Probabili formazioni/ Bologna Udinese, gli assenti: le ultime novità (serie A, 22a giornata)

- La Redazione

Probabili formazioni Bologna-Udinese: le notizie sulla partita di serie A, anticipo della 22a giornata. Le scelte e le dichiarazioni di Ballardini e Guidolin, gli assenti e i ballottaggi

francesco_guidolin_primopiano
Francesco Guidolin (Infophoto)
Pubblicità

Situazione tutto sommato per entrambi gli allenatori in vista della partita di oggi pomeriggio al Dall’Ara. Infatti, sia Ballardini sia Guidolin dovranno rinunciare a due giocatori a testa, ma senza causare eccessivi problemi agli allenatori. Infatti in casa Bologna sono assenti l’esterno Marek Cech, che dovrebbe rientrare fra due settimane, e il centrocampista Francesco Della Rocca, che invece potrebbe essere a disposizione già domenica prossima. Situazione molto simile per i bianconeri friulani, che dal loro canto devono rinunciare al difensore Silvan Widmer e al centrocampista Gabriel Silva: entrambi vanno a sguarnire il settore degli esterni, ma potrebbero tornare a disposizione già per la prossima giornata di campionato.

A poche ore dall’inizio della partita, la situazione delle due squadre si annuncia piuttosto diversa dal punto di vista dei dubbi di formazione per gli allenatori. Infatti, per il Bologna non c’è nessun ballottaggio e salvo sorprese clamorose mister Ballardini ha già definito quali saranno gli undici titolari. Per l’Udinese invece sono ancora possibili parecchie soluzioni. Guidolin ha ben due dubbi a centrocampo: il primo è tra Lazzari e Pinzi, con l’ex Fiorentina favorito, il secondo è a sinistra dove Pereyra dovrebbe avere la meglio su Douglas. Anche in attacco c’è ancora un dubbio, con capitan Di Natale comunque nettamente favorito su Muriel.

Pubblicità

Il programma della ventiduesima giornata del campionato di serie A (terza giornata di ritorno) si apre con la sfida del Dall’Ara tra il Bologna e l’Udinese. Entrambe le squadre non stanno vivendo certo un buon momento. I padroni di casa, quartultimi a 18 punti (a più 1 sul Sassuolo terzultimo) sono reduci dal buon pareggio di Genova, contro la Sampdoria. Il rigore realizzato da Diamanti a pochi secondi dalla fine ha permesso ai rossoblù di tornare in Emilia con un punto in tasca che fa sicuramente comodo in ottica salvezza. L’Udinese, dopo l’exploit di San Siro in Coppa Italia contro il Milan, è caduto a Parma e i 20 punti in classifica sono il giusto specchio di una stagione nata storta che potrebbe finire nel peggiore dei modi. Insomma, è una vera e propria sfida salvezza.  Ecco le ultime notizie sulla partita, che sarà diretta dall’arbitro Calvarese, e le probabili formazioni di Bologna-Udinese. 

Pubblicità

Ecco le paroledi Davide Ballardini nella conferenza stampa alla vigilia della delicata partita: “A Marassi abbiamo sicuramente fatto una buona prestazione, uscendo indenni da un campo veramente difficile. Ma in occasione delle prossime partite voglio che la mia squadra osi ancora di più, dobbiamo essere aggressivi in fase d’attacco e gestire meglio il pallone. Le difficoltà che abbiamo le dobbiamo superare giocando meglio al calcio”. Il mister non si fida dei friulani di Guidolin: “Non dobbiamo commettere l’errore di sottovalutare l’Udinese, alla fine hanno la rosa uguale a quella che l’anno scorso si è qualificata per le coppe europee. È una squadra che considero sempre forte e temibile. Voglio dalla mia squadra qualcosa di più rispetto alle ultime tre partite, nel corso però delle quali si sono anche viste delle cose positive”. Ballardini può comunque dirsi soddisfatto dal mercato: nonostante non siano arrivati acquisti di primo piano, potrà fare affidamento fino a fine stagione su Kone e Diamanti per regalare la salvezza alla città. Il mister non ha dubbio: non è previsto alcun ballottaggio. Curci in porta e difesa a tre composta da Antonsson, Natali e Cherubin. Centrocampo a 5 con Morleo e Garics sugli esterni e Perez, Pazienza e Kone a fare la diga in mezzo, con compiti anche offensivi. Diamanti a supporto dell’unica punta Rolando Bianchi.

A disposizione in panchina Ballardini avràStojanovic, Sorensen, Mantovani, Crespo, Khrin, Laxalt, Christodoulopoulos, Moscardelli, Cristaldo, Acquafresca. E proprio Moscardelli o Acquafresca potrebbero essere l’arma in più nel caso la partita si mettesse male o non si sbloccasse: serve certamente un maggior contributo alla causa da parte degli attaccanti.

L’infermeria è svuotata: fermi al box ci sono solamente Cech e Della Rocca. Nessuno squalificato, bilancio positivo per Ballardini. 

 Ecco le dichiarazioni dell’allenatore Francesco Guidolin Corini alla vigilia della difficile partita del Dall’Ara. “È arrivato il momento di dare seguito coi fatti alle buone intenzioni. Non c’è molto da ragionare ma solo da lottare con tutte le nostre forze. Voglio vedere i ragazzi pronti a buttarsi sulla partita, concentrati, attenti e pronti”. Prosegue: “Quella contro il Bologna è una partita importante, le finali da dentro o fuori, nel vero senso della parola si giocheranno con la Fiorentina (in Coppa Italia, ndr). Sappiamo di trovare avversari agguerriti, determinati e abituati a lottare per la salvezza. Sarà una partita difficile, ma l’importante è interpretarla con il piglio giusto”. E ha concluso con un commento sul nuovo acquisto, il mediano algerino Yebda: “Lo ricordo ai tempi del Napoli, circa tre anni fa, quando disputò un buon campionato. Recentemente l’ho perso di vista e so che è reduce da un piccolo infortunio. Rimarrà a Udine per preparasi in vista della semifinale di Coppa Italia con la Fiorentina”. Anche Guidolin non ha alcun dubbio: nessun ballottaggio. Brkic in porta e classica difesa a tre con Heurtaux, Domizzi e Danilo, Basta esterno destro e Pereyra a sinistra. In mezzo Badu, Basta e Allan. Di Natale e Diego Lopez là davanti ad impensierire la retroguardia rossoblù. 

 Tra i panchinari ecco spiccare tra tutti (Kelava, Scuffet, Naldo, Douglas, Pinzi, Fernandes, Mlinar, Jadson, Bubnjic, Zielinski) gli attaccanti Muriel e Maicosuel, ma i due sudamericani non sono ancora al top dopo i rispettivi infortuniGuidolin avrà comunque bisognoi di loro.

 Gli unici due infortunati nella fila del friulani sono Widmer e Gabriel Silva. Nessun squalificato, per i bianconeri friulani il bilancio non è negativo. 

 

 Curci, Antonsson, Natali, Cherubin, Garics, Kone, Perez, Pazienza, Morleo, Diamanti, Bianchi. All: Ballardini.

A disp.: Stojanovic, Sorensen, Mantovani, Crespo, Khrin, Laxalt, Christodoulopoulos, Moscardelli, Cristaldo, Acquafresca.

Squalificati: Nessuno.

Indisponibili: Cech, Della Rocca.

 Brkic, Heurtaux, Danilo, Domizzi, Basta, Badu, Allan, Lazzari, Pereyra, Nico Lopez, Di Natale. All. Guidolin.

A disp.: Kelava, Scuffet, Naldo, Douglas, Pinzi, Fernandes, Mlinar, Jadson, Bubnjic, Zielinski, Muriel, Maicosuel.

Squalificati: Nessuno.

Indisponibili: Widmer, Gabriel Silva.

 

Arbitro: Calvarese.

 Domani pomeriggio alle ore 18.00 si gioca Bologna-Udinese, partita valida per la ventiduesima giornata di serie A, la terza del girone di ritorno. Lo stadio Renato Dall’Ara del capoluogo emiliano ospita dunque uno dei tre anticipi di oggi, disposto perché i bianconeri di Francesco Guidolin martedì sera giocheranno l’andata della semifinale di Coppa Italia contro la Fiorentina. Coppa che sta dando all’Udinese quelle soddisfazioni che mancano invece in campionato, dove i friulani hanno raccolto finora solamente 20 punti, collocandosi dunque appena al di sopra della zona retrocessione, dove rischierebbero di piombare in caso di sconfitta. Di certo ci sarebbe il sorpasso da parte della squadra allenata da Davide Ballardini, che attualmente è pienamente invischiata in questa lotta avendo raccolto soltanto 18 punti. Una sfida che quindi si annuncia piuttosto delicata, fra due squadre che non possono permettersi di perdere ma che dovranno anche cercare di vincere se vorranno modificare in modo significativo la loro posizione: eccovi dunque ora le notizie alla vigilia e le probabili formazioni di Bologna-Udinese.

  I numeri dei rossoblù felsinei sono impietosi fino ad oggi: solamente tre vittorie e fronte di nove pareggi ed altrettante sconfitte sono numeri da squadra che rischierà seriamente di retrocedere. Anche in casa le cose non vanno molto meglio, con 12 punti conquistati (due vittorie e sei pareggi) in undici partite giocate: praticamente la media è di un punto a partita, poco fra le mura amiche. Impietosi sono anche i dati relativi alla differenza reti: 20 gol segnati e 36 subiti significano un pesante -16, in cui è sotto accusa sia la difesa sia l’attacco, visto che le punte hanno segnato pochissimo. Meglio di loro Diamanti e Kone, veri punti di riferimento per la squadra di Ballardini. Quanto alla probabile formazione per la partita di domani, sarà un 3-5-1-1 in cui Diamanti agirà da trequartista in supporto della punta centrale Rolando Bianchi, che con la doppietta al Napoli ha lanciato almeno un segnale di ripresa.

  Le statistiche dei friulani mostrano una squadra in evidente difficoltà (in campionato). Ben 13 sconfitte, come Livorno e Catania: nessuno ha fatto peggio; in trasferta soli 7 punti in undici partite giocate, frutto di due vittorie e un pareggio ma anche di ben otto sconfitte; differenza reti largamente negativa (-12) a causa di 20 gol segnati e ben 32 subiti. Numeri impietosi per una squadra che nelle ultime stagioni era abbonata all’Europa. Il capocannoniere è sempre Totò Di Natale, che però ha segnato “solo” 4 gol finora. Il confronto con lo scorso campionato è impietoso: meno 10 punti. Quanto alla probabile formazione, sarà un 3-5-2 con ancora due dubbi che affliggono Guidolin: a centrocampo Pereyra pare leggermente favorito su Badu, mentre in attacco Nico Lopez ha qualche possibilità in più rispetto a Bruno Fernandes per affiancare capitan Di Natale.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità

I commenti dei lettori