Probabili formazioni/ Novara–Pescara: le ultime novità (Serie B, quindicesima giornata)

- La Redazione

Novara e Pescara, questa sera alle ore 20:45, aprono la quindicesima giornata di Serie B. Ecco l’analisi della partita e le probabili formazioni delle due squadre.

gonzalez_novara
(INFOPHOTO)
Pubblicità

Questa sera, alle ore 20:45, allo Stadio Silvio Piola di Novara, si giocherà la gara inaugurale di questa quindicesima giornata di Serie B. I padroni di casa sono quartultimi ad un solo punto dalla zona retrocessione, frutto due vittorie, sette pareggi e cinque sconfitte, gare in cui hanno totalizzato quattordici gol fatti ma anche ventitre subiti, mentre gli ospiti, attualmente, viaggiano nella parte medio alta della classifica a sole due lunghezze dalla zona play–off grazie a quattro vittorie, sei pareggi e quattro sconfitte (ventuno i gol segnati contro i diciannove subiti). I piemontesi non vincono una gara da due mesi, fattore che ha indotto la società a cambiare direttore sportivo ed allenatore: al posto del dimissionario Cattani è arrivato Fabrizio Larini (ex Udinese), mentre per sostituire l’ex tecnico Aglietti è arrivato Alessandro Calori. 

Pubblicità

Con queste parole Alessandro Calori si è presentato ai suoi nuovi tifosi: “Questa nuova avventura mi stimola. Voglio riportare questi colori in serie A, dove meritano di essere. Di fronte alla richiesta di un obiettivo minimo probabilmente non avrei accettato. Ho visto una grande organizzazione e le strutture adatte per fare bene. Conosco diversi dei giocatori che adesso alleno, molti di loro hanno scritto la storia, ma il passato conta meno del presente e del futuro. Dobbiamo rinvigorire questa società che merita un altro piazzamento in classifica. Ho già vissuto situazioni di questo tipo, un allenatore che subentra deve prima di tutto saper ascoltare e cercare di capire, per poi intervenire nel modo giusto. I piedi nel calcio sono importanti, ma è la testa che avvia tutto, senza la serenità nessun giocatore può fare bene”. Il tecnico ex Portogruaro dovrebbe passare al 3-5-2 con Kosicky tra i pali, davanti a lui una linea a tre con Perticone più due tra Bastrini, Ludi e Patouridis, a centrocampo Mariannini, Faragò, Buzzegoli, Pesce e Lazzari, mentre in attacco confermata la coppia Gonzalez e Rubino.

In panchina, tra i tanti nomi, spiccano quelli degli illustri Comi, figlio d’arte e giovane prodotto del vivaio del Milan, e del trequartista Marco Rigoni, protagonista della cavalcata verso la Serie A nel 2011. 

iNDISPONIBILI NOVARA – Nulla da segnalare: buone notizie per Calori, che avrà di fatto a disposizione la rosa al completo questa sera.

Pubblicità

Il Pescara invece, dopo un inizio di stagione pessimo, è in netta ripresa, anche grazie ai dieci punti conquistati nelle ultime quattro gare (pareggio contro il Brescia, vittorie contro Reggina, Cittadella e Ternana) che hanno permesso alla squadra di rilanciarsi in classifica. Pasquale Marino ha parlato così in conferenza stampa: “Calori lo conosco perché con l’Udinese era un collaboratore della società. È un allenatore valido ed ha sempre praticato un calcio offensivo e propositivo. D’altronde il Novara è stato costruito per giocare col 4-3-3 e non credo si discosteranno troppo da questo modulo di gioco. C’è grande voglia di far bene e di sacrificarsi, ma soprattutto vogliamo fare punti pesanti per allontanarci dalla zona bassa della classifica ed essere più sereni. Play-off? Pensiamo una partita alla volta e non facciamo voli di fantasia, non dimentichiamoci che 4 partite fa eravamo in zona retrocessione. Serve equilibrio e grande cultura del lavoro per migliorare sempre più. Per un allenatore è positivo avere dubbi su chi schierare. Maniero ha fatto bene e come lui tanti altri. La competizione all’interno di una squadra è positiva e sono ben felice che i giocatori mettano il sottoscritto in difficoltà nelle scelte. Pelizzoli non ha ancora pienamente recuperato dall’infortunio. Giocherà sicuramente Pigliacelli. Cutolo è a disposizione quindi può giocare. È un giocatore molto valido e come gli altri ha tutte le carte in regola per essere scelto. Non è in un periodo positivo? Ognuno sta dando segnali di crescita. Sulle qualità non ci sono dubbi ma è chiaro che nel corso dell’anno possono starci alti e bassi. Titolare? Un giocatore può essere recuperato se schierato dall’inizio o se lasciato a riposo in panchina, vedremo”. Il tecnico dovrebbe confermare il 3-4-3 che vedrà Zauri, Zuparic e Bocchetti a protezione del portiere Pigliacelli, a centrocampo Balzano e Frascatore (prenderà il posto dello squalificato Rossi) agiranno sugli esterni ai lati di Rizzo e Brugman, mentre in attacco sembra confermato il tridente con Cutolo, Mascara e Ragusa.

Parecchi nomi illustri che sembrano dover partire dalla panchina, tra cui quello del portiere Pelizzoli, del bomber Riccardo Maniero e dei giovani Viviani (di proprietà della Roma) e Capuano.

Oltre allo squalificato Rossi, l’unico indisponibile sembra essere il portiere Belardi. Al suo posto dovrebbe giocare Pigliacelli considerato che Pelizzoli non sembra essere ancora pronto.

Kosicky, Perticone, Ludi, Potouridis; Marianini, Faragò, Buzzegoli, Pesce, Lazzari; Gonzalez, Rubino. All. Calori.

Panchina: Tomasig, Bastrini, Salviato, katidis, Rigoni, Genevier,Comi, Josipovic, Iemmello.

Indisponibili:

Squalificati: – 

Diffidati: –

Pigliacelli; Zauri, Zuparic, Bocchetti; Balzano, Brugman, Rizzo, Frascatore; Cutulo, Maascara, Ragusa All: Marino.

Panchina: Oelizzoli, Capuano, Schiavi, Cosic, Viviani, Kabashi, Padovan, Politano, Maniero.

Indisponibili: Belardi.

Squalificati: Rossi.

Diffidati:

 

Arbitro: Pinzani.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità

I commenti dei lettori