Probabili formazioni/ Sassuolo-Verona, ultime novità (Serie A, 22^ giornata)

- La Redazione

Probabili formazioni Sassuolo Verona, ultime novità. Alle ore 15 di oggi le due neopromosse si sfidano al Mapei Stadium nella partita valida per la ventiduesima giornata di campionato

mandorlini_bocca
Foto Infophoto
Pubblicità

Alle 15 di oggi il Mapei Stadium di Reggio Emilia ospita Sasssuolo-Verona, partita valida per la ventiduesima giornata del campionato di Serie A. Sfida tra due neopromosse che attraversano un brutto momento pur avendo due situazioni di classifica diverse: i neroverdi sono infatti terzultimi con 17 punti e sono alla prima dopo l’esonero di Eusebio Di Francesco, in panchina c’è il veronese Alberto Malesani che con i gialloblu dell’Hellas conobbe la retrocessione nel 2002. Il Verona è settimo con 32 punti, ma ha perso le ultime tre partite e qualche dubbio sul prosieguo della stagione c’è. Arbitra Gervasoni; il Sassuolo ha cambiato tantissimo nel corso del calciomercato invernale, sconfessando certe scelte improntate sui giovani e facendo invece arrivare calciatori esperti che ora si dovranno calare nella nuova realtà e dare tutto in campo per la salvezza. In campo troviamo dunque Paolo Cannavaro, arrivato dal Napoli, che si posiziona sul centrodestra insieme a Thomas Manfredini che ha già giocato due partite con gli emiliani; a centrocampo Brighi e Biondini devono dare supporto a Marrone, rimasto titolare al centro della mediana, e Alejandro Rosi (inserito nel maxi scambio con il Parma) dovrà spingere sulla destra – a sinistra confermato Longhi. Davanti, insieme a Domenico Berardi già giunto a quota 12 gol, c’è Sergio Floccari che cerca il riscatto dopo il poco spazio trovato nella prima parte di stagione con la Lazio. Tanti gli indisponibili, da Terranova a Masucci passando per Acerbi e Magnanelli; in panchina i vari Zaza, Sansone, Floro Flores e Missiroli sono chiamati a dare il loro contributo a gara in corso. Nel Verona dovrebbe essere giunta l’ora di Cirigliano al centro della mediana, nel ruolo che fu di Jorginho; insieme a lui Romulo e Hallfredsson, mentre non cambia la linea avanzata con Iturbe e Juanito Gomez al fianco di Luca Toni. Dietro, la coppia centrale è quella formata da Moras e Alejandro Gonzalez. Solo panchina per il nuovo acquisto Marquinho, arma tattica importante insieme al quasi omonimo Martinho; Cacia e Jankovic cercano il riscatto dopo una prima parte di stagione che li ha visti decisamente poco utilizzati (soprattutto l’ex attaccante del Piacenza). Indisponibile anche Massimo Donati, che raggiunge in infermeria Maietta (ritorno previsto per fine marzo) e Agostini, che potrebbe già rientrare per la prossima partita.

 

79 Pegolo; 28 Cannavaro, 21 Manfredini, 6 Ariaudo; 87 Rosi, 22 Brighi, 8 Marrone, 16 Biondini, 3 Longhi; 25 D. Berardi, 9 Floccari. All. Malesani 

A disp.: 1 Pomini, 99 Polito, 2 Pucino, 20 Bianco, 33 Mendes, 7 Missiroli, 45 Chibsah, 86 Ziegler, 10 Zaza, 70 Farias, 83 Floro Flores, 17 N. Sansone

Squalificati: Antei

Indisponibili: Terranova, Acerbi, Alexe, Masucci, Magnanelli, Gazzola

1 Rafael A.; 29 Cacciatore, 18 Moras, 23 A. Gonzalez, 3 Albertazzi; 2 Romulo, 14 Cirigliano, 10 Hallfredsson; 15 Iturbe, 9 Toni, 21 Juanito Gomez. All. Mandorlini

Pubblicità

A disp.: 12 Nicolas, 98 Borra, 25 Marques, 30 Donadel, 17 Donsah, 26 Sala, 7 Marquinho, 6 Martinho, 11 Jankovic, 8 Cacia

Squalificati:

Indisponibili: Maietta, Agostini, M. Donati

 

Arbitro: Gervasoni

Pubblicità

Domani pomeriggio alle ore 15.00 si gioca Sassuolo-Verona, partita valida per la ventiduesima giornata di serie A, la terza del girone di ritorno. Il Mapei Stadium-Città del Tricolore di Reggio Emilia, da quest’anno casa dei neroverdi emiliani, ospiterà dunque la sfida fra due neopromosse che a dire il vero stanno vivendo situazioni molto diverse. Il Sassuolo ha mostrato sprazzi di grande calcio, ma in modo troppo discontinuo, tanto che ad oggi sarebbe retrocesso. Ecco perché Eusebio Di Francesco è stato esonerato, e al suo posto toccherà ad Alberto Malesani cercare di conquistare la salvezza. Per il tecnico veronese l’esordio sarà proprio contro la “sua” Hellas, rivelazione del campionato ma in netto calo nel mese di gennaio. Ecco perché gli uomini di Andrea Mandorlini saranno molto determinati a cercare un risultato che spezzerebbe la recente serie negativa rilanciando magari addirittura il sogno europeo. Questi i temi principali della partita: eccovi dunque ora le notizie alla vigilia e le probabili formazioni di Sassuolo-Verona.

I numeri dei neroverdi emiliani parlano finora di 17 punti conquistati, frutto di quattro vittorie, cinque pareggi e dodici sconfitte. Non sono mancate grandi soddisfazioni, accompagnate però da crolli clamorosi testimoniati dai ben 46 gol subiti, nettamente la peggiore difesa del campionato. Buono il numero dei 22 gol segnati, anche se oltre la metà portano la firma del solo Domenico Berardi, dal quale il Sassuolo dipende forse troppo. In casa sono arrivate finora tre vittorie, un pareggio e sei sconfitte: da questo si capisce che il fattore campo, giocando a Reggio Emilia, funziona troppo poco, e questo è un brutto handicap nella corsa alla salvezza. Il patron Giorgio Squinzi ha praticamente rifatto la squadra a gennaio, probabilmente a Malesani servirà tempo per trovare nuovi equilibri. Anche per questo non è facilissimo ipotizzare la formazione titolare: i due dubbi più grossi sono quelli tra Mendes e Bianco in difesa (favorito il primo) e tra Longhi e Ziegler sulla fascia sinistra, con l’italiano favorito. In attacco Berardi sarà affiancato dal nuovo acquisto Floccari, nuovo terminale del 3-5-2 del Sassuolo.

Le statistiche dei gialloblù sono molto positive, con 32 punti frutto di dieci vittorie, due pareggi e nove sconfitte. In trasferta però l’Hellas non va benissimo: due vittorie, altrettanti pareggi e ben sei sconfitte in dieci partite fuori casa. Ora servirebbe però un successo per dimenticare un gennaio molto negativo, forse condizionato anche dal calciomercato che tuttavia non ha smantellato il tridente formato da Iturbe, Toni e Gomez, che sicuramente costituisce il punto di forza della squadra di Mandorlini con i nove gol segnati dal veterano azzurro e i cinque del talento emergente sudamericano. Insomma, servirebbe una ripartenza nella partita che l’anno scorso sarebbe stato il big-match della serie B. Nella formazione per domani ci sono ancora due dubbi: in difesa Gonzalez è favorito su Marques, a centrocampo Cirigliano è avvantaggiato su Donati per fare il regista senza far rimpiangere l’ormai ex Jorginho.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità

I commenti dei lettori