Probabili formazioni/ Benfica-Psg, le ultime novità (Champions League, gruppo C)

- La Redazione

Probabili formazioni di Benfica-Psg: le ultime notizie, le scelte e le dichiarazioni di Jesus e Blanc per la partita di Champions League, valida per la sesta giornata del gruppo C

CavaniUruguay
Cavani, attaccante uruguagio (Infophoto)

Serata molto importante questa sera all’Estadio Da Luz di Lisbona, dove alle ore 20.45 si affrontano Benfica-Psg in una partita valida per la sesta giornata del gruppo C di Champions League, ultima della fase a gironi. L’incontro sarà a dire il vero fondamentale solo per i padroni di casa, visto che i transalpini sono già qualificati e pure certi del primo posto, tanto che si permetteranno di fare turnover. Il Benfica invece è a pari punti con l’Olympiakos al secondo posto, ma è in svantaggio negli scontri diretti. Dunque stasera dovrà fare almeno un punto in più dei greci, e naturalmente non avrà speranze se questi vinceranno la propria partita. Per i lusitani dunque bisogna vincere e poi sperare che dall’altro campo arrivino buone notizie: il Benfica non è padrone del proprio destino. Eccovi dunque le ultime notizie e le probabili formazioni di Bayern Monaco e Manchester City, che saranno dirette dall’arbitro inglese Clattenburg.

Così ha parlato l’allenatore Jorge Jesus nella conferenza stampa alla vigilia della partita: “Dobbiamo dimenticare che non siamo padroni del nostro destino e lavorare come facciamo sempre. Il Benfica gioca sempre per vincere, e questa responsabilità resta intatta. Per battere il Psg, dovremo essere al meglio della nostra forma. Avranno degli assenti di peso, ma questo vale anche per noi, e comunque i sostituti saranno all’altezza da entrambe le parti. Il risultato dell’altro incontro non sarà importante se non vinciamo. Naturalmente avremo un orecchio a quello che succederà in Grecia, dove abbiamo lasciato parte delle nostre possibilità di qualificarci: avevamo giocato bene quella partita, non meritavamo di perdere. Questo è il calcio, ma avremmo meritato di arrivare con più punti a questa ultima giornata”. Il Benfica, al netto di diverse assenze, si schiererà con un modulo 4-4-1-1 in cui la punta centrale sarà Lima (finora ancora a secco in questa Champions League) spalleggiato da Rodrigo che agirà come trequartista. Ci si aspetta molto dal talento serbo Markovic, che insieme al connazionale Matic agirà partendo dalle fasce, mentre in difesa il leader è Luisao, con in porta la vecchia conoscenza romanista Artur.

Il numero piuttosto alto di indisponibili si farà sentire soprattutto a livello delle alternative a disposizione in panchina. Ecco comunque quali saranno i sette giocatori che si accomoderanno al fianco di Jorge Jesus all’inizio dell’incontro: si tratta del portiere Oblak, dei difensori Jardel e Silvio, dei centrocampisti Fejsa, André Gomes, Sulejmani e Cavaleiro. Mancheranno dunque attaccanti di ruolo.

La situazione non è delle migliori: l’elenco dei giocatori che stasera dovranno saltare una partita decisiva è lungo, dal momento che comprende Salvio, Siqueira, Ruben Amorim, Cortez e Cardoso. Probabilmente l’assenza più pesante sarà proprio quella di quest’ultimo, solitamente terminale del gioco offensivo del Benfica.

Queste invece sono state le parole di Laurent Blanc nella conferenza stampa di ieri: “Vogliamo mantenere il nostro livello e quindi vogliamo vincere. Nessun club francese ha mai vinto sul campo del Benfica e questo ci dà una grande motivazione per farlo. E’ difficile giocare senza avere pressioni e obiettivi concreti, ma i giocatori che scenderanno in campo vorranno vincere in uno stadio fantastico e con una grande storia. Un ambiente ideale per imparare per i giocatori che hanno poca esperienza in Champions League”. Formazione rivoluzionata per i francesi, tra squalifiche e turnover, ma la qualità non dovrebbe comunque risentirne troppo: in particolare, in attacco il tridente sarà composto da Lucas, Cavani e Lavezzi. Bastano i nomi per capire il valore e la potenziale forza d’urto. Anche a centrocampo c’è molta Italia, con Thiago Motta regista e Pastore a sinistra, mentre il terzo (il modulo è il 4-3-3) è Rabiot, ambito da molte big di serie A. Più problemi in difesa, ma questo darà molto spazio a Marquinhos: l’ex Roma sarà titolare davanti al portiere Sirigu.

In panchina spiccano le presenze di Maxwell e Menez, altre due vecchie conoscenze del calcio italiano. In particolare il terzino è solitamente titolare, al pari di Matuidi a centrocampo, ma anche il francese rientra nel turnover di Blanc per questa partita ormai ininfluente per il Psg.

Partiamo dagli squalificati, che sono Van der Wiel e Verratti, dunque uno dei tre italiani della rosa non sarà della partita a Lisbona. C’è poi il turnover piuttosto massiccio, che lascia a casa Thiago Silva, Alex e Ibrahimovic. Riposa dunque la stella dell’attacco, ma soprattutto la coppia difensiva centrale. Se sarà stato un azzardo eccessivo da parte di Blanc, lo sapremo soltanto questa sera.

 

Artur; Maxi Pereira, Luisao, Garay, André Almeida; Matic, Enzo Perez, Gaitan, Markovic; Rodrigo; Lima. All. Jesus.

A disp.: Oblak, Jardel, Silvio, Fejsa, André Gomes, Sulejmani, Cavaleiro.

Squalificati: nessuno.

Indisponibili: Salvio, Siqueira, Ruben Amorim, Cortez, Cardoso.

Sirigu; Jallet, Camara, Marquinhos, Digne; Rabiot, T. Motta, Pastore; Lucas, Cavani, Lavezzi. All. Blanc.

A disp.: Douchez, Maxwell, Matuidi, Coman, Traoré, Menez, Ongenda.

Squalificati: Van der Wiel, Verratti.

Indisponibili: Ibrahimovic, Thiago Silva, Alex.

 

Arbitro: Clattenburg (Ing).



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori