PAGELLE/ Fiorentina-Cagliari (0-0): voti, cronaca e tabellino (38esima giornata serie A)

- La Redazione

Allo Stadio Artemio Franchi la sfida tra Fiorentina e Cagliari si conclude zero a zero. La partita non ha entusiasmato più di tanto. Giusto lo 0-0. Le pagelle di Fiorentina-Cagliari: i voti

alessio_cerci_r400
Alessio Cerci, attaccante Fiorentina (Infophoto)

Allo Stadio Artemio Franchi la sfida tra Fiorentina e Cagliari si conclude zero a zero. La partita non ha entusiasmato più di tanto, le due squadre salve non hanno spinto granché per provare a segnare e non si sono fatte male. La Fiorentina fa una partita d’attesa e si fa vedere con delle ripartenze soprattutto nel secondo tempo. Dall’altra parte il Cagliari che fa molto possesso palla e cerca le verticalizzazioni per i suoi attaccanti, un possesso palla a tratti, però, un po’ lento. Il Cagliari nel corso della gara dimostra di avere più fame rispetto ai viola, ma non riesce ad avere comunque la meglio sulla squadra di casa.

Un primo tempo scialbo che vede le due squadre studiarsi per la maggior parte della gara, il Cagliari fa possesso palla e la Fiorentina si limita a chiudere e a ripartire. La prima occasione è per i viola che provano con Romulo da fuori ma la palla termina alta sopra la traversa. Da qui in poi il Cagliari ci prova, prima con Ribeiro che però non trova la porta e poi con alcune ripartenze di Nenè che non riesce a trovare gli spunti finali. L’occasione più ghiotta capita tra i piedi di Nainggolan che parte dalla fascia destra, si accentra e scarica un tiro potentissimo che Neto respinge con i pugni. Nel finale di tempo si ha il privilegio di vedere un bel colpo di tacco di Ariaudo che però trova Salifu sulla proprio strada. Il primo tempo si chiude con soli due tiri in porta entrambi effettuati dai rosso-blu.

Nel secondo tempo la partita assume la piega del primo: possesso palla del Cagliari che però non verticalizza più di tanto e la Fiorentina che assume un atteggiamento di attesa e ripartenza. I due tecnici decidono di dare spazio ai più giovani, Guerini lascia spazio ad Acosty, giovane molto promettente che da vivacità alla fase offensiva della squadra viola. Ma è sempre il Cagliari ad essere pericoloso, prima con Ribeiro che fa un ottimo movimento e per poco non trova la porta e poi ancora Riberio che manda fuori un colpo di testa effettuato non al meglio. Ma tutto si accende nel finale. Punizione dalla trequarti di Olivera che mette in mezzo all’area, Avramov sbaglia il tempo dell’uscita e viene anticipato da Natali , sembra gol ma l’arbitro annulla per posizione di fuorigioco. Il fuorigioco era netto, molto attento l’assistente. Capovolgimento di fronte e Ribeiro appoggia indietro su Nainggolan che tira debolmente e Neto compie un ottima parata. Ultimo minuto, un ottimo Natali sbaglia e regala il pallone a Nene che in mezzo all’area non si aspetta il pallone e scarica alto. Da segnalare le ottime prove di Nainggolan, di tutta la difesa sarda, in modo particolare di Ariaudo. Nel corso della gara ci sono recriminazione da parte del Cagliari per una presunta spinta di Olivera su Conti. La spinta c’è ma il centrocampista rosso-blu accentua molto. Ottima prova da parte dell’arbitro della gara Gallione. Per i Viola buone le prove di Cerci, del giovane Acosty e di Natali che saluta con una grande prestazione il popolo viola. La gara si conclude sotto una pioggia di fischi per i giocatori viola che cosi abbandonano il campo. Tutti si aspettavano qualcosa di più dalla Fiorentina nel corso della stagione, e tutti attendono da tempo il salto di qualità da parte del Cagliari che ogni anno si conferma un ottima squadra. Per tutte e due le squadre è stato un arrivederci a settembre alla massima serie. Insomma sarà festa comunque negli spogliatoi.

 

 

Fiorentina (3-5-2): Neto; De Silvestri (Dal 54′ Cassani), Natali, Felipe; Marchionni (Dal 17′ Salifu), Kharja, Romulo, Lazzari (Dal 64′ Acosty), Pasqual; Olivera, Cerci. All. Guerini 

Cagliari (4-3-3): Avramov; Perico, Astori, Canini (Dal 70′ Murru), Ariaudo; Ekdal (Dal 66′ Ibarbo), Conti, Nainggolan; Dessena; Thiago Ribeiro (Dal 89′ Eriksson), Nene’. All. Ficcadenti. 
 

Marcatori: –
Ammoniti: 25′ Conti (CA), 59′ Cerci (FIO), 62′ Dessena (CA)
Espulsi: –

 

Neto 6,5: non è sempre impegnato, anzi pochissimo ma in quelle poche occasioni si fa trovare pronto. Da sicurezza alla retroguardia, molto bene sui due tiri Nainggolan

Natali 6,5: preciso negli interventi, coordina molto bene la difesa, fa gol ma poi annullato giustamente. Peccato per la piccola pecca finale su nene che comunque non compromette nulla. Lascia Firenze con un buona prestazione

Felipe 6: Ordinato nelle chiusure ben coordinato dai suoi compagni di reparto.

De silvestri 6: come i suoi compagni di reparto non sfigura, fa il suo compito di difensore poi si fa male.

Cassani 6: sostituisce De silvestri, protagonista di alcune buone chiusure.

Marchionni s.v.: esce per infortuni dopo pochi minuti.

Salifu 5,5: il giovane sostituisce Marchionni. Alterna cose buone a cose meno buone troppe discontinuo per essere centrocampista centrale.

Kharja 5,5: Non è il solito Kharja, non cerca mai la percussione e fatica un po’ a centrocampo. Poco aiutato anche dai suoi compagni di reparto

Romulo 6: Sulla fascia è molto veloce, punta spesso l’uomo e si accentra per la conclusione. È lui nel primo tempo a tirare verso la porta per primo. 

Lazzari 5: Quasi mai nominato in telecronaca, recupera pochi palloni e si propone poco anche in fase di attacco

Acosty 6,5: Sostituisce Lazzari e spinge, lotta e riparte. Ottima prova per il ragazzino, da un po’ di vivacità alla manovra.

Pasqual 6: si propone molto sulla fascia e cerca sempre il cross

Olivera 6: Prima davanti di fianco a Cerci, cerca di dialogare con lui ma è poco assistito dai compagni poi si sposta centrocampo e cerca di impostare la manovra. Ottimo il sacrificio

Cerci 6,5: ottima gara la sua che almeno ci prova, corre, finisce spesso in fuorigioco e prova a tirare verso l aporta di Avramov.

Avramov 5,5: Si meriterebbe un s.v perché praticamente i tiri della Fiorentina sono tutti fuori dallo specchio. Alla fine però decide di uscire su Natali in netto ritardo, graziato dal guardalinee che segnala un giusto fuorigioco.

Perico 6: spinge molto bene sulla fascia e fa anche un ottima prova in difesa.

Astori 6: i centrali del Cagliari sono stati poco impegnati ma quelle poche volte è sempre pronto.

Canini 6: anche lui sempre pronto quelle poche volte che è chiamato in causa

Murru s.v.: entra al posto di canini troppo poco per giudicare

Ariaudo 6,5: si rende protagonista in difesa di ottime chiusure e in avanti di alcune buone conclusioni sui tanti calcio d’angolo battuti.

Dessena 6: nel trio d’attacco prova a trovare spunti interessanti ma senza riuscirci, comunque prova sufficiente

Conti 6: imposta bene in mezzo al campo, reclama un rigore ma è molto difficile concederglielo.

Nainggolan 7: Lotta in mezzo al campo, tira e bene perché sfiora due volte il gol. Dove c’è lui non si passa. Bravo vende cara la pelle.

Ekdal 5,5: non il solito fa fatica ad impostar e a volte perde palla, molto lento nel ragionamento.

Ibarbo s.v.: entra al posto di Ekdal ma non si fa vedere come al solito. Tocca un solo portiere.

Thiago Ribeiro 5,5: Come al solito alterna cose molto belle ad altre brutte. Deve lavorare di più sulla continuità.

Eriksson s.v.: entra nei minuti finali al posto di Ribeiro, esordio per lui.

Nene 6: Prova a dare profondità ma non sempre con successo, ha alcuni buoni spunti. Lottatore.

 

(Diego Becce)




© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori