CHAMPIONS LEAGUE/ Zazzaroni: la crisi del Milan non si risolve in due giorni, invece il Real Madrid… (esclusiva)

- int. Ivan Zazzaroni

Deludente pareggio casalingo per il Milan contro l’Anderlecht, spettacolare vittoria del Real Madrid sul Manchester City, grande inizio del Psg: il commento di Zazzaroni alle partite di ieri

real_city
Cristiano Ronaldo esulta dopo il gol decisivo ieri sera (Infophoto)

Ieri sera è iniziata la Champions League 2012-2013. Il Milan non esce dalla sua crisi d’inizio anno pareggiando in casa per 0-0 contro l’Anderlecht (clicca qui per le pagelle e qui per la cronaca della partita) e deve pure assistere ai gol di Zlatan Ibrahimovic e Thiago Silva che lanciano il Paris Saint Germain alla facile vittoria (4-1) contro la Dinamo Kiev. Il futuro di Allegri sulla panchina rossonera è sempre più in bilico. Tra le altre partite, grande spettacolo al Bernabeu dove il Real Madrid di Mourinho ha ribaltato negli ultimi cinque minuti il risultato contro il Manchester City di Mancini: 3-2 (clicca qui per le pagelle e qui per la cronaca della partita). Ecco il commento del noto giornalista sportivo Ivan Zazzaroni, in questa intervista esclusiva per IlSussidiario.net.

Milan ancora deludente ieri: la crisi continua?

Una partita non basta per uscire da questa situazione. La squadra non ha reazione, è svuotata: questa è la preoccupazione principale della dirigenza. Alcuni giocatori non sono in condizione, e se elenchiamo tutti i problemi stiamo qui mezza giornata… Comunque in due giorni non si potevano risolvere problemi che sono congeniti: io non mi aspettavo molto di più.

Cambiare l’allenatore potrebbe servire?

Il punto è che questa è l’unica cosa che si può fare da qui a gennaio. Se le cose continueranno in questo modo, il cambio di allenatore sarà inevitabile.

La cosa che colpisce di più è la totale sterilità in attacco…

Non riesco proprio a trovare note positive. Partenza critica, mancanza di qualità… ma la cosa grave è che non vedo reazione.

La reazione dei tifosi invece si è espressa con il boato al gol di Thiago Silva…

I tifosi milanisti meritano complimenti per come si stanno comportando. Grande equilibrio, dissenso mostrato non andando allo stadio oppure festeggiando per i gol degli ex, e ieri ha segnato pure Huntelaar. Tutti comportamenti molto civili. Ma non vedo all’orizzonte una inversione di tendenza della squadra.

La rivale principale del girone ora è il Malaga?

A dir la verità, si potrebbe dire che la rivale principale del Milan è lo stesso Milan… Comunque resto convinto che la rivale più forte resti lo Zenit, che comunque si è dimostrato una squadra e ha provato a vincere anche in una serata con clamorosi sbandamenti difensivi.

Come giudica invece Real Madrid-Manchester City?

Calcio di un altro pianeta, partita divertentissima e globalmente il Real ha meritato la vittoria, anche se ovviamente a cinque minuti dalla fine il City poteva chiudere con la vittoria. Comunque sembrava una finale tanto è stata emozionante.

La rimonta finale dimostra che la squadra è con Mourinho?

Io non ho mai pensato che non lo fosse. Ci sta che parti male, che arrivi qualche risultato deludente o che una squadra come il Real affronti le partite più ordinarie non al 100%, anche solo involontariamente…

Grande inizio invece del Psg…

La Dinamo Kiev però era in condizioni pietose, di fatto il Psg ha giocato contro nessuno. Non era un test probante. Bello comunque che Verratti abbia esordito in Champions League senza problemi. Una bella avventura.

Per finire: pronostico su Chelsea-Juventus?

Il Chelsea è partito bene quest’anno, la Juventus anche ovviamente ma dobbiamo ancora vederla in campo europeo. Potrebbe uscire un pari, ma i bianconeri credo che avranno più difficoltà perché affronteranno squadre che giocano il calcio alla stessa loro maniera.

 

(Mauro Mantegazza)



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori