PROBABILI FORMAZIONI/ Italia-Russia Under 21: ultime novità (amichevole internazionale)

- La Redazione

Le probabili formazioni di Italia-Russia Under 21: Devis Mangia ha il problema di attaccanti che non segnano più nelle loro rispettive squadre di club, occhio alla squadra di Pisarev.

Under21
Infophoto

Dopo il 2-2 con cui la Nazionale maggiore ha chiuso il suo impegno con il Brasile, questa sera è il turno dell’Under 21 di Devis Mangia: si gioca a Cittadella alle 21, avversaria la Russia che questo gruppo, guidato da Nikolai Pisarev, spera di riproporlo quasi in blocco quando ospiterà i Mondiali nel 2018 (il gruppo per il Brasile sembra già fatto). Entrambe comunque sono qualificate per gli Europei che si giocheranno quest’estate in Israele, perciò l’amichevole di questa sera servirà innanzitutto come avvicinamento a un impegno importante. Devis Mangia ha il problema attaccanti: Destro e Borini sono infortunati, a loro si è aggiunto Simone Zaza che era la grande novità e quelli che sono a disposizione non vedono la porta da tempo nelle loro rispettive squadre, oltre ad avere perso il posto (è il caso di Immobile). Il gruppo però ha talento e qualità: la speranza è che almeno con la maglia azzurra i giocatori di Mangia ritrovino la vena momentaneamente perduta.

“Aspetterò Borini fino all’ultimo: è una pedina preziosa”. Devis Mangia nella conferenza stampa ha affrontato il tema attacco. “Il mio modo di ragionare si basa su quello che vedo nei miei raduni. Preoccupato per i pochi gol in campionato? No, l’importante è che mantengano consapevolezza e autostima che non deve mai sfociare nella presunzione”. Una delle soluzioni per questa sera e lunedi (quando si affronterà l’Ucraina) può essere Andrea Bertolacci: “L’ho richiamato per vedere se si possa sfruttare un po’ più di qualità in mezzo al campo”. I titolari del ruolo restano però Luca Marrone e Fausto Rossi, entrambi di scuola Juventus (il primo ci gioca adesso, il secondo dovrebbe tornarci): a loro è affidata l’impostazione. Sulle fasce due giocatori già protagonisti in serie A come Lorenzo Insigne e Florenzi, che a turno possono alzarsi sulla linea degli attaccanti per andare a formare un tridente, oppure agire alle spalle delle due punte, che sono l’ipotetica coppia titolare Immobile-Gabbiadini. “Il mio nuovo ruolo mi completa, non è un problema e non mi ha fatto dimenticare come si segna”, ha detto l’attaccante del Bologna. “E’ colpa mia che mi sono mangiato molti gol”. La difesa invece è “votata” alla serie B ed è tutta di stampo nerazzurro: sono tutti cresciuti nell’Inter. Il portiere Bardi gioca nel Novara, i terzini Giulio Donati e Biraghi con Grosseto e Cittadella, la coppia centrale Bianchetti-Caldirola con Verona e Brescia.

Giocatori interessanti anche in panchina: Frascatore ha poco spazio nel Sassuolo e quindi rischia di perdere la titolarità nell’Under, stesso discorso per Federico Viviani a Padova. Attenzione ai due dell’Empoli: Riccardo Saponara è ormai del Milan, Vasco Regini è il nome nuovo che sta entrando nei radar delle grandi. Detto di Saponara, torna momentaneamente dalla Spagna Samuele Longo, attaccante che l’Inter ha girato in prestito all’Espanyol.

Nikolai Pisarev ha un passato come attaccante in tre formazioni di Mosca: Torpedo, Spartak e Dinamo. “Nelle qualificazioni europee i giocatori sono diventati grandi amici, hanno formato una vera squadra dando tutto per il gruppo. Sono felici in nazionale, non vedono l’ora di giocare: l’atmosfera dello spogliatoio è la chiave del nostro successo”. Lo spauracchio numero uno si chiama Fedor Smolov: ha 23 anni e gioca nell’Anzhi, dove naturalmente non ha tantissimo spazio vista la concorrenza ma in questa stagione ha già segnato sei gol. Sarà la punta centrale di un 4-2-3-1 che più o meno ricalca quello della nazionale maggiore. Giocano tutti in patria i calciatori di Pisarev, a eccezione del terzo portiere Kricjuk (nel Braga). In porta Zabolotnyi, linea difensiva con i terzini Tcallagov (gioca nel Kriliya Sovetov) e Shchennikov, già elemento importante del CSKA Mosca. Al centro gli esperti Chicherin (Dinamo Mosca) e Burlak, difensore della Lokomotiv. La cerniera di centrocampo sarà formata da Kirillov e Sergei Petrov, attenzione anche alle tre mezze punte che sono Jakovlev (Spartak Mosca), Bibilov (Volga) e Cheryshev, esterno sinistro che è il meno offensivo dei tre ma anche quello con più prospettive: il suo cartellino è del Real Madrid, attualmente fa parte della formazione B (il Castilla).

 A disposizione di Pisarev ci sono anche Zestokov – attualmente svincolato – poi Kniazev, Nikitin. Per l’attacco giocano Khubulov e Kanynnikov, attaccante dell’Amkar Perm.

 

 

 Bardi; G. Donati, Bianchetti, Caldirola, Biraghi; Florenzi, F. Rossi, Marrone, L. Insigne; Immobile, Gabbiadini. All. Mangia

A disp: Colombi, Leali, Frascatore, S. Romagnoli, Regini, Viviani, Crimi, Saponara, Bertolacci, Sala, Longo

 Zabolotnyi; Tcallagov, Chicherin, Burlak, Shchennikov; Kirillov, Sergei Petrov; Yakovlev, Bibilov, Cheryshev; Smolov. All. Pisarev

A disp: Filtsov, Kritchiuk, Zestekov, Kniazev, Nikitin, Zotov, Sosnin, Bezlikhotnov, Khubulov, Kanynnimov

 

Arbitro: Turpin (Francia)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori