Probabili Formazioni/ Sampdoria-Atalanta: Gabbiadini-Denis, che duello! Le ultime novità (Serie A, nona giornata)

- La Redazione

Probabili formazioni e ultime notizie su Sampdoria-Atalanta delle 18:00 (nona giornata di Serie A). Le scelte, le dichiarazioni di Rossi e Colantuono, gli assenti e i protagonisti più attesi

soriano_bonaventura
(INFOPHOTO)

Alle ore 18:00 Sampdoria ed Atalanta apriranno la nona giornata di serie A. Salvo clamorosi colpi di scena, le formazioni dovrebbero essere quelle sotto citate, e, alla luce di questo, due sono i giocatori chiamati a sobbarcarsi sulle spalle l’intero peso delle proprie squadre. Complice, magari, un modulo non propriamente adatto alle sue caratteristiche, l’attaccante 22enne, arrivato con il duro compito di dover sopperire alla partenza di Mauro Icardi, ad oggi, ha deluso un po’ le aspettative. Sicuramente la presenza al suo fianco di un attaccante mobile e poco avvezzo al gol e al gioco di sponda come Eder, non giocano a suo favore.  Su di lui gravano tantissime aspettative, e chissà che proprio contro la squadra che l’ha lanciato nel calcio che conta, nonché la squadra della sua città, possa scatenarsi  come successe lo scorso anno quando giocava nel Bologna? Il Tanque argentino, dopo due anni in cui è andato a segno ben 31 volte in 69 partite, si appresta ad essere ancora una volta il vero trascinatore della squadra, tanto che, guarda caso, le tre vittorie consecutive sono arrivate proprio grazie ai suoi gol dopo un avvio che l’aveva visto andare un po’ in difficoltà. Siamo sicuri che, anche senza l’apporto di Bonaventura , ma con la fantasia di uno tra Brienza e Livaja, sommata alle geometrie di Cigarini e Moralez, l’attaccante 32enne potrà essere nuovamente decisivo.

Delio Rossi dovrà fare a meno di Gavazzi e Salamon, entrambi utilizzati poco in questo inizio di stagione, soprattutto il difensore polacco che non ha nemmeno esordito in stagione con la maglia blucerchiata. Per lui si prospettavo almeno una ventina di giorni di stop, a differenza dell’esterno ex Vicenza che dovrebbe essere nuovamente a disposizione della squadra già a partire dalla prossima settimana. Pesantissima l’assenza di Sansone a causa di una lesione al flessore del bicipite destro, soprattutto dopo il cambio di modulo che vede l’utilizzo di un trequartista a supporto dei due attaccanti. Il fantasista originario di Potenza avrebbe potuto essere il vero asso nella manica per una squadra che, in questo primo scorcio di campionato, sta faticando parecchio dal punto di vista realizzativo. Altrettanto pesanti sono sulla sponda atalantina gli infortuni del difensore centrale Lucchini (stiramento) e soprattutto di Bonaventura (infortunio alla coscia sinistra), ed entrambi ne avranno per una ventina di giorni. Meno rilevanti, invece, sia per l’entità dell’infortunio che per questioni tecniche, le assenze di Migliaccio (problema al polpaccio) e di Giorgi (lesione muscolare). Per entrambi è prevista un’ulteriore settimana di stop.

Pochi dubbi di formazione per Delio Rossi. L’ex tecnico di Palermo e Lazio, ma anche della stessa Atalanta, sembra essere intenzionato a riportare a centrocampo Angelo Palombo, il quale, fino a ieri, era in ballottaggio con Krsticic, fermatosi, però, nella giornata di ieri a causa di un affaticamento muscolare che ne pregiudicherebbe, addirittura, la presenza in panchina. Il tecnico romagnolo, però, sarà chiamato a scegliere a chi tra Regini e Barillà (con il primo favorito) affidare la corsia di sinistra. Gli unici dubbi di mister Colantuono, invece, sono legati a chi può fornire le garanzie maggiori per sostituire gli infortunati Lucchini e Bonaventura. Per il primo, il ballottaggio tra Yepes e Canini sembra esser stato vinto dal colombiano, mentre per prendere il posto dell’esterno 24enne c’è Brienza in netto vantaggio su Livaja.

Quest’oggi, alle ore 18:00, Sampdoria ed Atalanta apriranno la nona giornata del campionato di Serie A. I padroni di casa, reduci da un pessimo avvio di campionato, devono assolutamente fare punti se vogliono uscire dalle zone basse della classifica, soprattutto in gare come queste dove l’avversario è abbastanza abbordabile. Gli orobici, infatti, nonostante il settimo posto in classifica, hanno dimostrato di essere abbastanza Denis-dipendenti. Non a caso, 3 vittorie su 4 ottenute fino a questo momento, sono arrivate in sequenza proprio in concomitanza con il “risveglio” della punta argentina.
Delio Rossi, durante la conferenza stampa di ieri, ha così dichiarato: “Dobbiamo migliorare il nostro trend di gioco. Penso che questa squadra possa esprimere meglio sul piano del gioco ma per far ciò occorre tranquillità.  Abbiamo cambiato lo schema di gioco da 15 giorni e bisogna metabolizzarlo. Ho grande fiducia in questa squadra e sono convinto che ce la possiamo giocare”. Il tecnico romagnolo, contro i nerazzurri, dovrebbe dare continuità al modulo che ha permesso alla squadra di ottenere la prima vittoria stagionale contro il Livorno, ovvero quel 3-4-1-2 che vede, a protezione del portiere Da Costa, una difesa composta da Mustafi, Gastaldello, Costa con De Silvestri e Regini sugli esterni, centrocampo con Palombo (riportato nel suo ruolo originale) favorito su Kristicic per affiancare Obiang.  A fare da collante tra il centrocampo e l’attacco, composto dal duo Gabbiadini-Eder, dovrebbe essere confermata la presenza dell’islandese Bjarnason. 
Dovrebbe finire in panchina Barillà, ovvero il favorito della vigilia a presidiare la fascia sinistra. Insieme a lui, probabile la presenza di Krsticic, il quale sembra aver perso il ballottaggio con Angelo Palombo.
Oltre ai già noti Salamon e Gavazzi, non potrà essere della partita anche Gianluca Sansone, fermato nei giorni scorsi da una lesione al flessore del bicipite destro. Non c’è invece alcun giocatore squalificato nella rosa dei blucerchiati.

Dopo 3 vittorie consecutive, il tecnico atalantino Stefano Colantuono, vuole continuare a mettere fieno in cascina per raggiungere il prima possibile l’obbiettivo principale dei nerazzurri, ovvero la salvezza: “Riuscire a fare risultato a Genova sarebbe davvero importante, per dare continuità alle nostre prestazioni – spiega – Dobbiamo restare a distanza di sicurezza da chi ci insegue. Per fare il salto di qualità dobbiamo tentare di vincere contro le nostre pari”. In vista della partita di oggi, dovrebbe essere confermata in toto la formazione che ben ha figurato nelle ultime uscite stagionali, e quindi spazio al consueto 4-4-1-1 che vede davanti al portiere Consigli, una difesa a quattro con Bellini, Stendardo, Yepes (in vantaggio su Canini) e Del Grosso, a centrocampo Brienza dovrebbe sostituire Bonaventura sulla corsia di sinistra con Raimondi su quella opposta, mentre in mezzo Carmona e Cigarini avranno compiti d’interdizione e di smistamento del pallone in favore di Denis, il quale sarà supportato solamente de Maxi Moralez.
Canini dovrebbe aver perso il ballottaggio con Yepes, e per questo motivo dovrebbe accomodarsi in panchina insieme ai giovani Baselli, De Luca e Livaja, i quali potrebbero entrare a partita in corso qualora questa dovesse prendere pieghe insperate.
Rientrato Riccardo Cazzola dopo il grave infortunio subito al legamento crociato nel match contro l’Inter dello scorso campionato, restano fermi ai box Lucchini, Bonaventura, Migliaccio e Giorgi. Anche per i lombardi invece non ci sono giocatori fermati dal giudice sportivo.

Da Costa; Gastaldello, Palombo, Costa; De Silvestri, Obiang, Krsticic, Bjarnason, Barillà; Eder, Gabbiadini.

Panchina: Fiorillo, Tozzo, Eramo, Berardi, Castellini, Regini, Gentsoglou, Mustafi, Soriano, Rodriguez, Wszolek, Pozzi. All.: Rossi.

Squalificati: nessuno.

Diffidati: Pozzi.

Indisponibili: Salamon, Gavazzi, Sansone.

Consigli; Bellini, Stendardo, Yepes, Del Grosso; Raimondi, Cigarini, Carmona, Brienza; Moralez; Denis.

A disp.: Sportiello, Scaloni, Canini, Brivio, Nica, Kone, De Luca, Gagliardini, Baselli, Marilungo, Livaja. All: Colantuono.

Squalificati: nessuno. 

Diffidati: Stendardo. 

Indisponibili: Giorgi, Migliaccio, Bonaventura, Lucchini.

 

Arbitro: Irrati.

 Domani pomeriggio alle ore , in quel di Genova, andrà in scena il primo anticipo della nona giornata di serie A. A contendersi l’intera posta in palio sono la Sampdoria e l’Atalanta. I primi stanno vivendo un pessimo inizio di campionato, tanto che, la prima vittoria, è arrivata soltanto domenica scorsa aLivorno, grazie ad un rigore di Pozzi al 96’ che ha tolto la sua squadra dalla zona retrocessione, distante, comunque, soltanto un punto. Gli orobici, invece, hanno vinto le ultime tre partite e si sono portati in settima posizione, in virtù delle 4 vittorie ed altrettante sconfitte in 8 giornate, gare che hanno fruttato 11 gol sia fatti che subiti.

Oltre ai fuori rosa Maresca e Poulsen, i doriani, per l’occasione, dovranno fare a meno soltanto di Salamon e Sansone, quest’ultimo bloccato di recente da una lesione al flessore del bicipite destro. Dovrebbero essere recuperati, invece, Obiang, Mustafi, Eramo e Petagna, ma le loro condizioni dovranno essere valutate attentamente. Delio Rossi dovrebbe riproporre il consueto modulo che vedràCosta, Palombo e Gastaldello a protezione di Da Costa, a centrocampo Barillà e De Silvestri saranno gli esterni, mentre in mezzo non dovrebbero esserci dubbi sull’impiego di Krsticic, Obiang e Bjarnason. In attacco spazio alla collaudata coppia Eder-Gabbiadini. Purtroppo, dopo la partenza di Icardi, l’assenza di un attaccante di spessore in grado di caricarsi sulle spalle il peso della squadra, si sta facendo sentire. Non a caso il capocannoniere della squadra è Eder, autore di 3 reti (di cui 2 su rigore) su 12 tiri. Peggio, addirittura, è riuscito a fare il suo compagno di reparto Gabbiadini, autore di 2 gol su 27 tiri e di 13 assist tentati, ma nessuno di questo ha portato al gol. Anche gli altri attaccanti non è che stiano vivendo un periodo fortunatissimo. Ad oggi, infatti, Sansone ha totalizzato un gol su 12 tiri ed un assist vincente su 10 tentati, mentre Pozzi, nonostante le pochissime occasioni capitategli, ha collezionato 1 gol e 2 assist vincenti.

 dovrà rinunciare al lungodegente Cazzola (rottura del legamento crociato del ginocchio sinistro), Migliaccio (lesione al polpaccio sinistro), Giorgi (lesione muscolare al gemello mediale della gamba destra), Lucchini (stiramento al flessore destro) e Bonaventura (lesione di primo grado al flessore della coscia sinistra). Gli ultimi due dovrebbero essere sostituiti da Yepes (favorito su Canini) e daBrienza. Per il resto, confermata in toto la formazione che ha ottenuto 9 punti nelle ultime 3 partite:Consigli tra i pali, difesa composta da Stendardo in mezzo insieme al colombiano, più Del Grosso e Bellini sugli esterni, mentre a centrocampo, il fantasista ex Palermo, dovrebbe far reparto con Carmona, Cigarini e Raimondi. Davanti Moralez avrà il compito di servire al meglio l’unica punta Denis. Quest’ultimo, dopo un avvio di campionato non propriamente esaltante, ad oggi ha collezionato 4 gol su 23 tiri ed un assist vincente su sei tentati. Importantissimo anche l’apporto di Cigarini (1 gol su 10 tiri e 5 assist vincenti su 15 tentati), di Bonaventura (1 gol in 9 tiri e 1 assist vincente) e di Moralez (1 gol e 2 assist vincenti su 10 tentati).

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori