno ai migliori in circolazione, Bale è di certo tra questi e, secondo quanto riporta la Gazzetta dello Sport i Citizens potrebbero anche trattenere Tevez e provare ad ingaggiare Kakà lasciando a Madrid Adebayor.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori