Probabili formazioni/ Marsiglia-Napoli, gli assenti: Higuain verso il sì. Le ultime novità (Champions League, gruppo F)

- La Redazione

Probabili formazioni di Marsiglia-Napoli: stasera al Velodrome i partenopei riprendono la corsa in Champions League (gruppo F). Higuain dovrebbe giocare, assenze più pesanti per gli azzurri

callejon_higuain
(Infophoto)

Secondo le ultime indiscrezioni riguardanti Marsiglia-Napoli, riportate dalla Gazzetta dello Sport, Gonzalo Higuain dovrebbe partire dal primo minuto allo stadio Velodrome. Il ballottaggio per l’undici iniziale di Benitez riguarda Insigne e Mertens.

Due indisponibili per parte per Marsiglia-Napoli. I francesi devono fare a meno del difensore brasiliano Lucas Mendes, 23 anni e solitamente titolare, e dell’attaccante tunisino Saber Khalifa, 27 anni. Inizialmente sembrava in dubbio il centravanti titolare ovvero Andre-Pierre Gignac; sarà invece la sua riserva, Khalifa, a non prendere parte al match contro il Napoli. Benitez invece non può contare sul difensore centrale Britos e sull’esterno Zuniga. Tutto considerato si può sostenere che le assenze più pesanti siano  quelle partenopee in particolare quella di Zuniga, che spesso garantisce una marcia in più sulla fascia. In più anche Higuain non è al cento per cento e per questo dovrebbe partire dalla panchina. In ogni caso entrambe le squadre sono state costruite con alternative valide, e potranno giocare a viso aperto anche senza i giocatori indisponibili. 

Ci sono sempre giocatori più attesi di altri prima di una partita. Ogni gara poi è in grado di riservare una trama imprevedibile, ed esaltare eroi impensati. In ogni caso prima di Marsiglia-Napoli si possono pronosticare due giocatori potenzialmente decisivi. Il difensore centrale camerunese, classe 1990, è stato inseguito proprio dal Napoli durante l’ultimo calciomercato estivo. Di lui si è detto un gran bene, e il Marsiglia ha fatto una valutazione che i partenopei hanno ritenuto eccessiva. C’è curiosità per vederlo finalmente all’opera proprio contro gli azzurri. La probabile panchina di Higuain potrebbe rendergli il compito più semplice: vedremo come guiderà il reparto arretrato dei francesi, che non devono subire gol avendo estremo bisogno di vincere. Contro la Roma Marekiaro è risultato meno brillante del solito: non è la prima volta che il campione slovacco stecca un big match. Oggi il Napoli deve vincere per rilanciarsi in classifica e non correre rischi, dopo la sconfitta con l’Arsenal: senza Higuain Hamsik dovrà fornire il contributo offensivo cui ci ha abituato, in termini di gol, assist e inserimenti pericolosi. La sua cresta ha conquistato l’Italia: ora lo attende anche l’Europa. 

Questa sera torna la Champions League, e tra gli appuntamenti da non perdere c’è sicuramente Olympique Marsiglia-Napoli, alle ore 20.45 allo stadio Velodrome. Si tratterà infatti di una partita molto importante per delineare gli equilibri del gruppo F, che è tra i più equilibrati. I francesi hanno esordito con due sconfitte, per cui di fatto sono già all’ultima spiaggia e non possono fallire in casa propria, ma i partenopei hanno bisogno di un risultato utile per non rischiare di veder vanificato lo splendido debutto contro il Borussia: l’OM è l’anello debole del gruppo, per cui bisogna cercare di far risultato anche a casa loro. L’atmosfera sarà molto calda, perché Marsiglia e Napoli sono due città con molte similitudini, quindi per gli uomini di Benitez sarà un nuovo esame di maturità internazionale. Arbitra il turco Cakir, e ora andiamo a vedere le probabili formazioni e le ultime notizie sulle due squadre.

Queste sono state le parole dell’allenatore Elie Baup nella conferenza stampa di ieri:“La squadra si è allenata con grande intensità e impegno, il morale è alto. Dovremo sfoderare un’ottima prestazione, giocare un bel calcio e fare risultato. Terremo d’occhio anche cosa succede nell’altra gara del girone, ma prima dovremo pensare a noi stessi. Il Napoli è una squadra molto veloce davanti. Sanno come creare occasioni con le ripartenze. E’ una squadra piena di ottimi giocatori ma noi daremo tutto per vincere. La cosa importante è continuare a credere nella qualificazione. C’è ancora speranza e faremo il possibile per centrarla”. Risollevare il morale dopo tre sconfitte sarà fondamentale: i giocatori fondamentali sono il portiere Mandanda e la punta Gignac, entrambi capaci di grandi prestazioni e di errori madornali. La fantasia sarà invece fornita dal trequartista Valbuena, con Andre Ayew a garantire velocità all’attacco nel 4-2-3-1 marsigliese. Altri due giocatori attesi sono il difensore N’Koulou e il mediano Imbula, che sono stati recentemente accostati a squadre italiane.

Nella panchina dei francesi spiccano il numero 7 Cheyrou e Jordan Ayew, fratello di Andre: sono loro gli elementi di maggiore qualità a disposizione di Baup per cercare di modificare il corso della partita.

L’elenco comprende il difensore Mendes e l’attaccante Khalifa, ma è il primo l’assente che peserà di più per l’OM, perché è il centrale che aveva dato equilibrio ad un reparto non fenomenale. Un’occasione che va sfruttata.

Rafa Benitez ha parlato così della partita nella conferenza stampa di ieri, a partire dalle condizioni di salute di Higuain: “Gonzalo si sta allenando bene, se è disponibile dovrò valutarlo insieme ai medici. Ogni giocatore ha bisogno di tempi diversi. Migliora ogni giorno e presto starà bene. Ma dirà lui quando è pronto, potrà essere oggi, domani o fra tre giorni. Si diceva che il nostro è un girone della morte. E’ difficilissimo e queste due partite col Marsiglia sono decisive, se non le vinciamo bisognerà vincere le successive e non sarà semplice. Sono venuto qui due volte e quello che mi è rimasto impresso è stata l’atmosfera e il calore dei tifosi. E’ una squadra pericolosa, che sa stare bene sul campo. Viene da tre sconfitte consecutive, ma questo la renderà ancora più pericolosa”. Partiamo dunque dal dubbio principale: Higuain andrà in panchina, sarà Pandev il terminale dell’attacco partenopeo, con Callejon, Hamsik e Insigne ad agire alle sue spalle nel classico 4-2-3-1 di Benitez. Per il resto, le novità rispetto alla partita di venerdì scorso a Roma sono tutte in difesa: ci sarà Fernandez al posto di Cannavaro al fianco di Albiol, mentre Armero rimpiazzerà Mesto sulla fascia sinistra.

Dunque Higuain si accomoderà in panchina questa sera al Velodrome. Con lui anche Cannavario e Mesto per la difesa, Dzemaili pronto a dare il cambio ai due connazionali svizzeri sulla mediana e poi Mertens e Zapata per completare il ventaglio di opzioni a disposizione di Benitez in attacco.

Sono due i giocatori che hanno dovuto rinunciare alla trasferta di Marsiglia. Si tratta dei difensori Britos e Zuniga, per cui il reparto arretrato vive una piccola emergenza che sta costringendo l’allenatore a provare diverse soluzioni nella speranza di trovare finalmente l’assetto migliore.

 

 30 Mandanda; 24 Fanni, 3 N’Koulou, 21 Diawara, 15 Morel; 20 Romao, 25 Imbula; 17 Payet, 28 Valbuena, 10 A. Ayew; 9 Gignac. All. Baup.

A disp: 15 Samba, 2 Abdallah, 13 Lemina, 7 Cheyrou, 14 Thauvin, 11 J. Ayew, 23 Mendy.

Squalificati: –

Indisponibili: Mendes, Khalifa.

 25 Reina; 11 Maggio, 33 Raul Albiol, 21 Fernandez, 27 Armero; 88 Inler, 85 Behrami; 7 Callejon, 17 Hamsik, 24 L. Insigne; 19 Pandev. All. Benitez.

A disp: 1 Rafael C., 28 Cannavaro, 16 Mesto, 20 Dzemaili, 14 Mertens, 9 Higuain, 91 D. Zapata.

Squalificati: –

Indisponibili: Zuniga, Britos.

 

Arbitro: Cakir (Turchia).

Marsiglia Napoli è una partita delicata per proseguimento dell’avventura di Champions League da parte dei partenopei. Lo sa bene Hamsik che intevistato da una testata slovacca Pravda si dice carico in vista della partita: “All’Olimpico potevamo fare di più, ma ora bisogna reagire subito in Champions League. Contro i giallorossi la mia prestazione non è stata ottima: ora è il momento di giocare meglio”. Per Benitez il recupero ‘mentale’ di Hamsik è fondamentale per i suoi schemi di gioco e con Higuain formano un tandem offensivo di primissimo livello. L’attaccante argentino sta facendo progressi ma come ha dichiarto Benitez in conferenza stampa sarà valutata la situazione giorno per giorno. In campo solo se recuperato al 100%.

Le probabili formazioni di Marsiglia-Napoli lasciano spazio a qualche ballottaggio. Il primo riguarda GonzaloHiguain (“Sto bene“, ha dichiarato al volo a SkySport): non dovesse giocare pronto Goran Pandev, che deve farsi perdonare il gol sbagliato contro la Roma del pur bravissimo De Sanctis. Difficile che senza El Pipita Benitez cambi modulo inserendo un secondo attaccante di ruolo (sarebbe Duvan Zapata). A centrocampo si scalda Dzemaili che potrebbe prendere il posto di Inler, mentre sulla trequarti potrebbe (ma il condizionale è ancora d’obbligo) esserci spazio per Mertens, in luogo di uno tra Insigne e Callejon. L’azzurro ha giocato meglio a Roma ma lo spagnolo è ritenuto semi indispensabile da Benitez. In difesa Fernandez può giocare al posto dell’infortunato Britos: Cannavaro non si è giocato benissimo l’ultima chance ma è anche vero che non potrà giocare in campionato perché squalificato, e avrà più energie da riversare in coppa. Nel Marsiglia in dubbio il centravanti Gignac per un problema ad un metatarso di un piede: non dovesse farcela pronto il tunisino Saber Khalifa. Sulla sinistra invece il giovane Benjamin Mendy, terzino classe 1994, dovrebbe sostituire l’infortunato Morel

Domani sera alle ore 20,45 si gioca Marsiglia-Napoli, partita valida per la seconda giornata del gruppo F di Champions League. Una gara delicata per i partenopei, reduci dalla sconfitta dell’Olimpico: perdere significherebbe rimettere in corsa i francesi (che attualmente hanno 0 punti) e forse vedere scappare via le prime del girone, anche se naturalmente lo scontro diretto dell’Emirates Stadium tra Arsenal e Borussia Dortmund dà una mano alla squadra di Rafa Benitez. Che, viceversa, possono assestare una spallata al girone con una vittoria esterna che a questo punto sarebbe decisiva o quasi, a patto che appunto venga confermata dalla vittoria del San Paolo tra due settimane. Arbitra il turco Cakir. 

 Tre sconfitte consecutive hanno mandato in crisi il Marsiglia, che in patria prova a tenere testa al dominio milionario di PSG e Monaco sapendo che sarà difficile, mentre in Champions League deve sottostare al momento a squadre più forti, a differenza di quello che è accaduto due anni fa quando, sempre con Arsenal e Borussia Dortmund nel girone, il Marsiglia è arrivato secondo eliminando anche l’Inter negli ottavi di finale, prima di essere fatto fuori dal Bayern Monaco. I francesi stentano: ancora 0 punti e un solo gol segnato (Jordan Ayew su rigore) a fronte dei 5 subiti. La vittoria serve come il pane, ma servirà una decisa sterzata: la squadra per ora non produce gioco ed è arrivata alla conclusione in appena 24 circostanze, trovando la porta in 13 occasioni. Di questi, 16 sono fuori area: questo significa che il Marsiglia fa fatica a entrare nei sedici metri avversari, con tutto quel che ne consegue. Per domani resta in dubbio Lucas Mendes, uscito dolorante a una caviglia dalla partita contro il Nizza, mentre dovrebbe rimanere fuori Morel. Il Marsiglia ha avuto sette giocatori impegnati con le rispettive nazionali, nella Francia ha giocato André-Pierre Gignac, convocato da Deschamps dopo tre anni.

 Sono 3 i punti conquistati dal Napoli finora: 2-1 al Borussia Dortmund, 0-2 sul campo dell’Arsenal. La squadra gira, ma adesso arriva il difficile perchè bisogna fare risultato al Vélodrome e rimettersi subito in carreggiata dopo aver perso anche in campionato contro la Roma, scivolando a -5 dalla vetta della classifica. Leggere le statistiche dei partenopei è complicato: le due gare giocate sono state diametralmente opposte, e già si discute sulle due dimensioni, quella da casa e quella da trasferta. Per ora i tiri totali sono 26, di cui 11 dall’area di rigore avversaria; ma, come detto, molti di questi sono arrivati contro il Dortmund, perchè all’Emirates Stadium gli azzurri sono stati a lungo in balia dell’avversario. Per la partita di domani sarà sicuramente indisponibile Juan Camilo Zuniga, finito sotto i ferri e fuori dai campi di gioco per almeno un mese; Raul Albiol non è al meglio ma dovrebbe stringere i denti e recuperare, mentre per quanto riguarda Gonzalo Higuain bisognerà vedere. Contro la Roma il Pipita non se l’è sentita di giocare, forse per risparmiarsi in vista della trasferta francese o forse perchè davvero non era in condizione. Si vedrà, certo si è già visto che senza di lui il Napoli perde molto in termini di efficacia sotto porta. Il resto dovrebbe essere confermato: ballottaggio Mertens-Insigne, a sinistra dovrebbe spuntarla ancora Mesto mentre in difesa giocherà quasi certamente Paolo Cannavaro, vista la squalifica in campionato e la probabile defenzione di Miguel Angel Britos.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori