Pagelle/ Olympiacos-Malmoe (4-2): i voti della partita (Champions League 2014-2015 gruppo A)

- La Redazione

Le pagelle di Olympiacos-Malmoe, partita valida per la sesta ed ultima giornata del gruppo A di Champions League: i voti del match disputato martedì 9 dicembre 2014

morata_abidal
(INFOPHOTO)

Allo stadio Karaiskákis l’Olympiacos fa il suo dovere e batte il Malmoe per 4 a 2 conquistando l’Europa League. I greci passano in vantaggio al 22′ sugli sviluppi di una rimessa laterale grazie alla quale Kasami prolunga di testa per l’inserimento vincente di Fuster, non chiuso da Konate. Gli svedesi faticano molto in fase offensiva anche se sul finire del primo tempo danno segni di vita e dopo la traversa del 38′, al 59′ pareggiano a sorpresa con il goal di Kroon, entrato da due minuti, servito da Forsberg dalla destra al termine di un gran contropiede. Al 63′ è Dominguez a salire sul palco riportando avanti i suoi con un eurogoal da fuori area al volo ma gli ospiti non demordono e, con un’azione analoga alla prima marcatura svedese, vanno in rete con Rosenberg assistito da Tinnerholm all’81’. Mitroglu però non ci sta e sotto porta all’87’ fa 3 a 2 spingendo in rete un pallone spizzato dai compagni. Al 90′ un altro subentrato, Afellay, mette anche la sua firma sfruttando il secondo passaggio vincente della partita di Kasami. Nei minuti finali il Malmoe perde la testa e Adu viene espulso per doppia ammonizione dopo un brutto intervento. Squadre molto tese in cerca della qualificazione ma ne risulta un match esaltante, ricco di goal di pregevole fattura.

Ribadisce la propria superiorità sugli avversari per due volte fino a dilagare nel finale.  

I giocatori sembravano quasi impauriti nell’attaccare e sono apparsi imprecisi nella costruzione della manovra.

Match gestito bene, opta per il doppio giallo e non per il rosso diretto nei confronti del brutto intervento di Adu su Kasami al 93′. 

Fine primo tempo al Pireo in Olympiacos-Malmoe: In attesa del risultato di Torino, in Grecia l’Olympiacos si trova in vantaggio per 1 a 0 sul Malmo dopo 45 minuti di gioco nell’ultima giornata del gruppo A di Champions League 2014-2015. I padroni di casa sembrano in generale molto tesi e, nonostante soffrano le ripartenze degli svedesi, riescono a passare al 22′ grazie al goal di Fuster sugli sviluppi di una rimessa laterale. Il Malmo, che guadagna diversi calcio d’angolo, manca sempre l’ultimo passaggio e l’occasione più grande arriva da N’dinga che devia sulla propria traversa un cross degli ospiti. Con questo risultato l’Olympiacos sarebbe comunque eliminato visto il pareggio a Torino, mentre il Malmoe non riuscirebbe a guadagnarsi l’accesso all?Europa League per il quale ha necessario bisogno della vittoria. Sfiora la rete al 10′ e prolunga il pallone di testa per il goal di Fuster. Inizia bene ma col passare dei minuti si perde e regala troppo agli avversari.  Incolpevole sul goal, si supera al 10′ salvando il risultato e mostra sicurezza.  Fatica molto sulla sua fascia ed inoltre regala lo spazio a Fuster per mettere il pallone in rete al 22′. (Alessandro Rinoldi)

Fa sentire la sua solidità uscendo in maniera precisa su tutti i palloni.

Spinge nel primo tempo per poi riposare nella ripresa. BOTIA 7 Gran partita, chiude quasi tutto.

Mezzo punto in meno per la disattenzione sul goal di Rosenberg, tenuto in gioco ingenuamente.

Rende la vita difficile agli avversari salendo in fascia destra. FUSTER 7 Bellissimo l’inserimento per l’1 a 0. Spende molto per la squadra supportando i compagni.

Un po’ impreciso, fa diversi regali agli avversari.

Diga a centrocampo, si prende un sacco di falli.

Con i suoi due assist vincenti e il goal sfiorato al 10′ si dimostra il migliore in campo.

Importantissimo per organizzare la fase offensiva, va in goal al 63′ con un tiro pazzesco.

Lotta come un leone in attacco, utile anche per tenere alti i suoi. Viene premiato all’87’ con la rete del 3 a 2.

Ottimo impatto sulla gara riuscendo anche ad andare in rete al 90′.

Inseriti nei minuti finali per tenere alta la squadra in vantaggio, non prendono parte ad azioni importanti.

All. MICHEL 7,5 La squadra sembra preoccupata di raggiungere il risultato ma la chiave tattica è quella giusta ed è impossibile che i suoi alla fine non vincano.

Tiene in ballo la squadra salvando il risultato con parate importanti. Purtroppo i suoi difensori non si comportano altrettanto bene.

Uno dei migliori, spinge nei primi minuti per poi tenere la posizione impaurito dalle fiammate avversarie.

Paga la serata no del compagno di reparto venendone trascinato.

Sbaglia troppo perdendosi di vista il giocatore da marcare in più occasioni.

Non ne azzecca una sulla sua fascia sinistra e si perde Fuster in occasione dell’1 a 0 greco. Il primo dei 22 in campo ad essere sostituito.

Bello il cross per il secondo pareggio. Tuttavia per il resto del match non si vede molto.

L’impegno c’è ma la sua intensità lo porta troppo spesso ad esagerare.

Chiude in difesa quando i compagni non sono ben posizionati ma nel finale perde la testa e si fa espellere per un brutto fallo.

Gran contropiede quello che gli fa lanciare Kroon per il primo momentaneo pareggio.

Gioca praticamente da solo in attacco e alla fine il suo goal dell’81’ risulta inutile.

Pessima prestazione in attacco non riuscendo a rendersi utile in alcun modo.

Impatto letale sul match trovando la rete dopo due minuti. THERN 5 Non pervenuto nonostante il quarto d’ora concessogli.

Ci crede e cerca di far valere la sua freschezza.

All. HAREIDE 5 Thelin andava sostituito prima e, a parte nelle ripartenze, la sua squadra non è in grado di costruire buone azioni







© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori