Probabili formazioni/ Roma Parma: ultime novità (Serie A, 22^ giornata)

- La Redazione

Probabili formazioni Roma Parma, le ultime novità. Allo stadio Olimpico i giallorossi secondi in classifica sfidano i ducali che sono in striscia positiva da dieci partite. Si gioca alle 15

garcia_applauso
Garcia Foto: Infophoto
Pubblicità

Partita molto interessante quella che si gioca alle ore 15 allo stadio Olimpico: Roma-Parma mette di fronte una squadra, i giallorossi, che è seconda con 50 punti in classifica e un’altra, i ducali, che non perde da 10 giornate, ha vinto le ultime 4 ed è in piena corsa per l’Europa League. Sono due delle formazioni più in forma del campionato, il risultato finale non è scontato e potrebbero esserci alcune sorprese. Arbitra De Marco.

Rudi Garcia dice che non si può pretendere che Francesco Totti sia sempre in campo: frase che, detta in previsione della partita contro il Parma, fa agitare i tifosi romanisti. Occorre preservarlo, ha detto, e valutare quando è meglio che giochi: dunque un capitano a rischio? Per Garcia, Totti non può giocare tre partite alla settimana, a 37 anni questo non è possibile dunque bisogna usare il buon senso. Come a calmare i tifosi, l’allenatore aggiunge che può anche scendere in campo in tutte e tre le partite settimanali, ma non si può pretendere che giochi fino alla fine. A proposito del Parma, dice che non sarà facile portare via tre punti, ma ogni gara è importante. “Non si fanno calcoli: voglio vincere sempre, l’obiettivo è questo. Mi importa solo il Parma, dobbiamo confermare la vittoria di domenica scorsa. Non penso alle diffide, penso solo a giocare la partita”. Il problema però resta; intanto si rivede quella che era la formazione titolare ad agosto, con la sola eccezione di Torosidis che gioca a sinistra in difesa. Pjanic si riprende il posto a centrocampo, mentre davanti il titolare scelto dovrebbe essere Florenzi, in campo sulla destra con Totti e Gervinho a completare il tridente.

Alla fine Tin Jedvaj è rimasto: per lui era in programma il prestito al Verona, saltato all’ultimo. Così il croato avrà poco spazio per farsi valere, anche potendo giocare davanti alla difesa. C’è Michel Bastos, alla prima con la maglia dalla Roma; da vedere se Rudi Garcia deciderà di concedergli qualche minuto, e dove lo schiererà. Alessio Romagnoli è ancora in squadra per precisa volontà dell’allenatore; giocatori come Ljajic e Destro sono un lusso dalla panchina, in due hanno già segnato 9 gol e possono cambiare l’inerzia del match andando a rimpolpare l’attacco.

Pubblicità

E’ una tegola la squalifica di Radja Nainggolan, anche se vista dal lato positivo il belga si riposa per la Coppa Italia. Balzaretti è stato operato negli Stati Uniti e non lo vedremo in campo prima di fine marzo, stesso destino per Dodò. Non è ancora disponibile Rafael Toloi, l’ultimo acquisto giallorosso sul calciomercato invernale: sarà il primo sostituto di Benatia e Castan.

Pubblicità

In previsione della sfida con la Roma, l’allenatore del Parma Roberto Donadoni parlando in conferenza stampa ha dichiarato che si tratterà di giocare contro una grandissima squadra. Valori tecnici che lasciano strabiliati, ha detto, ma la sua squadra farà il possibile per giocare alla pari. Si dice convinto di poter fare una bella figura nonostante la disparità di valori in campo, l’impegno è fermare tutto il collettivo romano, non un solo giocatore. Il Parma sta andando bene, ha aggiunto e si può continuare a fare buoni risultati. Ci sono incognite naturalmente, ma pensando sono a se stessi senza guardare agli altri si può fare bene. “Non si amo perfetti, ci sono sempre dei margini di miglioramento e tante incopgnite, ma stiamo bene. Dobbiamo però pensare solo a noi stessi, guardare fuori significa disperdere energie”. Il calciomercato invernale ha leggermente modificato l’assetto della squadra, che ad ogni modo va in campo con il solito 3-5-2 nel quale Cassani è ormai riciclato centrale insieme a Paletta e Lucarelli; a centrocampo inedita posizione per Acquah che fa il tornante a destra, con Gobbi dall’altra parte. Si rivede Gargano, al fianco di Marchionni confermato in cabina di regia. Davanti, la coppia Amauri-Cassano ha avuto problemi di diversa natura, ma ora è pronta a garantire una seconda parte di stagione di alto livello.

Dal Sassuolo sono arrivati Jonathan Rossini e Schelotto, che vanno in panchina; il Galgo in realtà potrebbe anche giocare, come esterno destro a centrocampo. C’è anche il terzo nuovo arrivo di gennaio, ovvero Molinaro che è rientrato in Italia dopo l’esperienza con lo Stoccarda. Il giovane Alessio Cerri è pronto a muovere i primi passi importanti in Serie A, ma per il momento nelle gerarchie parte dietro a Palladino che ha più esperienza. E’ tornato a disposizione da una settimana Galloppa, il cui contributo in mezzo al campo può risultare utile. Panchina anche per Biabiany, protagonista dell’ultimo giorno di calciomercato ma alla fine rimasto in Emilia (dopo essere stato ad un passo dal Milan e aver rifiutato la Lazio).

Sono fuori sempre i soliti: Obi e Pavarini, con condizioni ancora da valutare. Squalificato Felipe, non è stato convocato Jherson Vergara, arrivato dal Milan. 

 

26 De Sanctis; 13 Maicon, 17 Benatia, 5 Castan, 35 Torosidis; 15 Pjanic, 16 De Rossi, 6 Strootman; 24 Florenzi, 10 Totti, 27 Gervinho. All. Rudi Garcia

A disp.: 28 Skorupski, 1 Lobont, 33 Jedvaj, 46 A. Romagnoli, 20 Bastos, 11 Taddei, 97 Battaglia, 94 F. Ricci, 96 Mazzitelli, 8 Ljajic, 22 Destro

Squalificati: Nainggolan

Indisponibili: Balzaretti, Dodò

83 Mirante; 2 Cassani, 29 Paletta, 6 Lucarelli; 30 Acquah, 5 Gargano, 32 Marchionni, 16 Parolo, 18 Gobbi; 11 Amauri, 99 Cassano. All. Donadoni 

A disp.: 91 Bajza, 43 Coric, 35 Rossini, 51 Sall, 3 Molinaro, 8 Galloppa, 23 Schelotto, 7 Biabiany, 24 Munari, 26 J. Mauri, 9 Cerri, 17 Palladino

Squalificati: Felipe

Indisponibili: Obi, Pavarini

 

Arbitro: De Marco

 Si avvicina la partita di campionato tra Roma e Parma. Gli allenatori stanno preparando le ultime modifiche agli schemi ed alle formazioni in vista della sfida del pomeriggio. Garcia deve fare conto con le grandi defezioni causa infortuni e squalifiche, con Pjanic e Naiggolan non disponibili prende piede l’ipotesi di spostare Florenzi a centrocampo per coprire le numerose assenze. Per l’attacco spazio al tridente Ljajic, Totti e Gervinho.

Domani pomeriggio alle ore 15.00 si gioca Roma-Parma, partita valida per la ventiduesima giornata di serie A, la terza del girone di ritorno. Lo stadio Olimpico della capitale ospita una nuova partita dei giallorossi di Rudi Garcia, che proveranno a vincere per mettere pressione sulla Juventus impegnata nel posticipo serale. Per la Roma dunque una nuova tappa di un campionato finora fantastico, che potrebbe profilare una lunga volata per lo scudetto per i giallorossi. Tuttavia, guai a sottovalutare il Parma che nelle ultime settimane sta marciando molto forte e che proverà a fare un risultato a sorpresa per avvicinare ancora di più la zona Europa League. Fu la partita dello scudetto 2001 per la Roma, ma anche ora è una sfida di grande interesse: eccovi dunque ora le notizie alla vigilia e le probabili formazioni di Roma-Parma.

I numeri dei giallorossi sono naturalmente ottimi fino ad oggi. Avere conquistato 50 punti in ventuno partite dice tutto: quindici vittorie, cinque pareggi e una sola sconfitta sono numeri impressionanti. All’Olimpico la squadra di Rudi Garcia sfiora la perfezione: nove vittorie e due pareggi per la Roma davanti ai propri tifosi. La differenza reti è di + 34: ottimo l’attacco con 45 gol segnati, ma ancora meglio la difesa, che con 11 gol subiti è la meno battuta del campionato. Le reti segnate sono state ben distribuite finora, anche se forse il limite di questa squadra è proprio l’assenza di un bomber di riferimento. Piccolo dettaglio, ma che per il tricolore potrebbe fare la differenza. Per quanto riguarda la probabile formazione per domani, è da sottolineare che Nainggolan sarà squalificato, quindi nessun dubbio a centrocampo con Pjanic-De Rossi-Strootman titolari. Ben due ballottaggi invece in attacco, dove lo scatenato Gervinho è l’unico già certo di una maglia da titolare: Totti e Florenzi sono favoriti su Destro e Ljajic, ma attenzione alle sorprese. In difesa out Dodò e Balzaretti, sarà indispensabile Torosidis.

Le statistiche dei gialloblù sono più che positive. In pochi attendevano il Parma al sesto posto con 32 punti, frutto di otto vittorie, altrettanti pareggi e sole cinque sconfitte in questo campionato. Bilancio che possiamo definire positivo anche in trasferta, dove sono arrivati fino ad oggi tre successi, con quattro pareggi e tre sconfitte per un totale di 13 punti in dieci partite giocate lontano dal Tardini. La differenza reti è positiva grazie a 32 gol all’attivo (capocannoniere il grande ex Antonio Cassano con 7 gol) a fronte delle 27 reti al passivo. Proprio Cassano sarà l’uomo più atteso nella squadra di Roberto Donadoni, che gli affiancherà Amauri nel 3-5-2 emiliano. Anche a seguito delle ultime notizie di calciomercato, l’unico dubbio dovrebbe essere sulla fascia destra di centrocampo, dove il favorito dovrebbe essere Acquah. In difesa è squalificato Felipe.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità

I commenti dei lettori