SEBASTIANO ROSSI/ Arrestato l’ex portiere del Milan: calci e pugni a un carabiniere

- La Redazione

E’ stato arrestato ieri notte l’ex portiere del Milan Sebastiano Rossi. Aveva colpito un maresciallo dei carabinieri in un bar di Cesena. Processo per direttissima

sebastianorossi_R400
Foto Ansa

Era stato portiere del Milan per ben dodici anni, dal 1990 al 2002, anni di grandi vittorie. Ieri sera Sebastiano Rossi, oggi 47 anni, è stato arrestato per aver picchiato un maresciallo dei carabinieri. E’ successo nella sua città natale, Cesena, dove aveva anche cominciato la carriera di giocatore di calcio. Sebastiano Rossi si trovava in un bar del centro intento a fumare un sigaro. La barista gli ha detto di uscire dal locale dove, per legge come in tutta Italia, è vietato fumare. Lui non solo si è rifiutato ma le ha anche risposto in malo modo. Un maresciallo dei carabinieri in borghese che si trovava anche lui all’interno del bar, si è prima identificato poi lo ha invitato a calmarsi e a uscire dal bar. Immediatamente è scoppiata una lite e poi anche la rissa. Sebastiano Rossi, probabilmente ubriaco secondo le prime rilevazioni dei carabinieri dopo l’arresto, ha sferrato un pugno alla bocca dell’uomo. Questi però è uscito ugualmente a immobilizzarlo e a chiamare una pattuglia. Il risultato della bravata è stato l’arresto e quindi la reclusione in una cella di sicurezza della caserma dei carabinieri di Cesenatico. L’ex portiere del Milan sarà adesso processato per direttissima domani stesso, lunedì 9 maggio. Le accuse sono di aggressione e resistenza a pubblico ufficiale.

Per il maresciallo colpito alcuni punti alla bocca con una prognosi di otto giorni. Sebastiano Rossi quando era portiere del Milan riuscì a registrare il record di imbattibilità. E’ infatti è il detentore del record assoluto di imbattibilità per partite di campionato, con 929 minuti, dalla 16ª alla 26ª giornata incluse. Ha vinto fra le altre cose una Champions e una Coppa Intercontinentale



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori