Probabili formazioni/ Parma-Udinese, le ultime novità (serie A, 21esima giornata)

- La Redazione

Le probabili formazioni di Parma-Udinese: le ultime novità sulla partita valida per la ventiduesima giornata del campionato serie A. Fischio d’inizio al Tardini previsto per le 15.00

francesco_guidolin_primopiano
Francesco Guidolin (Infophoto)

La seconda giornata del girone di ritorno di Serie A ha in programma alle 15 la sfida tra Parma e Udinese. I ducali provengono da ben tre vittorie consecutive in campionato, mentre i friulani sono approdati alla semifinale di Coppa Italia dopo aver superato il Milan di Clarence Seedorf, ma settimana scorsa hanno dovuto fare i conti con la sconfitta in casa contro la Lazio arrivata al novantesimo ad opera di Hernanes. In Serie A le due formazioni si sono incontrate al Tardini in diciannove occasioni, con un bilancio decisamente a favore dei padroni di casa: dodici vittorie contro le cinque degli ospiti e due pareggi. A dirigere la gara sarà l’arbitro Peruzzo.

In vista della sfida contro l’Udinese, Roberto Donadoni è ovviamente soddisfatto della stagione del Parma fino a questo momento, ma chiede ai suoi di rimanere coi piedi per terra: “Dal punto di vista psicologico  siamo messi bene e dobbiamo saper sfruttare questo nostro momento  positivo – ha detto il tecnico durante la conferenza stampa della vigilia -. Dobbiamo però anche essere bravi, specie contro  un avversario come l’Udinese, a non commettere leggerezze e a non  farci prendere da quella superficialità nell’affrontare le  partite che a volte può subentrare quando si arriva da un filotto  come il nostro. La nostra storia ci deve insegnare visto che in  passato qualche volta questo è accaduto”. Riguardo i friulani, “affrontiamo una squadra  in gamba, che arriva da una sconfitta in un campionato ma anche da un grande risultato in Coppa che  avrà sicuramente dato nuova fiducia e nuova carica”. Secondo Donadoni, l’Udinese “ha giocatori giovani ma con notevoli qualità sia  tecniche che fisiche, molto veloci sulle ripartenze e abili a  sfruttare quelle situazioni che noi dovremo fare molta attenzione  a non concedere”. Per quanto riguarda la formazione, Donadoni dovrà fare a meno di un importante tassello difensivo come Lucarelli, squalificato, il cui posto verrà preso da Felipe. Dato per scontato il tandem offensivo Amauri-Cassano, a centrocampo dovrebbero essere schierati Parolo, Marchionni e Gargano, subito davanti a Cassani, Paletta e Gobbi.

Partiranno dalla panchina anche i due ex Sassuolo Schelotto e Rossini: “Stanno lavorando con noi da pochi giorni – ha spiegato Donadoni – e devono quindi abituarsi a modalità di lavoro diverse. Devo valutare a che punto sono e conoscerli meglio”. Insieme a loro dovrebbero risultare disponibili a match già iniziato anche Bajza, Coric, Mesbah, Galloppa, Acquah, Munari, Mauri, Cerri e Palladino.

Oltre allo squalificato Lucarelli, il Parma dovrà rinunciare anche a Obi e Pavarini: durante l’ultimo allenamento a Collecchio, i due hanno svolto un programma differenziato. Solo il portiere ha poi partecipato alla partitella di calcio tennis insieme ad altri compagni e l’allenatore.

Intervenuto nella consueta conferenza stampa, Francesco Guidolin è tornato a commentare la bella vittoria in Coppa Italia contro il Milan, un risultato “sicuramente importante e positivo, ma abbiamo fatto questo ragionamento anche dopo aver battuto l’Inter; poi abbiamo visto che a Genova non è andata bene”, ha detto il tecnico dei friulani. E’ quindi “inutile parlare e doveroso pensare per fare meno errori possibili. Dobbiamo giocare con grande determinazione in campionato, scendendo in campo con la fame di punti. Le risposte noi dobbiamo darle ogni tre giorni. Il destino è nostro e noi dobbiamo essere i protagonisti delle nostre fortune. A Milano non è facile vincere e se l’abbiamo fatto, vuol dire che abbiamo saputo ricucire lo strappo e ritrovarsi dopo lo svantaggio iniziale. Non credo che la vittoria sia dipesa dal ritmo del Milan”. Il Parma, ha aggiunto l’allenatore parlando dell’avversario di oggi, “è in un ottimo momento. E’ reduce da 9 risultati utili consecutivi e negli ultimi 15 giorni ha viaggiato a ritmo delle grandi. La squadra è esperta, solida e ben allenata, una delle squadre più in salute del campionato”. Per quanto riguarda la formazione, tornano disponibili e titolari sia Gabriel Silva che Allan, i quali hanno scontato il turno di squalifica. Ecco allora probabile il consueto 3-4-2-1 in cui Maicosuel dovrebbe andare a supportare Di Natale, con Muriel pronto ad entrare nel momento opportuno.

Fatta eccezione per Muriel, ancora in dubbio insieme a Maicosuel per un posto da titolare accanto a Di Natale, la panchina dell’Udinese non riserva particolari sorprese, soprattutto a causa delle numerose assenze: saranno dunque disponibili a partita già in corso Kelava, Scuffet, Bubnjic, Douglas, Widmer, Lazzari, Milnar, Pinzi, Zielinski, N.Lopez e, come dicevamo, Muriel.

 Francesco Guidolin ha convocato in tutto 23 giocatori: non saranno presenti Benussi e Neuton, ancora alle prese con i rispettivi infortuni, e anche Domizzi, fermato da una tendinite. Oltre a loro, è rimasto a casa anche Jadson a causa di un attacco influenzale.

 83 Mirante; 2 Cassani, 29 Paletta, 19 Felipe, 18 Gobbi; 5 Gargano, 32 Marchionni, 16 Parolo; 7 Biabiany, 11 Amauri, 99 Cassano. All. Donadoni

A disp. 91 Bajza, 43 Coric, 35 Rossini, 3 Mesbah, 8 Galloppa, 23 Schelotto, 30 Acquah, 24 Munari, 26 J. Mauri, 9 Cerri, 17 Palladino.

Squalificati: A. Lucarelli

Indisponibili: Pavarini, Obi

 1 Brkic; 75 Heurtaux, 5 Danilo, 4 Naldo; 8 Basta, 3 Allan, 7 Badu, 34 Gabriel Silva; 37 Pereyra, 70 Maicosuel; 10 Di Natale. All. Guidolin

A disp: 30 Kelava, 22 Scuffet, 6 Bubnjic, 19 Douglas Santos, 27 Widmer, 21 A. Lazzari, 14 Milnar, 66 Pinzi, 94 Zielinski, 17 N.Lopez, 9 Muriel

Squalificati:

Indisponibili: Benussi, Jadson, Domizzi

 

Arbitro: Peruzzo

  Torna puntale il grande calcio di serie A,  tra le partite in programma per le ore 15.00 c’è anche il match del Tardini tra Parma e Udinese. Il fischietto per la direzione della gara è stato affidato all’arbitro Peruzzo. Trend positivo per gli emiliani che sono in serie positiva da otto giornate: settimana scorsa i ragazzi di Roberto Donadoni sono riusciti a portare punti preziosi in cascina nella partita contro il Chievo fuori casa vinta per 1-2, le vittorie consecutive diventano tre, i punti all’attivo in graduatoria 29. Nessuno si sarebbe aspettato un andamento del genere ma oggi gli scudati dovranno vedersela con l’Udinese di Francesco Guidolin che vola sulle ali dell’entusiasmo dopo il successo al Meazza con il Milan che gli ha permesso di accedere alle semifinali di Coppa Italia. Se i friulani possono gioire per questo risultato, dall’altra parte hanno bisogno di risalire la china poiché in campionato la zona retrocessione dista solamente tre punti. Ora andiamo a vedere quali sono le notizie alla vigilia in casa delle due squadre per capire che tipo di partita ci attende.

Come al solito la formazione emiliana scenderà in campo con il 4-3-3: questo modulo si adatta perfettamente alle caratteristiche dei giocatori e permette, ad esempio, di sfruttare al meglio la velocità di Biabiany, sempre la centro di voci di mercato. Donandoni non potrà contare sul pilastro della difesa, nonché capitano della squadra, Alessandro Lucarelli che deve scontare un turno di squalifica per somma di ammonizioni. Per tanto la coppia di difensori centrali sarà composta da Paletta e Felipe. A centrocampo viene riconfermato Gargano, che garantisce corsa e fiato, al fianco di Marchionni e Parolo. Se diamo un’occhiata ai dati statistici notiamo che il Parma ha un possesso palla medio a partita di 25’:42’’, gioca 563 palle e completa il 66% dei passaggi effettuati. Per quanto riguarda la fase d’attacco, gli emiliani calciano nello specchio della porta mediamente5 volte su un totale di 12 tentativi e vantano una supremazia territoriale di 10’:19’’. Il giocatore più prolifico è Antonio Cassano che si trova a quota 7 nella classifica marcatori. Il fuoriclasse barese risulta anche il recordman della serie A per quanto riguarda gli assist: ben 40 di cui 4 vincenti.

L’impresa di mercoledì sera a Milano ha presentato il conto al tecnico Guidolin, sono almeno tre i giocatori che riportano guai fisici alla vigilia della gara contro il Parma. Domizzi è in forse per un affaticamento muscolare mentre Bruno Fernandes e Badu sono alle prese con delle contusioni rimediati nella battaglia del Meazza. Domizzi è un giocatore fondamentale per la rosa e per tanto potremmo vederlo in campo dal primo minuto, gli altri due potrebbero riposare e recuperare al meglio e fare spazio a Nico Lopez, che affiancherà Di Natale in avanti, e Pinzi. Queste potrebbero essere alcune delle certezze dello scacchiere anti-Parma per provare a cancellare l’incubo delle tre sconfitte consecutive in campionato. Stando ai numeri, l’Udinese ha un possesso palla medio a partita di 25’:57’’, gioca 544 palle e completa il 63,5% dei passaggi effettuati. Per quanto concerne la fase offensiva i friulani calciano nello specchio della porta mediamente 4 volte su 13 occasioni a partita e vantano una supremazia territoriale di 10’:18’’. Nonostante la scarsa mole di gol rispetto agli anni passati, il capocannoniere della squadra rimane Antonio di Natale con 5 reti all’attivo. Il talento campano è anche il recordman dell’Udinese per quanto riguarda gli assist: ben 22.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori