Atalanta-Napoli/ Il pronostico di Mino Favini (esclusiva)

- int. Mino Favini

Napoli-Atalanta è una delle partite in programma per la ventiduesima giornata del campionato di Serie A: introduzione al match e pronostico in esclusiva con Mino Favini

inler_cazzola
(INFOPHOTO)

Il pronostico di Atalanta-Napoli secondo Mino Favini, storico allenatore delle giovanili atalantine. Oggi allo stadio Atleti Azzurri d’Italia va in scena la partita tra Atalanta e Napoli. La squadra di Colantuono, reduce dalla sconfitta di Torino, affronta quella di Benitez caricata dalla qualificazione in Coppa Italia, a spese della Lazio. L’Atalanta sta disputando un campionato discreto, per ora in linea con i programmi della società, con l’obiettivo di raggiungere la salvezza il più presto possibile. Il Napoli non è riuscito a mantenere il passo di Juventus e Roma, ha avuto troppi alti e bassi, e punterà in questa seconda parte di stagione a centrare la zona Champions League, oltre che a fare ottime cose in Coppa Italia e in Europa League. Sarà in particolare una sfida tra i due reparti offensivi, quello della formazione nerazzurra formato dall’ex Denis e Maxi Moralez, e quello del Napoli, tra i più forti di questo torneo di serie A. Per presentare questo match abbiamo sentito Mino Favini, responsabile del settore giovanile dell’Atalanta. Eccolo in questa intervista in esclusiva per ilsussidiario.net.

Atalanta–Napol: partita delicata per la squadra di Benitez, troppo altalenante in questo campionato. Perché? Bisognerebbe essere dentro il Napoli per capire i motivi di questi ritardo in classifica, e questa mancanza di continuità che interroga un po’ tutti.

Cosa manca al Napoli per competere per lo scudetto? Credo proprio che a Benitez debba essere lasciato il tempo giusto per lavorare. Lui è un tecnico valido, molto preparato: la pazienza pagherà.

Le piace Jorgihno? Che contributo potrà dare al Napoli? E’ un buon giocatore nonostante la giovane età, credo che sarà molto utile soprattutto per far rifiatare qualcuno in campionato. Ha impiegato poco a prendere le misure alla Serie A e anche nel Napoli il su redimento non dovrebbe calare. 

Come giudica il campionato dell’Atalanta? Buono, sicuramente siamo sulla strada giusta per ottenere la salvezza. Ma in effetti basta poco, una o due sconfitte, per perdere posizioni importanti di classifica: non siamo nelle condizioni di poterci tranquillizzare. A Torino meritavamo qualcosa di più ad esempio e abbiamo perso un punto importante.

Che partita sarà contro il Napoli?

Combattuta, dove l’Atalanta giocherà per vincere. In casa abbiamo fermato anche l’Inter e la Roma: siamo trascinati dal pubblico che ci dà sempre una spinta molto importante per ottenere buoni risultati. Solitamente la salvezza dell’Atalanta si fonda sul redimento interno.

Denis–Moralez contro l’attacco del Napoli: quello partenopeo è il reparto più forte del campionato?Denis non sta attraversando un grande periodo di forma, ma può sempre tirare fuori dal cilenidro azioni molto importanti, e non mi riferisco solo ai gol. Moralez è giocatore dalla tecnica indiscutibile. Dall’altra parte il reparto offensivo del Napoli è estremamente competitivo, tra attaccanti e trequartisti, ed è in grado di mettere in difficoltà qualunque squadra.

Il suo pronostico? Tutto considerato sarà veramente una partita da tripla.

(Franco Vittadini)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori