CALCIOMERCATO/ Juventus-Rhodolfo? Difficile. Nelson Oliveira? Un fenomeno, ma alla Roma non serve. Durante (agente FIFA) in esclusiva

- La Redazione

In esclusiva a ilsussidiario.net è intervenuto SABATINO DURANTE, agente Fifa e grande esperto di calcio sudamericano, per parlare dei talenti emergenti che interessano ai nostri club.

nelsonoliveira_r400
Nelson Oliveira (foto Ansa)

A tre giorni alla chiusura del calciomercato i nostri club sono ancora alla ricerca di quegli innesti che permettano di completare le rose, in vista dell’avvio imminente della prossima stagione agonistica. Non passa giorno senza che alle squadre italiane vengano accostati i nomi più disparati, alcuni dei quali tuttavia resistono alle velleità passeggere dei direttori sportivi e dei tifosi e diventano, col tempo, i veri obiettivi delle società. E’ notizia freschissima l’interesse della Juventus per il difensore del San Paolo Rhodolfo, così come quello della Roma per il giovane talento portoghese Nelson Oliveira, attaccante del Benfica. In esclusiva a ilsussidiario.net è intervenuto Sabatino Durante, agente Fifa e grande esperto di calcio sudamericano, per parlarci di queste due trattative. “Rhodolfo non è un nome nuovo per il nostro calcio” – esordisce Durante – “già l’anno scorso il Bari lo monitorò ma non riuscì, per ragioni economiche, a portarlo in Puglia. Allora costava 3 milioni di euro… se penso che adesso il San Paolo ne chiede 10, non posso che rammaricarmi per l’ennesima dimostrazione di mancanza di lungimiranza delle società italiane”. Durante presenta così il ragazzo classe 1986: “Un buon giocatore, che assomma in sè fisicità e agonismo. E’ dotato di un bel piede e al San Paolo ha dimostrato di essere un giocatore di spessore e caratura internazionale”. Rhodolfo sembra essere finito nel mirino della Juventus, che starebbe sondando il terreno per il brasiliano: “Credo che difficilmente lo vedremo in Italia” – ci dice però Durante – “dato che ho l’impressione che la Juventus si sia mossa troppo tardi. Il San Paolo chiede 10 milioni, la Juventus vorrebbe trattare sulla base di 6/7: insomma, non credo che riusciranno a chiudere l’affare” sentenzia l’esperto agente Fifa. Inevitabile, prima di parlare di Nelson Oliveira, chiedere un parere su un altro acquisto juventino: Marcelo Estigarribia. “Estigarribia è una scommessa e anche la formula con cui la Juventus lo ha preso – prestito con diritto di riscatto – dice della volontà della Juventus di valutarlo bene” dice Durante, che parla di un giocatore “a tratti travolgente, ma anche capace di prestazioni assolutamente incolori. Spero per la Juventus e per il calcio italiano che sappia imporsi e riesca a riscattare la fama di giocatore che fa 1 partita bene e 9 male”.

Un giovane talento che invece piace molto alla Roma di Walter Sabatini è Nelson Oliveira, giovane attaccante del Benfica e della nazionale portoghese Under 20, che è salito agli onori della cronaca sportiva nel corso del recentissimo Mondiale. “Seguendo la competizione ho potuto ammirare questo ragazzo” – dice Durante – “che è stato davvero formidabile. Fa reparto da solo, combatte e ha grinta: davvero un talento. Il Brasile ha avuto la meglio sul Portogallo solo quando Oliveira è calato fisicamente: prima teneva impegnata da solo tutta la retroguardia brasiliana” ci racconta l’agente Fifa. Sul ragazzo lusitano si sarebbe mossa la Roma, pronta a trattarne l’acquisto con il Benfica. “E’ un attaccante fortissimo e quindi sarebbe utilissimo a qualunque squadra” – puntualizza Durante – “ma non credo che serva alla Roma. Oliveira è un attaccante centrale e la squadra di Luis Enrique ha già Borriello, Totti e – adesso – anche Osvaldo in quel ruolo. Cosa se ne fa la Roma di Oliveira?” si chiede l’esperto agente Fifa. “Io non avrei comprato neanche Osvaldo ma, se fossi stato in Sabatini, avrei cercato un attaccante capace di giocare a sinistra nel tridente: un giocatore così la Roma, visto che Bojan gioca a destra, non ce l’ha” prosegue Durante, che si domanda come la spasmodica ricerca di punte centrali forse non sia frutto della volontà “di sostituire definitivamente capitan Totti” nella Roma. Tra polemiche e trattative il mercato regala sempre emozioni e speranze: per tramutare i sogni in realtà mancano solo tre giorni. Marotta e Sabatini devono fare in fretta.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori