ROMA-PESCARA/ Tontodonati: la società abruzzese dovrebbe fare come i giallorossi…(esclusiva)

- int. Giovanni Tontodonati

Questo poemriggio appuntamento all’Olimpico con la 33esima giornata di campionato tra Roma e Pescara. Per parlare delle due squadre abbiamo contattato il giornalista GIOVANNI TONTODONATI.

florenzi_tottiR400
Foto Infophoto

Oggi pomeriggio alle ore 15.00 si disputerà all’Olimpico la 33esima giornata di campionato tra Roma e Pescara. Risultato già scritto? Di certo l’unico punto capitalizzato dalla squadra abruzzese nel girone di ritorno fa ben sperare i tifosi giallorossi che si sentono già la vittoria in tasca. Il Pescara in questo momento deve pensare a concludere la stagione nel migliore dei modi, ossia con onore. I Delfini devono fare i conti inoltre con le assenze di giocatori fondamentali che sono stati sulle bocche di alcuni club italiani e non: Quintero e Weiss, due giovani che sembrano essere stati due dei pochi colpi di mercato che il Pescara può vantare. Anche per D’Agostino sosta obbligata e al suo posto probabilmente comparirà Rizzo. In casa Roma vige tutta un’altra atmosfera di gioia e allegria dopo la vittoria sull’Inter che ha determinato il passaggio alla finale di Coppa Italia contro la Lazio. Inoltre il rientro glorioso di Mattia Destro con la 2 gol è sicuramente di buon auspicio per il futuro giallorosso. Per parlare della partita di quest’oggi abbiamo contattato il giornalista sportivo Giovann!i Tontodonati in esclusiva per ilsussidiario.net

Che partita si attende dal Pescara quest’oggi? Bisogna cercare di salvare l’onore. Penso sia abbastanza scontato il risultato di oggi: il Pescara contro le grandi ha subito molti gol, penso alle quattro reti subite col Milan o alle sei contro la Juventus.

Non si poteva proseguire con il progetto giovani, visti gli ultimi risultati? Senz’altro. Pensiamo a giocatori fermi da un po’ come D’Agostino che non ha trovato spazio a Siena, Zauri che non giocava da 8 mesi, Kroldrup da 21 mesi. Penso che Bergodi si attendesse ben altri rinforzi dal mercato di gennaio.

Forse anche una questione di budget? Esattamente, forse questa è l’unica attenuante. Il Pescara ha una disponibilità limitata rispetto al monte ingaggi della serie A. Quando non si può competere a livello economico con le concorrenti devi avere molta fortuna per salvarti. Quintero, Weiss e Celik sono i colpi di mercato che il Pescara può vantare.

La Roma punta all’Europa League o può ambire a qualcosa di più? 

Penso che la Champions League sia difficile da raggiungere, comunque dipende dal Milan e forse la Roma potrà provare ad accorciare con la vittoria dello scontro diretto. L’obiettivo primario dei giallorossi è la Coppa Italia; poi proveranno a conquistare un posto per l’Europa League.

Come mai Zeman ha fatto benissimo a Pescara e non a Roma? Probabilmente non tutti hanno creduto in lui: parlo sia di dirigenti che di giocatori. La squadra era stata ritoccata molto con nuovi giocatori giovani che non hanno immagazzinato gli insegnamenti del boemo. A Pescara era un “guru” e tutti lo ascoltavano sempre.

Crede che Destro verrà schierato dal primo minuto? Io penso proprio di sì: è rientrato alla grande. Da quello che leggo e che sento Mattia è uno dei giocatori sui quali la Roma vuole investire il proprio futuro. Oltre a lui Pjanic, sono Marquinhos e Lamela i giovani talentuosi che rappresentano il futuro giallorosso.

 

(Mattia Baglioni)

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori