CALCIOMERCATO/ Genoa, duello con la Roma per Hetemaj

- La Redazione

Il giovane centrocampista del Brescia è nel mirino di alcuni importanti club di serie A che avrebbero già avviato contatti con il suo procuratore Davide Lippi

Hetemaj_R400-1
Hetemaj felice dopo un gol (Foto Ansa)

Il Genoa duella con la Roma per Perparim Hetemaj. Anzi le società di serie A che hanno già fatto uno squillo a Davide Lippi, il suo agente, sono davvero molte. Ma andiamo con ordine. Chi è Hetemaj? Il giocatore si è messo in mostra quest’anno nel Brescia dove ha giocato sia come centrale di centrocampo che come esterno. Il giovane nato in Kossovo ma di passaporto finlandese ha dimostrato sia di essere importante nella fase di costruzione che in quella di copertura. Su di lui a gennaio c’era stato anche un sondaggio da parte dell’Inter ma poi Marco Branca virà su altri obiettivi. Al momento il Genoa e la Roma avrebbero avviato sondaggi con il suo entourage anche se non c’è da sottovalutare la pista Fiorentina. Mihajlovic lo avrebbe individuato come sostituto naturale di Donadel che domani firmerà con il Napoli. In casa Genoa però continuano i rumors sia in entrata che in uscita. “Non c’è niente di vero: posso escludere con certezza che Gargano vada al Genoa” dice Vincenzo D’Ippolito a Pianetagenoa1893.net. “Si è parlato con altre società, ad esempio la Fiorentina ma per ora non c’è nulla di concreto”.

 

Altra smentita, sempre rilasciata a Pianeta Genoa, è quella dell’agente di Milanetto. “Milanetto a Lugano?Nulla di vero, questa notizia me la dice lei ora, non sappiamo niente e credo proprio che il ragazzo rimanga a Genova, certo poi in estate tutto è possibile, ma sono sicuro che non si muoverà dal Genoa. Omar ha ancora un anno di contratto col Genoa, e lui a Genova sta benissimo e si sente molto importante per la squadra, fra poco ci vedremo per il rinnovo del contratto, perchè sarebbe molto felice di finire la carriera con la maglietta rossoblù, la squadra che lo ha portato ai massimi livelli”. Il mercato, però, come si dice in questi casi, è ancora lungo…

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori